Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

La parcella complessiva del notaio è composta da:

  • anticipazioni, che il notaio versa allo Stato per conto del cliente (imposte e tasse varie);
  • onorario (il ricavo del lavoro del notaio, al lordo delle imposte sui redditi a suo carico e comprensivo di oneri previdenziali e spese di studio);
  • IVA (20% sull'onorario del notaio).

La parcella del notaio

L'onorario del notaio varia in base al valore dell'atto e alla sua complessità strutturale; è solitamente costituita, da imposte e anticipazioni che il notaio versa allo Stato per conto del cliente. Solo per una ridotta parte, la parcella del notaio è costituita da competenze e onorari, che rappresentano il guadagno del notaio stesso. Peraltro, le competenze del notaio, al lordo delle imposte dirette, includono anche gli oneri previdenziali e le spese di studio; ad essi va aggiunta l'IVA (20%).

Per una maggiore chiarezza, sarebbe quindi importante chiedere il preventivo notarile e leggerne le singole voci in modo da distinguere quanto costa il notaio e quali tasse si pagano per l’atto. Questo passaggio permette di comprendere i costi notarili realisticamente, evitando luoghi comuni sull’onorario di questo professionista, troppo spesso superficialmente ritenuto esoso. Peraltro la Legge sulla Concorrenza ha previsto la gratuità del preventivo notarile scritto, così come di qualsiasi altro preventivo professionale. La piattaforma Notaio Facile permette agli utenti di compilare il form di contatto diretto, inserendo alcuni dati utili per l’atto, allo scopo di inquadrare la fattispecie per ottenere il preventivo notarile gratis analitico in poche ore.

Come è strutturato l'onorario del notaio

Nell'onorario del notaio sono comprese anche: tutte le spese per l'organizzazione e il funzionamento dello studio (affitto del locali, struttura informatica e telematica, stipendi dei collaboratori, materiali di cancelleria, telefono, ecc.); gli oneri contributivi devoluti alla Cassa Nazionale del Notariato (ente di previdenza e assistenza dei notai italiani).

Solitamente l'importo da corrispondere al notaio andrà ad aumentare con l'aumento del valore che verrà scritto a ipoteca. La maggior parte degli istituti di credito richiedono l'iscrizione di un valore superiore a quello finanziato, solitamente è il 150%, ma possono richiedere un'iscrizione anche del 200% e persino al 300%.

Le banche si avvalgono di questo strumento di garanzia per coprire tutte le eventuali spese derivanti da un’eventuale azione di recupero credito. L'importo iscritto a ipoteca dovrà quindi coprire: l'importodel capitale erogato, gli interessi non ancora maturati, gli interessi moratori sui pagamenti non ricevuti, i premi assicurativi, spese tributarie notarili giudiziarie ecc...

Riduzione dell'onorario del notaio

Il comma 497 dell'articolo 1 della Finanziaria 2006 dispone che gli onorari notarili siano ridotti del 20 per cento.

Per ottenere tale riduzione è necessario che la parte acquirente, all’atto della cessione, renda al notaio apposita richiesta (che dovrà risultare nell’atto notarile); chiedendo che la base imponibile ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali sia costituita dal valore catastale dell’immobile e non dal corrispettivo pattuito. È inoltre indispensabile indicare nell'atto notarile il corrispettivo realmente convenuto tra le parti, in base al quale verrà calcolato il compenso del notaio.

Dove può essere applicata la riduzione

onorario del notaio

La riduzione può essere applicata sulle cessioni (intendendo sia gli atti traslativi del diritto di proprietà che gli atti traslativi o costitutivi di diritti reali di godimento, compresi gli atti di rinuncia a diritti reali immobiliari) aventi a oggetto immobili a uso abitativo (anche di lusso e anche se non sussistono i requisiti per le agevolazioni 'prima casa') e relative pertinenze, senza alcuna limitazione relativa al numero e alla tipologia delle pertinenze stesse.

Sono esclusi dalla nuova normativa i trasferimenti soggetti a Iva. La riduzione del 20% degli onorari notarili è inoltre limitata alle sole persone fisiche, che non agiscano nell’esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

Questa limitazione si riferisce a entrambe le parti che intervengono all'atto; sono pertanto esclusi i casi in cui intervenga in atto anche solo un soggetto, parte venditrice o parte acquirente, che non sia una persona fisica (un’associazione o una società) oppure una persona fisica che agisca nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

I vantaggi della denuncia dell'onorario del notaio

spese condominiali

Gli acquirenti che denunciano nell'atto notarile l’intero prezzo pagato, saranno maggiormente tutelati in caso di: esercizio di azioni revocatorie fallimentari; inconvenienti derivanti da pronunce di invalidità dell’atto; risoluzione o rescissione dello stesso; rischi connessi alle prelazioni legali. Il venditore avrà inoltre la certezza di evitare verifiche della Guardia di finanza in merito all’occultazione di corrispettivo.

Gli impedimenti cadranno alla completa detrazione degli interessi passivi dei mutui ipotecari e potranno essere detratti sulla parte di mutuo non eccedente il prezzo dichiarato in atto.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Go to Top