Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

La parcella complessiva del notaio è composta da:

  • anticipazioni, che il notaio versa allo Stato per conto del cliente (imposte e tasse varie);
  • onorario (il ricavo del lavoro del notaio, al lordo delle imposte sui redditi a suo carico e comprensivo di oneri previdenziali e spese di studio);
  • IVA (20% sull'onorario).

La parcella del notaio

La parcella del notaio varia in base al valore dell'atto e alla sua complessità strutturale; è solitamente costituita, da imposte e anticipazioni che il notaio versa allo Stato per conto del cliente. Solo per una ridotta parte, la parcella del notaio è costituita da competenze e onorari, che rappresentano il guadagno del notaio stesso.Peraltro, le competenze del notaio, al lordo delle imposte dirette, includono anche gli oneri previdenziali e le spese di studio; ad essi va aggiunta l'IVA (20%).

Per una maggiore chiarezza, sarebbe quindi importante chiedere il preventivo notarile e leggerne le singole voci in modo da distinguere quanto costa il notaio e quali tasse si pagano per l’atto. Questo passaggio permette di comprendere i costi notarili realisticamente, evitando luoghi comuni sull’onorario di questo professionista, troppo spesso superficialmente ritenuto esoso. Peraltro la Legge sulla Concorrenza ha previsto la gratuità del preventivo notarile scritto, così come di qualsiasi altro preventivo professionale. La piattaforma Notaio Facile permette agli utenti di compilare il form di contatto diretto, inserendo alcuni dati utili per l’atto, allo scopo di inquadrare la fattispecie per ottenere il preventivo notarile gratis analitico in poche ore.

Come è strutturato l'onorario notarile

Nella parcella del notaio sono comprese anche: tutte le spese per l'organizzazione e il funzionamento dello studio (affitto del locali, struttura informatica e telematica, stipendi dei collaboratori, materiali di cancelleria, telefono, ecc.); gli oneri contributivi devoluti alla Cassa Nazionale del Notariato (ente di previdenza e assistenza dei notai italiani).

Solitamente l'importo da corrispondere al notaio andrà ad aumentare con l'aumento del valore che verrà scritto a ipoteca. La maggior parte degli istituti di credito richiedono l'iscrizione di un valore superiore a quello finanziato, solitamente è il 150%, ma possono richiedere un'iscrizione anche del 200% e persino al 300%.

Le banche si avvalgono di questo strumento di garanzia per coprire tutte le eventuali spese derivanti da un’eventuale azione di recupero credito. L'importo iscritto a ipoteca dovrà quindi coprire: l'importo del capitale erogato, gli interessi non ancora maturati, gli interessi moratori sui pagamenti non ricevuti, i premi assicurativi, spese tributarie notarili giudiziarie ecc...

Riduzione onorario notarile

Il comma 497 dell'articolo 1 della Finanziaria 2006 dispone che gli onorari notarili siano ridotti del 20 per cento.

Per ottenere tale riduzione è necessario che la parte acquirente, all’atto della cessione, renda al notaio apposita richiesta (che dovrà risultare nell’atto notarile); chiedendo che la base imponibile ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali sia costituita dal valore catastale dell’immobile e non dal corrispettivo pattuito. È inoltre indispensabile indicare nell'atto notarile il corrispettivo realmente convenuto tra le parti, in base al quale verrà calcolato il compenso del notaio.

Dove può essere applicata la riduzione

La riduzione può essere applicata sulle cessioni (intendendo sia gli atti traslativi del diritto di proprietà che gli atti traslativi o costitutivi di diritti reali di godimento, compresi gli atti di rinuncia a diritti reali immobiliari)aventi a oggetto immobili a uso abitativo (anche di lusso e anche se non sussistono i requisiti per le agevolazioni 'prima casa') e relative pertinenze, senza alcuna limitazione relativa al numero e alla tipologia delle pertinenze stesse.

Sono esclusi dalla nuova normativa i trasferimenti soggetti a Iva. La riduzione del 20% degli onorari notarili è inoltre limitata alle sole persone fisiche, che non agiscano nell’esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

Questa limitazione si riferisce a entrambe le parti che intervengono all'atto; sono pertanto esclusi i casi in cui intervenga in atto anche solo un soggetto, parte venditrice o parte acquirente, che non sia una persona fisica (un’associazione o una società) oppure una persona fisica che agisca nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

I vantaggi della denuncia dell'onorario

Gli acquirenti che denunciano nell'atto notarile l’intero prezzo pagato, saranno maggiormente tutelati in caso di: esercizio di azioni revocatorie fallimentari; inconvenienti derivanti da pronunce di invalidità dell’atto; risoluzione o rescissione dello stesso; rischi connessi alle prelazioni legali. Il venditore avrà inoltre la certezza di evitare verifiche della Guardia di finanza in merito all’occultazione di corrispettivo.

Gli impedimenti cadranno alla completa detrazione degli interessi passivi dei mutui ipotecari e potranno essere detratti sulla parte di mutuo non eccedente il prezzo dichiarato in atto.





Potrebbe interessarti

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

immagine d'esempio usata nell'articolo Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Il piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro Enel: scopri con noi la procedura per richiederlo

immagine per subentro Enel

Il subentro Enel è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro Enel richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettura contatore gas Eni

 

La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Leggi tutto...
Go to Top