In questi ultimi anni, i consumi di energia elettrica sono diventati sempre più consistenti rispetto al passato, in considerazione dei diversi elettrodomestici e macchinari che si sono diffusi e che vengono utilizzati quotidianamente nelle abitazioni o nelle industrie, senza parlare poi di computer o condizionatori. A fronte di tali consumi, le famiglie e le aziende tendono a ricercare sempre più attivamente delle offerte convenienti a livello economico ed anche trasparenti nelle condizioni. E a questo proposito, importanti novità sono in arrivo per tali soggetti.

Le offerte luce e gas Placet sono entrate in vigore da poco più di due mesi: Placet è l'acronimo di Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela, ma per capire meglio di che cosa si tratta è opportuno un approfondimento più accurato. Si tratta, in pratica, di offerte sperimentali che vengono messe a disposizione delle piccole imprese e dei clienti domestici che al momento si avvalgono ancora del servizio di maggior tutela, in attesa del passaggio obbligatorio al libero mercato che avverrà - a meno di ulteriori ma improbabili rinvii - nel luglio del prossimo anno.

Le offerte Placet sono state intese dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente come provvedimenti che hanno lo scopo di favorire la transizione verso il libero mercato dei consumatori, sempre all'insegna dei più elevati standard di trasparenza. L'obiettivo, insomma, è quello di mettere gli utenti nelle condizioni di operare una scelta consapevole.

L'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente - nota anche come Arera - non è altro che l'ex Aeegsi, vale a dire l'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico, che ha cambiato nome ed esteso il proprio ambito di competenza a partire dal 2018: oggi, infatti, si occupa anche della regolazione dei rifiuti, oltre che della trasparenza delle offerte di luce e gas e dell'efficienza dei servizi idrici.

Come funzionano le offerte Placet?

Per avere un'idea delle condizioni con cui si potrebbe avere a che fare una volta entrati nel mercato libero, si può consultare il link https://www.evivaenergia.com/prodotti/offerte-luce-privati/. Le offerte Placet sono concepite per garantire due differenti tipologie di prezzo: la scelta è tra una tariffa a prezzo fisso e una tariffa a prezzo variabile. Quest'ultima cambia in base agli aggiornamenti periodici che vengono apportati dall'Autorità, oltre che in funzione delle variazioni dei prezzi che si riscontrano sul mercato all'ingrosso. Per quel che concerne le condizioni di fornitura, invece, esse saranno sempre le stesse, uguali per tutti i venditori. Sono stati resi noti dall'Arera i moduli base a cui dovranno fare riferimento i venditori, chiamati a rispettare specifici requisiti per assicurare la possibilità di mettere a confronto le offerte da parte delle diverse compagnie. Vale la pena di ricordare, inoltre, che il prezzo delle offerte Placet comprende il costo della commercializzazione e quello di approvvigionamento della materia prima, ma non tiene conto di bonus o altri tipi di promozioni. Tutti i venditori sono liberi di decidere l'importo, valido in tutta Italia senza differenze a livello geografico.

Abbiamo visto come i venditori/fornitori del servizio possono presentare due tipologie di offerte: una a prezzo fisso (con tariffe non modificabili per un certo periodo di tempo) e l'altra a prezzo variabile (con tariffe invece che possono subire modificazioni, in caso di variazione dei prezzi sul mercato). Tuttavia, è bene specificarlo, entrambi i prezzi offerti, sia fissi che variabili, sono composti da una quota fissa appunto stabilita in Euro al cliente per anno ed una invece proporzionale ai volumi di energia consumata ed espressi in Euro a Kwh (o Smc, nel caso del gas).

Comunque, le condizioni contrattuali presentate con le offerte Placet sono stabilite dall'Arera e sono inderogabili, a differenza invece di altre presenti nel cosiddetto mercato libero e che possono essere proposte e modificate dal venditore, pur dovendo rispettare la normativa definita dalla stessa Autorità. Inoltre, al fine di garantire una certa trasparenza e semplicità di confronto tra le stesse offerte, le società fornitrici possono utilizzare dei moduli prestabiliti e predisposti dall'Arera.

A chi sono destinate le offerte Placet?

Le offerte Placet possono essere attivate unicamente dalle piccole imprese e dai clienti domestici i cui consumi di gas annuali non superano i 200mila Smc e che dispongono di un impianto elettrico a bassa tensione. Ovviamente, non è previsto alcun obbligo di attivare tali offerte, fermo restando che i nuclei familiari che si trovano in una situazione di disagio economico hanno la possibilità di presentare la richiesta del bonus sociale in relazione alla fornitura di gas e luce senza che per questo siano costrette a rinunciare all'attivazione delle offerte Placet.

L'importanza della trasparenza

Tutti i rivenditori sono tenuti a garantire offerte trasparenti e condizioni generali dei servizi di fornitura chiari. Per fare in modo che eventuali episodi di morosità non vadano a gravare sulle tasche dei rivenditori, è stata prevista dall'Autorità l'applicazione dell'interesse legale, per i clienti che hanno rispettato i pagamenti nei due anni precedenti, per i primi dieci giorni di ritardo rispetto alla data in cui la fattura è scaduta.

Per quanto riguarda i contratti Placet sottoscritti dalla clientela, essi hanno durata indeterminata, ma con possibilità di rinnovo annuale delle condizioni economiche offerte. Prima della scadenza di queste ultime e comunque entro tre mesi dalla stessa, il fornitore dovrà informare il cliente di eventuali variazioni di tali condizioni e che si applicheranno col nuovo anno. Il cliente, a questo punto, avrà piena libertà di accettare o meno tali nuove condizioni economiche. In caso negativo, egli ha diritto al recesso del contratto. Naturalmente, tale diritto si può esercitare in qualsiasi momento da parte della clientela, purché nel rispetto della normativa.




Potrebbe interessarti

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi anche...

Certificazione della caldaia: la normativa sul Bollino blu

Certificazione della caldaia

Come tutti i dispositivi legati al consumo e, quindi, all'impatto sull'ambiente, la caldaia ha bisogno di effettuare un tagliando, ovvero la certificazione a garanzia che le emissioni inquinanti generate rientrino all'interno dei limiti legali.

Leggi anche...

Reddito da locazione: aliquote e prassi dei versamenti

reddito da locazione

La locazione di un immobile, dovrebbe comportare obbligatoriamente la stipula e la successiva registrazione di un contratto d'affitto, con il conseguente versamento delle imposte dei redditi da locazione. 

Go to Top