Affrontare ristrutturazioni importanti comporta sempre delle spese ingenti e, parallelamente, interventi di una certa rilevanza, che interessano l’edificio da un punto di vista strutturale: revisione di planimetrie, rifacimento degli impianti, spostamento di muri. In questo caso la demolizione è una parte necessaria dei lavori, e si mette in conto di dover smantellare e ricollocare anche la pavimentazione. In altri casi, però, demolire un’intera pavimentazione o un segmento di essa può rappresentare un vero e proprio problema, sia in termini di spese economiche, sia per le tempistiche e i disagi dovuti a un lavoro lungo e invadente.

Per questo motivo, molto spesso si ricorre ad alcune particolari tecniche di posa (ad incollaggio o in appoggio) e a specifici materiali, come le piastrelle Marazzi della linea Clays Cotton, formato 60x60, appositamente pensati per rimodernare un ambiente con un nuovo pavimento, senza però incorrere in lavori pesanti, lunghi e costosi.

Quando ci si appresta a rimodernare una stanza o parte di un appartamento si tende naturalmente a fare economia sulle spese per i materiali, costi della manodopera, tempi ed energie. Nel caso di piccole migliorie o cambi di look, ad esempio, si può pensare di cambiare la pavimentazione riducendo al minimo costi e tempi, ed evitando persino – in determinate situazioni – di spostare il mobilio, specialmente quanto si tratta di grandi e pesanti armadi o di mobili semi-fissi. In questo caso si può quindi scegliere di coprire il vecchio pavimento con un nuovo strato che fungerà da effettiva pavimentazione, per il quale sono attualmente disponibili vari campionari di materiali, dimensioni e texture.

Innanzitutto è bene fare chiarezza su un concetto preliminare: se si decide di coprire un vecchio pavimento, le strategie per la posa sono due:

vasca da bagno 638x425 

  1. Metodo di posa ad incollaggio. In questo caso viene steso un sottile strato di materiale adesivo tra il vecchio pavimento e quello nuovo, in modo che quest’ultimo rimanga saldamente incollato allo strato sottostante. È chiaro che una soluzione del genere non è indicata per cambi di look temporanei: rimuovere una pavimentazione incollata è infatti un’operazione delicata, lunga e costosa, che si risolve con la rottura della pavimentazione e la posa da zero di un nuovo pavimento. È quindi ovvio che il metodo di posa ad incollaggio – che sia parziale o totale – è consigliato solo nel caso in cui si preveda di tenere la pavimentazione così installata per almeno qualche anno.
  2. Metodo di posa ad incastro. È detto anche metodo in appoggio con posa fluttuante, nome che evoca strani presentimenti, ma in realtà è un metodo molto praticato e più che affidabile. La differenza con la posa ad incollaggio sta essenzialmente nell’assenza di qualsiasi tipo di colla. Questa caratteristica ha varie ripercussioni: appoggiare il pavimento invece di incollarlo vuol dire lasciare aperta la porta ad eventuali modifiche a breve termine, perché la pavimentazione così posata può essere rimossa o sostituita senza interventi impegnativi. Questa tecnica si posa si basa infatti su un esatto gioco di incastri tra i vari elementi che formano il pavimento, con una precisione (più che) al millimetro: è proprio la qualità del sistema ad incastro a determinare la compattezza della pavimentazione, per cui – a differenza del sistema ad incollaggio, in cui parquet, ceramica, pvc o di altro funzionano tutti ugualmente bene – nel sistema ad incastro è bene prestare attenzione al materiale che si sceglie in fase di progettazione.

Scegliere il metodo di posa dipende, quindi, dai gusti personali, dalle prospettive future e dai materiali utilizzati per la pavimentazione. In entrambi i casi, bisogna tener presente che l’operazione non consiste in una semplice sovrapposizione (in questo caso, infatti, si avrebbe a che fare con tutta una casistica di problemi, come il taglio delle porte, la giunzione con pavimentazioni esistenti in altri ambienti, ecc.) bensì di un intervento specifico con materiali particolari. La chiave, infatti, sta proprio nella sottigliezza della pavimentazione che costituirà lo strato superiore. 

  • Tra i materiali più utilizzati c’è sicuramente il gres porcellanato sottile (o gres laminato), una lastra di ceramica a pasta opaca, densa e dura capace di coniugare le caratteristiche del classico gres porcellanato (la resistenza e la semplice manutenzione, innanzitutto) con lo spessore ridotto, indispensabile per la posa senza lo smantellamento del pavimento sottostante. Solitamente le lastre non sono più spesse di tre millimetri e hanno dimensioni e forme variabili. 
  • Un’altra soluzione molto utilizzata, ma di minor pregio, è il pavimento in PVC, policloruro di vinile, che presenta il notevole vantaggio di poter imitare e riprodurre l’aspetto di qualsiasi altro materiale; inoltre, grazie alla possibilità di usare lastre stratificate autoadesive, l’operazione di posa è davvero tra le più semplici. 
  • Negli ambienti moderni e con un design minimalista è spesso consigliata la pavimentazione in cemento o in resina: i rivestimenti a base cementizia sono sempre più diffusi e oltre che da una grande versatilità sono caratterizzati da un’imbattibile resistenza, dalla facilità con cui possono essere installati sopra precedenti pavimentazioni e dalla semplicità con cui si puliscono.




Potrebbe interessarti

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale online: come ottenerla seduti comodamente da casa

Per ottenere una visura catastale gratuita è sufficiente che l’interessato si rechi presso l’Agenzia del Territorio per una consultazione. Esiste un altro modo per prendere visione dei dati catastali richiesti: online, sempre accedendo tramite il servizio offerto dal portale dell’agenzia del territorio. È sufficiente indicare il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali e la provincia in cui è collocato l’immobile di cui si richiedono le informazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Leggi tutto...
Go to Top