Cosa si intende per permuta di una casa? In sostanza, stiamo parlando dello scambio tra due soggetti di un bene immobiliare, ad esempio un appartamento. Grazie a questa forma di scambio è possibile cedere un appartamento al mare che non si utilizza più per diversi motivi, ed avere una casa in montagna dove si desidera trascorrere delle giornate rilassanti.

La permuta non è altro che il riutilizzo di una storica forma si scambio, vale a dire il baratto, in cui si scambiava un bene con un altro bene. Il nostro paese sta vivendo tempi difficili, molte persone hanno perso il lavoro, altre sono state messe dalla propria azienda in cassa integrazione, quindi percepiscono uno stipendio minore, la conseguenza è che gli italiani hanno bisogno di limitare al minimo indispensabile le spese.

La permuta in generale permette di avere ciò che si desidera o di cui si ha bisogno, dando in cambio un qualcosa che non si utilizza più. Esistono numerosi siti internet, come Permute.it, grazie ai quali è possibile scambiare oggetti vari, come automobili, scooter, accessori ecc. E’importante sapere che è in crescente aumento il numero di persone che decide di ricorrere a questo servizio per soddisfare i propri bisogni.permuta casa

Caratteristiche principali della permuta immobiliare

Questa operazione permette a due proprietari di scambiare reciprocamente la loro casa. Negli ultimi tempi chi desidera comprare una casa diversa da quella che già possiede incontra diverse difficoltà, relative all’accensione di un nuovo mutuo, alla gravità delle spese da pagare ecc.

Con questo semplice scambio di appartamenti le spese economiche e fiscali sono inferiori rispetto ad una situazione in cui prima si vende una casa e poi se ne acquista un’altra e inoltre non si rischia di compromettere la compravendita se i tempi di vendita della prima casa e di acquisto della seconda non avvengano nei tempi previsti. Inoltre le spese da affrontare sono minori, perchè la permuta è considerata dal Codice Civile un contratto che da vita a un unico negozio giuridico, quindi il pagamento delle imposte è relativo a un solo contratto e non si riferisce alle due compravendite.

Esistono altre spese?

E’importante sapere che le spese relative alla permuta casa devono essere equamente affrontate da entrambe le parti, salvo patto contrario.

Nel caso in cui un immobile abbia un valore economico superiore all’altro, lo scambio può avvenire ugualmente, ma l’interessato dovrà versare all’altro la somma relativa alla differenza. In questi casi l’interessato può chiedere di accendere un mutuo o chiedere un prestito. Nel caso in cui invece su uno dei due immobili penda un mutuo, il nuovo acquirente può liberamente scegliere se effettuare l’accollo del mutuo oppure cambiarlo e scegliere magari un’altra banca. E’importante sapere che in questo caso le eventuali spese relative all’accensione del nuovo mutuo, sono solo a carico del richiedente.

Le agevolazioni fiscali nel settore immobiliare

Per rilanciare un settore che ha risentito degli effetti devastanti della crisi economica, il Governo Renzi nello Sblocca Italia ha varato delle misure che hanno lo scopo di rilanciare l’edilizia a 360 gradi, passando dalle ristrutturazioni agli affitti in una logica di detrazioni delle tasse che possano rilanciare i consumi e un mercato finora troppo stagnante.

Nel decreto è contenuto un capitolo importante per quanto riguarda la permuta e la ristrutturazioni di immobili. Infatti, chi decide di vendere immobili non di lusso ma che hanno un alto consumo di energia ad aziende che ristrutturano tali edifici facendoli diventare di classe A o B potrà pagare in un costo fisso l’imposta di registro, ipotecaria e catastale. Lo stesso discorso vale per la permuta, ossia per lo scambio di immobili con l’acquisto, dalle aziende di costruzione, di case ristrutturate o di nuova realizzazione. Le agevolazioni fiscali oscillano tra il 50% e il 65% sulla detrazione IRPEF. L’ultima ipotesi è percorribile qualora si acquisti un fabbricato di nuova realizzazione con classe energetica A che deriva dalla demolizione dell’immobile preesistente.

Altra misura importante contenuta nello Sblocca Italia riguarda il tema affitti: chi decide di acquistare casa e di affittarla attraverso la formula del canone concordato per un periodo di tempo uguale a otto anni potrà beneficiare della deduzione IRPEF del 20% fino a un massimo consentito di 300mila euro.

Tutte queste norme servono, come detto, per rilanciare un settore che ha vissuto anni bui per via della crisi economica che ha dimezzato se non azzerato il potere d’acquisto dei cittadini. D’altra parte, i prezzi delle case e gli affitti delle stesse sono cresciuti in maniera non proporzionale con gli stipendi così che oggi viviamo una situazione in cui i costi stanno diminuendo ma non ancora in misura tale da permettere ai cittadini di potersele comprare, soprattutto se stiamo parlando di persone single, che con un salario solo devono far fronte a più spese contemporaneamente. Lo scenario non è positivo neanche per gli imprenditori, visto che le case realizzate sono rimaste invendute, con una consistente perdita dal punto di vista del bilancio economico. Ecco perchè queste norme di legge cercano di stimolare entrambe le parti del settore immobiliare, sia chi vuole vendere che chi vuole acquistare un immobile.





Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Diritto di prelazione immobiliare

La prelazione è il contratto col quale, a parità di condizioni, una parte attribuisce all'altra il diritto a essere preferito a terzi. La prelazione può essere:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Quali sono le tende da sole migliori per la casa

Quando si ha la necessità di proteggere dai raggi del sole un giardino, una terrazza o un balcone, il ricorso alle tende da sole è pressoché inevitabile, soprattutto nel corso della stagione estiva. Al di là della loro funzione pratica, esse contribuiscono a definire l'aspetto estetico del contesto in cui vengono applicate, anche perché sono disponibili in una grande varietà di modelli e di soluzioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top