Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

La parcella complessiva del notaio è composta da:

  • anticipazioni, che il notaio versa allo Stato per conto del cliente (imposte e tasse varie);
  • onorario (il ricavo del lavoro del notaio, al lordo delle imposte sui redditi a suo carico e comprensivo di oneri previdenziali e spese di studio);
  • IVA (20% sull'onorario).

La parcella del notaio

La parcella del notaio varia in base al valore dell'atto e alla sua complessità strutturale; è solitamente costituita, da imposte e anticipazioni che il notaio versa allo Stato per conto del cliente. Solo per una ridotta parte, la parcella del notaio è costituita da competenze e onorari, che rappresentano il guadagno del notaio stesso.Peraltro, le competenze del notaio, al lordo delle imposte dirette, includono anche gli oneri previdenziali e le spese di studio; ad essi va aggiunta l'IVA (20%).

Come è strutturato l'onorario notarile

Nella parcella del notaio sono comprese anche: tutte le spese per l'organizzazione e il funzionamento dello studio (affitto del locali, struttura informatica e telematica, stipendi dei collaboratori, materiali di cancelleria, telefono, ecc.); gli oneri contributivi devoluti alla Cassa Nazionale del Notariato (ente di previdenza e assistenza dei notai italiani).

Solitamente l'importo da corrispondere al notaio andrà ad aumentare con l'aumento del valore che verrà scritto a ipoteca. La maggior parte degli istituti di credito richiedono l'iscrizione di un valore superiore a quello finanziato, solitamente è il 150%, ma possono richiedere un'iscrizione anche del 200% e persino al 300%.

Le banche si avvalgono di questo strumento di garanzia per coprire tutte le eventuali spese derivanti da un’eventuale azione di recupero credito. L'importo iscritto a ipoteca dovrà quindi coprire: l'importo del capitale erogato, gli interessi non ancora maturati, gli interessi moratori sui pagamenti non ricevuti, i premi assicurativi, spese tributarie notarili giudiziarie ecc

Riduzione onorario notarile

Il comma 497 dell'articolo 1 della Finanziaria 2006 dispone che gli onorari notarili siano ridotti del 20 per cento.

Per ottenere tale riduzione è necessario che la parte acquirente, all’atto della cessione, renda al notaio apposita richiesta (che dovrà risultare nell’atto notarile); chiedendo che la base imponibile ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali sia costituita dal valore catastale dell’immobile e non dal corrispettivo pattuito. È inoltre indispensabile indicare nell'atto notarile il corrispettivo realmente convenuto tra le parti, in base al quale verrà calcolato il compenso del notaio.

Dove può essere applicata la riduzione

La riduzione può essere applicata sulle cessioni (intendendo sia gli atti traslativi del diritto di proprietà che gli atti traslativi o costitutivi di diritti reali di godimento, compresi gli atti di rinuncia a diritti reali immobiliari)aventi a oggetto immobili a uso abitativo (anche di lusso e anche se non sussistono i requisiti per le agevolazioni 'prima casa') e relative pertinenze, senza alcuna limitazione relativa al numero e alla tipologia delle pertinenze stesse.

Sono esclusi dalla nuova normativa i trasferimenti soggetti a Iva. La riduzione del 20% degli onorari notarili è inoltre limitata alle sole persone fisiche, che non agiscano nell’esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

Questa limitazione si riferisce a entrambe le parti che intervengono all'atto; sono pertanto esclusi i casi in cui intervenga in atto anche solo un soggetto, parte venditrice o parte acquirente, che non sia una persona fisica (un’associazione o una società) oppure una persona fisica che agisca nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali.

I vantaggi della denuncia dell'onorario

Gli acquirenti che denunciano nell'atto notarile l’intero prezzo pagato, saranno maggiormente tutelati in caso di: esercizio di azioni revocatorie fallimentari; inconvenienti derivanti da pronunce di invalidità dell’atto; risoluzione o rescissione dello stesso; rischi connessi alle prelazioni legali. Il venditore avrà inoltre la certezza di evitare verifiche della Guardia di finanza in merito all’occultazione di corrispettivo.

Gli impedimenti cadranno alla completa detrazione degli interessi passivi dei mutui ipotecari e potranno essere detratti sulla parte di mutuo non eccedente il prezzo dichiarato in atto.





Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Norme per gli ascensori: le regole imprescindibili!

Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecco come arredare la mansarda

La mansarda è l'ambiente della casa più adatto per l'allestimento di un arredo in stile rustico: il tetto in legno rappresenta una fonte di ispirazione eccellente in questo senso, a maggior ragione se si basa su vecchie travi restaurate, che contribuiscono a garantire un'atmosfera di calorosa accoglienza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Leggi tutto...
Go to Top