Siete stufi di fare la fila alla posta? Non avete tempo di passare all'ufficio più vicino per pagare le vostre bollette? Oppure semplicemente siete curiosi di affidarvi alle nuove tecnologie per facilitare ulteriormente la vostra giornata? Se la risposta a queste domande è si siete capitati nel posto giusto. Mettetevi comodi e godetevi questo approfondimento.

Se si è in possesso di una carta prepagata "postepay", è possibile pagare le bollette stando comodamente a casa seduti davanti al computer. Oltre ad evitare le eventuali code presso gli sportelli delle Poste, i titolari di conti correnti online che prevedono bonifici a zero spese, potranno in tal modo risparmiare anche l'attuale commissione di 1,10€ che le Poste addebitano sul pagamento di ciascun bollettino.

I cittadini possono pagare i bollettini postali anche attraverso canali alternativi a quelli delle Poste, riuscendo a risparmiare sul costo della commissione, pari a 1,10 euro per il pagamento allo sportello e a 1 euro per il pagamento sul conto postale on line. Ormai infatti andare alle Poste è diventato comunque difficile per chi ha un lavoro, una famiglia ed è costretto a passare da una parte all’altra della città. I servizi on line, così come sono stati elaborati da altre grosse aziende, consentono un notevole risparmio di tempo e fanno sì che si possono fare più cose senza più interminabili file allo sportello. Un modo anche per gli operatori delle Poste di snellire la fila, offrendo più servizi alla clientela in modo da fidelizzarla il più possibile.

Procedura per pagare i bollettini postali

Quando si decide di effettuare il pagamento online, la prima cosa da fare è la registrazione sul sito delle Poste, recandosi alla pagina web Poste e cliccando sulla dicitura "registrati ora". Successivamente si dovrà cliccare su "Registrazione per residenti in Italia" e compilare tutti i nostri dati anagrafici, compresi numero di cellulare e e-mail indispensabili per ricevere i codici di attivazione.

Dopo aver premuto sul tasto “Continua”, scegliere una password e premere nuovamente su "Continua". Arriveranno via e-mail e cellulare dei codici di attivazione, da inserire nei campi appositi, in modo tale da completare il processo di registrazione. Tornando nella home page del sito delle Poste, bisogna inserire nei capi a destra l'username e la password scelti in precedenza e cliccare sul tasto "Invia". 

Pagare il bollettino via web

Nella pagina web che si apre si deve cliccare a destra su "Paga un bollettino", poi su "Compila un bollettino", dove si sceglierà il tipo di bollettino da pagare (premarcato o generico). Dopo aver compilato il bollettino, facendo attenzione a inserire l'esatto importo da pagare, cliccare su "Continua".

Completare il processo di pagamento online

Lo step finale sarà cliccare su: "Paga bollettino”, “metti nel carrello” e “Continua. Per completare il processo di pagamento, bisognerà inserire i dati della postepay e cliccare su "Continua". All'indirizzo e-mail delle Poste arriverà la ricevuta di pagamento del bollettino; essa andrà stampata e conservata.

Altre modalità

Poste Italiane inoltre permette altre modalità per i pagamenti on line, un modo per aiutare i cittadini a fornirgli servizi più veloci e al passo con i tempi. Internet infatti ha ormai una potenza mondiale e tutti si muovono attraverso il web, dalle piccole cose come le ricerche su Google ai pagamenti delle bollette e ai servizi di home banking. Per questo motivo tutte le grandi aziende hanno capito l’importanza di Internet e sfruttano il web per fidelizzare di più la clientela. Tornando alle Poste Italiane, oltre alla PostPay si può pagare in via telematica anche tramite il Conto personale o la carta di credito. Ma l’azienda ha riservato un servizio anche attraverso il telefono: attraverso il proprio Conto BancoPosta si può accedere al servizio Phone Banking. Ecco quali sono i servizi per i quali non serve andare direttamente alla Posta

  • utenze e altri fatturatori (sono esclusi i bollettini RAV)
  • tasse, tributi e contravvenzioni riferiti ad Enti Locali, polizia municipale e polizia locale
  • bollettino TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili), in vigore per il 2014 che potrebbe sparire però il prossimo anno visto che l’intenzione del Governo è quello di unire TASI e IMU in una tassa unica. Per i Comuni previsti, la TASI si paga in due dilazioni, una a metà ottobre e l’altra a metà dicembre per il saldo finale.
  • Bollo auto, per tutte le città e le province italiane
  • Tributi locali, questo servizio è attivo in alcuni Comuni, per i quali è consentito pagare tasse come la Tosap, Tarsug, Pubblicità e violazioni
  • Bollettino MAV

Per attivare il Conto BancoPoste è molto semplice e basta seguire le informazioni presenti sul sito ufficiale dell’azienda che accompagnerà l’utente in tutti i passaggi da fare e sui vantaggi del conto, come i servizi disponibili, i pagamenti, gli investimenti, i finanziamenti e il trasferimento denaro.





Potrebbe interessarti

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Certificato agibilità e requisiti per l'abilità

L'agibilità è la certificazione di cui un edificio riceve quando rispetta tutti i requisiti di legge necessari a garantire la sicurezza dei locali; il suo riferimento normativo è il Testo Unico dell'Edilizia (DpR 380/2001).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Eni: guida pratica per la richiesta

L'Eni è un'azienda che si occupa di ricercare, produrre e commercializzare petrolio e gas naturale; ha all'attivo più di 75.000 dipendenti in circa 70 paesi. La voltura Eni, così come tutte le volture di questo tipo, viene richiesta all'ente erogatore in caso di subentro, nel contratto già preesistente, di un nuovo intestatario.

Leggi tutto...
Go to Top