Nel 2010 l’Università della California di Los Angeles ha pubblicato uno studio sulla rivista Personality and Social Psychology Bulletin sostenendo che il disordine aumenta il livello di cortisolo, che è l’ormone dello stress. Coloro che vivono in un ambiente disordinato sono maggiormente soggetti a depressione e alti livelli di stress. L’ordine quindi aiuta a stare meglio. Il trucco per mettere ordine nella propria vita è l’organizzazione, cominciando dagli ambienti in cui trascorriamo il nostro tempo.

Diversi complementi di arredo ci aiutano a organizzare meglio gli spazi e a essere maggiormente ordinati. Ma il fatto che siano utili non vuol dire che non possano essere anche "belli". Anzi, molte volte rispondono a una domanda sia estetica sia funzionale.

Design e funzionalità

ArtWo.it rappresenta una vetrina perfetta per complementi d'arredo e oggettistica di design ed è un punto di riferimento per coloro che amano l’unione tra funzionalità e bellezza. Tra le ultime novità, presentate in maniera chiara ed esaustiva, spiccano organizer di tutti i tipi che hanno la funzione di aiutare a mantenere l’ordine dentro e fuori casa.

Tutto in ordine con gli organizer

Gli organizer, posti in punti strategici, facilitano l’organizzazione delle nostre cose. Di seguito una breve rassegna dei diversi tipi di organizer proposti da ArtWo:

frustrated-stress.jpg

  • Porta gioielli: utili per conservare e proteggere i preziosi da polvere, graffi e perdite accidentali. Sono muniti di scomparti e cassettini, slot per anelli, staffe per orecchini, gancetti e spazi aggiuntivi per orologi, spille, collane e molto altro.
  • Porta minuteria: ideali per ordinare la minuteria (viti, chiodi e molto altro) per gli amanti del fai-da-te, gli artigiani e in officina. Sono scatole multi-scomparto facilmente impilabili, così da aumentare lo spazio a disposizione.
  • Zaini multifunzione: perfetti per riporre comodamente tutti i prodotti per bambino e aiutare così le neo-mamme. Questi zaini sono muniti di molte tasche, alcune delle quali termo isolanti o impermeabili. Sono caratterizzati da una spessa imbottitura e sono agganciabili a passeggini e valigie. Sono inoltre dotati di porta e cavo USB per poter caricare il cellulare in qualsiasi momento.
  • Per auto: utili per riporre e ordinare tutti gli oggetti. Alcuni modelli possono essere inseriti nel bagagliaio, altri sono da allacciare ai sedili. Sono muniti di cinghie e fibbie per regolarli e fissarli facilmente. Hanno un design durevole e impermeabile.
  • Per frigorifero: ideali per organizzare i prodotti alimentari. Sono cestini o scatole facilmente trasportabili e pulibili sia in lavastoviglie sia a mano.
  • Per le valigie: utilissimi quando si è in viaggio. Sono formati da un set di borse di diverse dimensioni per riporre vestiti, biancheria, scarpe e altro. Hanno un design impermeabile, leggero e resistente.
  • Per make-up: adatti per conservare i trucchi in modo igienico e ordinato. Sono scatole con ripiani, cassettini e scomparti per ordinare smalti, rossetti, pennelli e molti altri prodotti dedicati alla bellezza e alla cura della persona. Sono resistenti, leggeri e facilmente lavabili.
  • Per la cucina: ideali per ordinare la dispensa. Sono mensole da appoggio facilmente impilabili o allungabili allo scopo di guadagnare ulteriore spazio.
  • Da scrivania: perfetti per ordinare tutti i prodotti di cancelleria come penne, graffette, righello e molto altro. Ne esistono di varie forme, dimensioni e materiale. Hanno un aspetto resistente, compatto ed elegante.
  • Per l’armadio: utili per organizzare al meglio abiti e accessori. Possono essere pensili per massimizzare l'utilizzo dello spazio verticale oppure scatole a scomparti per riporre accessori di piccole dimensioni come sciarpe, calzini e biancheria.

Vantaggi dell’ordine o degli organizer

Concludendo, vivere in un ambiente ordinato fa bene alla salute e diminuisce il pericolo di stress e depressione. I complementi di arredo e oggettistica di design proposti da ArtWo ci vengono in aiuto. Mantenere l’ordine con gli organizer è facile, economico ed evita di perdere tempo. Il tempo risparmiato può quindi essere investito per attività sicuramente più piacevoli.



Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi anche...

Bollino blu caldaie: la normativa di riferimento per essere in regola!

Come tutti i dispositivi legati al consumo e, quindi, all'impatto sull'ambiente, la caldaia ha bisogno di effettuare un tagliando, ovvero la certificazione a garanzia che le emissioni inquinanti generate rientrino all'interno dei limiti legali.

Leggi anche...

Arredamento moderno? Anche le scale vogliono la loro parte!

Anche le scale incidono in modo significativo sulla qualità di un arredamento moderno e sulla sua resa complessiva. Ciò è vero non solo per le abitazioni private, ma anche per gli uffici o per qualunque altro ambiente indoor che si sviluppi su più piani. Ecco perché è necessario studiare la loro progettazione e la loro installazione con la massima attenzione, senza trascurare alcun dettaglio e tenendo conto di ogni esigenza che deve essere soddisfatta, ma soprattutto considerando le caratteristiche delle stanze che esse sono chiamate a collegare.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top