I pannelli radianti sono pannelli al cui interno passano dei tubi di materiale resistente alle alte temperature e al peso del calpestio e che vengono posti sotto il pavimento o negli interstizi delle pareti o del soffitto – a seconda delle esigenze. In questi pannelli radianti vi si fa passare il calore generato dall’impianto di riscaldamento o di raffrescamento per “radiare”, appunto, il calore o il fresco nell’ambiente domestico. Gli impianti a pannelli radianti sia per il riscaldamento che per il raffreddamento coniugano l’elevato comfort al risparmio energetico. Sostituiscono i termosifoni, sono invisibili e quindi esteticamente vantaggiosi e permettono di sfruttare meglio gli spazi, soprattutto nelle abitazioni di piccole dimensioni.

Pannelli radianti per riscaldare e rinfrescare

Il vantaggio di un sistema a pannelli radianti è che l’impianto offre una soluzione per il riscaldamento invernale, ma anche per il rinfrescamento in estate. Con un unico impianto è possibile climatizzare l’abitazione in tutte le stagioni. I pannelli radianti funzionano in abbinamento a un impianto di riscaldamento nuovo o antecedente, ma l’abbinamento migliore è con i sistemi a pompa di calore perché sfruttano al meglio i regimi a basse temperature e massimizzano il risparmio energetico.

Il sistema radiante, inoltre, comporta un riscaldamento o un raffrescamento degli ambienti in modo omogeneo, graduale per una sensazione di benessere immediata, proprio grazie alla tecnica dell’irraggiamento. L’umidità viene gestita da un deumidificatore che restituisce livelli ideali per il corpo umano.

alt=

Poiché i pannelli radianti funzionano bene con acqua a bassa temperatura (tra i 25° C e i 40° C), oltre che con i sistemi integrati a pompa di calore, si possono abbinare anche alle caldaie a condensazione, ai generatori a biomassa, al fotovoltaico, agli impianti solari e in genere a qualsiasi tecnologia che utilizza le energie rinnovabili. I sistemi a pompa di calore, tuttavia, hanno un’efficienza del 25% in più rispetto agli altri impianti e rispetto ai ventilconvettori. Le componenti di un impianto radiante comunicano tra loro in modo perfetto e sono anche gestibili con sistemi wi-fi o di controllo remoto.

Di seguito una selezione di prodotti che ci sentiamo di consigliarti

pannelli radianti
Compra su Amazon

KLARSTEIN Wonderwall Air Art Smart - Pannelli Radianti Infrarossi, Raidatore di Calore, 120 x 60 cm, 700 W, 7-14 m², Wi-Fi

Prezzo su Amazon.it: €209,99
pannelli radianti
Compra su Amazon

KLARSTEIN Wonderwall Air Art - Pannello di Riscaldamento a Infrarossi, 60x101cm, 600W,Carbon

Prezzo su Amazon.it: €139,99
pannelli radianti
Compra su Amazon

Klarstein Wonderwall - Pannello Riscaldante a Infrarossi, Cristalli di Carbonio

Prezzo su Amazon.it: €124,99

Quali sono le tipologie di impianti

I pannelli radianti possono essere classificati nel modo seguente:

  • Impianti radianti a pavimento: si installano tra la gettata di cemento e il rivestimento del pavimento, la posa è semplice, ma i lavori di muratura richiesti sono impegnativi, per cui è consigliabile la posa in fase di ristrutturazione;
  • Impianti a soffitto: come per quelli a pavimento, i lavori di muratura sono complessi. Ideali per il raffrescamento;
  • Radianti a parete: hanno il più alto grado di efficienza e si adattano ad ogni tipo di parete.

impianto di riscaldamento

Un impianto radiante entra a regime in poco tempo dall’accensione a vantaggio del risparmio energetico; se i pannelli radianti vengono abbinati a sistemi di termoregolazione per il controllo automatico della temperatura di mandata all’impianto in funzione, si garantisce sempre la migliore prestazione sia in termini di risparmio che di benessere.  La dispersione termica di questi impianti, infatti, è inferiore grazie all’isolamento degli elementi portanti e il risparmio che si riesce a ottenere va dall’8% al 30%.

L’impianto deve ovviamente essere affidato allo studio di fattibilità di un architetto e realizzato da tecnici professionisti per un lavoro a regola d’arte.

impianto di riscaldamento

I pannelli radianti abbinati a un sistema di climatizzazione a pompa di calore sono utili sia per il riscaldamento che per il rinfrescamento, infatti utilizzando la stessa tubazione è possibile far passare tramite la pompa di calore aria fresca dall’esterno per climatizzare gli ambienti. Con un unico dispositivo si risparmia sull’installazione dei climatizzatori tradizionali e con minori emissioni inquinanti. Anche se i costi iniziali sono piuttosto elevati, la spesa si ammortizza nel tempo, ma anche rapidamente considerando l’utilizzo per tutto l’arco dell’anno.

Scegliere un impianto a pannelli radianti abbinato a un sistema a pompa di calore significa, in sostanza, ottenere un vantaggio economico con risparmi di energia dall’8 al 30 % sui consumi medi annui, miglior rendimento, affidabilità e lunga durata dell’impianto, facilità di manutenzione.



Potrebbe interessarti

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Immagine usata nell'articolo Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi anche...

Umidità, muffe e condensa: come risolvere una volta per tutte questi problemi

Chi si trova a doversi confrontare con condensa, muffe e umidità sa bene di cosa parliamo. La presenza di acqua può provocare dei grossi inconvenienti come il deterioramento di mobili, abiti e tessuti causati dalle muffe e la diminuzione del comfort termico unito ad una sensazione di aria pesante in casa.

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Go to Top