Siete stufi di fare la fila alla posta? Non avete tempo di passare all'ufficio più vicino per pagare le vostre bollette? Oppure semplicemente siete curiosi di affidarvi alle nuove tecnologie per facilitare ulteriormente la vostra giornata? Se la risposta a queste domande è si siete capitati nel posto giusto. Mettetevi comodi e godetevi questo approfondimento.

Se si è in possesso di una carta prepagata "postepay", è possibile pagare le bollette stando comodamente a casa seduti davanti al computer. Oltre ad evitare le eventuali code presso gli sportelli delle Poste, i titolari di conti correnti online che prevedono bonifici a zero spese, potranno in tal modo risparmiare anche l'attuale commissione di 1,10€ che le Poste addebitano sul pagamento di ciascun bollettino.

I cittadini possono pagare i bollettini postali anche attraverso canali alternativi a quelli delle Poste, riuscendo a risparmiare sul costo della commissione, pari a 1,10 euro per il pagamento allo sportello e a 1 euro per il pagamento sul conto postale on line. Ormai infatti andare alle Poste è diventato comunque difficile per chi ha un lavoro, una famiglia ed è costretto a passare da una parte all’altra della città. I servizi on line, così come sono stati elaborati da altre grosse aziende, consentono un notevole risparmio di tempo e fanno sì che si possono fare più cose senza più interminabili file allo sportello. Un modo anche per gli operatori delle Poste di snellire la fila, offrendo più servizi alla clientela in modo da fidelizzarla il più possibile.

Procedura per pagare i bollettini postali

Quando si decide di effettuare il pagamento online, la prima cosa da fare è la registrazione sul sito delle Poste, recandosi alla pagina web Poste e cliccando sulla dicitura "registrati ora". Successivamente si dovrà cliccare su "Registrazione per residenti in Italia" e compilare tutti i nostri dati anagrafici, compresi numero di cellulare e e-mail indispensabili per ricevere i codici di attivazione.

Dopo aver premuto sul tasto “Continua”, scegliere una password e premere nuovamente su "Continua". Arriveranno via e-mail e cellulare dei codici di attivazione, da inserire nei campi appositi, in modo tale da completare il processo di registrazione. Tornando nella home page del sito delle Poste, bisogna inserire nei capi a destra l'username e la password scelti in precedenza e cliccare sul tasto "Invia". 

Pagare il bollettino via web

Nella pagina web che si apre si deve cliccare a destra su "Paga un bollettino", poi su "Compila un bollettino", dove si sceglierà il tipo di bollettino da pagare (premarcato o generico). Dopo aver compilato il bollettino, facendo attenzione a inserire l'esatto importo da pagare, cliccare su "Continua".

Completare il processo di pagamento online

Lo step finale sarà cliccare su: "Paga bollettino”, “metti nel carrello” e “Continua. Per completare il processo di pagamento, bisognerà inserire i dati della postepay e cliccare su "Continua". All'indirizzo e-mail delle Poste arriverà la ricevuta di pagamento del bollettino; essa andrà stampata e conservata.

Altre modalità

Poste Italiane inoltre permette altre modalità per i pagamenti on line, un modo per aiutare i cittadini a fornirgli servizi più veloci e al passo con i tempi. Internet infatti ha ormai una potenza mondiale e tutti si muovono attraverso il web, dalle piccole cose come le ricerche su Google ai pagamenti delle bollette e ai servizi di home banking. Per questo motivo tutte le grandi aziende hanno capito l’importanza di Internet e sfruttano il web per fidelizzare di più la clientela. Tornando alle Poste Italiane, oltre alla PostPay si può pagare in via telematica anche tramite il Conto personale o la carta di credito. Ma l’azienda ha riservato un servizio anche attraverso il telefono: attraverso il proprio Conto BancoPosta si può accedere al servizio Phone Banking. Ecco quali sono i servizi per i quali non serve andare direttamente alla Posta

  • utenze e altri fatturatori (sono esclusi i bollettini RAV)
  • tasse, tributi e contravvenzioni riferiti ad Enti Locali, polizia municipale e polizia locale
  • bollettino TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili), in vigore per il 2014 che potrebbe sparire però il prossimo anno visto che l’intenzione del Governo è quello di unire TASI e IMU in una tassa unica. Per i Comuni previsti, la TASI si paga in due dilazioni, una a metà ottobre e l’altra a metà dicembre per il saldo finale.
  • Bollo auto, per tutte le città e le province italiane
  • Tributi locali, questo servizio è attivo in alcuni Comuni, per i quali è consentito pagare tasse come la Tosap, Tarsug, Pubblicità e violazioni
  • Bollettino MAV

Per attivare il Conto BancoPoste è molto semplice e basta seguire le informazioni presenti sul sito ufficiale dell’azienda che accompagnerà l’utente in tutti i passaggi da fare e sui vantaggi del conto, come i servizi disponibili, i pagamenti, gli investimenti, i finanziamenti e il trasferimento denaro.





Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di mediazione immobiliare

Il contratto di mediazione immobiliare, disciplinato dagli artt. 1754 - 1765 c.c. regola l’attività di chi intende affidarsi a un mediatore (es.agenzia immobiliare), per la compra-vendita di un'abitazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Saldatura a gas: come farla?

Una delle opere che solitamente necessitano all'interno della propria abitazione è quella della saldatura di materiali di vario genere. Oltre che nei casi di acquisto o di affitto di un nuovo immobile, all'interno del quale si dovranno effettuare lavori di ristrutturazione più o meno ingenti, la saldatura può essere necessaria anche in caso di guasti, rotture ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Energia casa: cosa sono le offerte luce Placet?

Le offerte luce e gas Placet sono entrate in vigore da poco più di due mesi: Placet è l'acronimo di Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela, ma per capire meglio di che cosa si tratta è opportuno un approfondimento più accurato. Si tratta, in pratica, di offerte sperimentali che vengono messe a disposizione delle piccole imprese e dei clienti domestici che al momento si avvalgono ancora del servizio di maggior tutela, in attesa del passaggio obbligatorio al libero mercato che avverrà - a meno di ulteriori ma improbabili rinvii - nel luglio del prossimo anno.

Leggi tutto...
Go to Top