Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Il mercato immobiliare è ormai un settore molto complesso, come ci spiega l’Agenzia Casa Immobiliare di Grosseto, nella compravendita degli immobili è quindi di fondamentale importanza avere un approccio competente e non approssimativo. Per questo avvalersi del supporto di professionisti realmente qualificati, che possiedano una conoscenza profonda del territorio nel quale operano e della non meno importante parte giuridico-contrattualistica della compravendita immobiliare.

Un altro aspetto importante è che gli operatori dell'agenzia permettono ad un soggetto, che intende effettuare la compravendita di un immobile, di essere sollevato da diverse incombenze burocratiche e pratiche, che possono far perdere tempo dietro a questa operazione, soprattutto per quelle persone molto impegnate dal punto di vista professionale e familiare. E questo è un aspetto non secondario di cui diversi soggetti tengono conto.

Valutazione dell'immobile

Affidarsi ad un’agenzia immobiliare serve in primo luogo a ottenere una reale e corretta valutazione dell’immobile, sia che ci si appresti ad acquistare, sia che si voglia vendere. Il professionista immobiliare deve tenere presente il reale andamento del mercato e attribuire dunque all'immobile un “prezzo di mercato” che porti il potenziale acquirente a fare un buon investimento, e allo stesso tempo che permetta al proprietario dell'immobile di non perdere mesi, a volte anni, proponendo sul mercato la propria casa con un prezzo non realistico ne' aggiornato al momento storico attuale.

Infatti, il venditore mira ad ottenere una somma congrua dall'immobile, che non sia ritenuta eccessivamente ridotta rispetto alle sue aspettative e soprattutto nel minor tempo possibile, ma tenendo sempre conto del valore effettivo del locale oggetto di vendita, in base a diversi fattori. Allo stesso modo, l'acquirente intende effettuare un buon investimento, che possa anche fruttare nel corso del tempo, senza tuttavia incorrere in brutte sorprese o irregolarità e pagando una cifra corrispondente alle reali quotazioni di mercato.

Per fare una corretta valutazione del valore di un immobile l'agente immobiliare deve considerare tutta una serie di variabili che sfuggono al privato che tenta di addentrarsi da profano nel mondo delle compravendite immobiliari. Il professionista deve tener conto non solo della metratura, ma anche di altre caratteristiche altrettanto importati come la posizione dell’appartamento, il contesto urbanistico e sociale in cui è inserito (quindi si pone in diretto contatto con organi quali il catasto), la presenza di servizi, negozi, scuole o aree verdi, e poi delle caratteristiche intrinseche della casa come il piano dell'edificio, la presenza o meno di ascensore e di barriere architettoniche, lo stato degli impianti, la necessità di attuare o meno una ristrutturazione, il panorama fruibile dall'immobile stesso e tanti altri elementi più o meno soggettivi che concorrono a determinare il valore di un immobile.

Se desideriamo vendere la nostra casa senza incorrere in problematiche tecnico-giuridiche e realizzare un buon affare dunque ricorrere a professionisti del settore immobiliare risulta la scelta più sensata. Il passaggio successivo è quello di attuare una scrematura, fare una scelta tra le tante agenzie immobiliari presenti sul mercato. Conviene affidarsi a soggetti che siano da tempo presenti nel panorama immobiliare, che comunichino fiducia e professionalità, e che operino in maniera efficace e competitiva.

Promozione e visibilità

L'agenzia immobiliare a cui decidiamo di ricorrere serve anche a garantirci che sia conferita la giusta visibilità all’immobile da promuovere, sia in un’ottica locale che in una di più ampio respiro. Ampliare il target e il pubblico a cui rivolgere la propria offerta è spesso la scelta vincente per vendere. Il classico annuncio su giornale o il cartello Vendesi sono ormai strumenti obsoleti e insufficienti per vendere un'immobile e ottenere risultati rilevanti in tempi ragionevoli.

Tra i compito del professionista immobiliare c'è anche quello di ricorrere ai giusti strumenti di promozione e ai portali più adeguati proprio per sfruttare al meglio le smisurate potenzialità del web.

Infatti, attraverso la scelta di operatori di agenzie serie, con esperienza pluriennale e affidabili, non solo si possono ridurre i tempi di vendita di un immobile, ma anche facilitare l'incontro con eventuali potenziali acquirenti, che siano realmente interessati a concludere positivamente un accordo ed ottenere così una piena e reciproca soddisfazione dall'operazione.

Professionalità e formazione

Rispetto a quanto non accadeva in passato adesso per diventare agenti immobiliari è necessario seguire un determinato corso di formazione al fine essere adeguatamente preparati e competitivi in un mercato che si presenta quantomai ostico. Ipso facto riuscire ad affidarsi ad una persona effettivamente formata nel settore potrebbe essere un vantaggio più in termini di qualità ma anche e soprattutto sicurezza visto che l’eventuale investimento che stiamo andando ad effettuare potrebbe essere il più grande della nostra vita.

Per diventare agenti immobiliari cosa bisogna fare? Innanzitutto bisogna partire dal giusto presupposto che non è necessaria la laurea (anche se è altamente consigliato seguire corsi di laurea appositi offerti per esempio dalla Borsa immobiliare di Roma) ed effettivamente bisognerebbe avere semplicemente il diploma di scuola superiore.

Detto ciò è necessario frequentare un corso apposito di formazione capace di introdurci nelle dinamiche più complesse del mercato immobiliare: seguito lo stesso e dopo aver studiato non rimane che sostenere un esame che scinde la sessione orale e quindi pratica a quella scritta.

Superati eventualmente entrambi gli esami si viene iscritti nell’albo degli agenti immobiliari e da lì si spalancano le effettive porte di una carriera lavorativa che per molti ha rappresentato un vero e proprio punto di svolta.

I compensi, infatti, sono molto più alti di quelli che si possa supporre sia in caso di compravendita che di affitto. In particolar modo nel primo caso il guadagno in percentuale dell’operatore oscilla tra l’1% e il 2% della compravendita e se riflettiamo sul prezzo medio di un’abitazione ci rendiamo conto che non è affatto poco.

Ovviamente ci vogliono costanza e, come qualsiasi campo della vita, anche un po' di fortuna. Si sa, comunque, che inizialmente i tempi saranno un po' duri ma guai a demordere perché nella caparbietà e nella fiducia dei propri mezzi è possibile costruire palazzi con basi assolutamente stabili.

Fatto questo ampio preambolo una domanda è lecita farsi: conviene fare di testa propria con conoscenze limitate sul mercato o conviene affidarsi ad un operato formato ed esperto che come detto in precedenza può disbrigare per noi anche tutte le parti burocratiche e legislative? Secondo noi assolutamente si e trovare qualche testa razionale che la pensa come noi è veramente difficile…





Potrebbe interessarti

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Adeguamento Istat per il canone della locazione: costo dell'affitto determinato dal costo della vita

Il cosiddetto “adeguamento Istat della locazione” rientra nel calcolo annuale dell’istituto nazionale delle statistiche che tratta i cambiamenti che si verificano ciclicamente sul costo della vita. Tale indice riguarda tutti i possibili “campi” che concorrono a formare, appunto, il costo della vita; per essere chiari e semplici al tempo stesso, quindi, possiamo citare i costi dei generi alimentari, delle sigarette, dei medicinali e, appunto, dei canoni di locazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Leggi tutto...
Go to Top