Andiamo ad analizzare quali sono le norme antisismiche e le tecnologie innovative che cercano di garantire la tranquillità delle abitazioni. La ricerca, in questo campo, è da sempre all’avanguardia. Non si può dire purtroppo lo stesso anche per il quadro normativo che fino a qualche anno fa non consentiva l’uso dei dispositivi antisismici se non dopo un lungo iter burocratico.

Le novità sulle norme antisismiche

È infatti grazie ad alcune nuove norme antisismiche se negli ultimi anni sono stati fatti molti progressi. Nel 2003 in Italia sono state pubblicate alcune norme antisismiche che prescrivono sia la valutazione della vulnerabilità sismica degli edifici strategici, che la mappatura sismica del territorio italiano.

Da sottolineare che non ci sono zone non sismiche. Quando si progetta un nuovo edificio occorre monitorare il grado sismico dell’edificio sulla base della pericolosità sismica del territorio.
In Italia viene utilizzata una classificazione che va da 4, che indica una zona poco pericolosa, ad 1 che indica, invece, il punto di massimo pericolo. Ebbene, quasi metà del territorio nostrano è contrassegnato dal 1° grado di pericolosità.

A causa di queste valutazioni, molte aziende edili si sono specializzate nella costruzione di edifici che seguono le norme antisismiche. Fra questi, è molto nota FIP Industriale.

FIP Industriale è all'avanguardia nella realizzazione ditecnologie antisismiche. L’azienda realizza test con carichi e scorrimenti di progetto. Le tecnologie antisismiche prodotte sono adatte ad ogni tipo di struttura. Le tecnologie antisismiche FIP comprendono tutte le tipologie di dissipatori di energia, sistemi di isolamento, shock transmitters. Per avere un'idea di quelli che sono i prodotti che sfruttano queste tecnologie antisismiche, consigliamo di visitare il sito della struttura.

Case Antisismiche

norme antisismiche per le case

La prima operazione da compiere è la valutazione della pericolosità della zona e della struttura della casa. Occorre capire quali sono le potenziali minacce che l'edificio, presumibilmente, dovrà affrontare e il grado di efficienza che dimostrerà di fronte il terremoto.

Il problema principale è che la struttura della casa, una volta sotto lo stress del terremoto, si vede costretta a reggere un grosso peso (che siano i piani superiori o il tetto) che, da statico, diventa dinamico: è questo peso che fa crollare le case.

Per questa ragione si agisce sia rinforzando la struttura della casa sia alleggerendo il peso. La struttura viene rinforzata utilizzando il cemento armato con un'armatura interna di barre di acciaio al carbonio o inossidabile. Queste hanno un diametro minimo di 5 mm. Lo stesso dicasi per i pilastri dove, soprattutto, occorre fare attenzione ai bulloni e ganci utilizzati per legare insieme le varie parti.

Ma essendo le strutture portanti delle case costruite secondo le norme antisismiche in acciaio non siamo di fronte ad un’abitazione fredda? Essendo l'acciaio collocato in una camera isolata si viene a creare uno spazio dove la temperatura rimane costante e dunque calda. In caso di temporali le case antisismiche reagiscono molto bene. Se un fulmine dovesse colpire l'abitazione, l'acciaio fa scaricare la potenza subito a terra.

Per l'antisismica la struttura più idonea è dunque l'acciaio avendo esso una flessibilità che nessun altro materiale può supportare. Una casa non segue le norme antisismiche solo perché viene utilizzato l'acciaio; occorre che alla base ci sia uno studio ingegneristico per ogni abitazione.

 norme antisismiche

In alternativa è possibile utilizzare il legno che, grazie alla sua flessibilità, resiste bene a questi sforzi. Ma questa non è una soluzione ottimale per la città, ovviamente, anche se si rivela perfetta – anche a causa del costo – per gli ambienti rurali.

La seconda strada è quella di alleggerire il peso. Per questa ragione le case antisismiche non si possono ergere sopra i due piani. Inoltre si devono evitare i tetti a spiovente perché questa struttura tende a spingere il peso verso le mura, e occorre utilizzare quelli a capriata che, al contrario, hanno sotto una struttura formata da diverse travi capaci di dividere ugualmente il carico.

In ogni caso, per continui aggiornamenti in materia di norme antisismiche, si rimanda al sito Edil Portale che, alla sezione news, propone approfondimenti sull'argomento.

Materiali antisismici: vediamo i migliori

Come avrete intuito dal paragrafo precedente ci sono alcuni materiali che sono considerati antisismici per eccellenza. Infatti, grazie alla loro estrema elasticità, sono perfetti per resistere alle onde sismiche e quindi garantiscono una massima tenuta anche durante i terremoti più violenti. Purtroppo, non è facile prevenire questo tipo di eventi, ma è possibile studiare la sismicità di determinate zone ed intuire quali sono quelle più a rischio.

In questo paragrafo, vogliamo spiegarvi quali sono i migliori materiali con cui costruire case che rispettino le norme antisismiche e soprattutto vi daremo interessanti spunti per capire, in un futuro come rendere invulnerabile ai terremoti la vostra abitazione.

Legno

Sicuramente, al primo posto, tra i materiali antisismici abbiamo il legno, materiale estremamente elastico che riesce a adattarsi e resistere anche alle onde sismiche più potenti. Nelle zone a rischio, infatti, le case sono costruite con delle forti strutture in legno, ancorate a terra in modo che riescano a scaricare in basso quante più onde sismiche possibile, in modo da riuscire a mantenere salda e in piedi la successiva struttura in muratura.

Muratura semplice

La muratura semplice, piuttosto che quella armata, è il miglior modo per ricoprire e rendere più solida la struttura in legno con cui generalmente si costruiscono le case che rispettano le norme antisismiche. La muratura semplice è decisamente più elastica rispetto alla muratura in cemento armato, quindi è in grado di ammortizzare e assorbire maggiormente le varie oscillazioni causate dal terremoto.

Ovviamente un sisma di magnitudo superiore a cinque, mette a dura prova qualsiasi tipo di materiale, ma la struttura portante in legno, vi garantisce dei punti sicuri all’interno di ogni abitazione. I punti in cui sono collocate le travi, infatti, sono i migliori dove collocarsi in caso di terremoto. Anche se il resto della casa dovesse cedere, le travi rimarranno salde.



Potrebbe interessarti

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

tassa di registro

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Normativa sullo scarico dei fumi: cosa dice la legge

cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Contratti di locazione commerciale

bioedilizia

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi anche...

Registro delle opposizioni: di cosa si tratta?

Per evitare telefonate di natura promozionale, commerciale o per non ricevere più sondaggi telefonici, dall'1 Febbraio 2011 è possibile iscriversi a un organo nato proprio per questo scopo, il Registro delle opposizioni, regolamentato dal decreto 178 del 7 settembre del 2010 e la sua gestione è stata affidata dal Ministero dello Sviluppo Economico/Dipartimento per le Comunicazioni alla Fondazione Ugo Bordoni.

Leggi anche...

Sanitari per il bagno: come sceglierli e quali sono i più comodi

sanitari per bagno

I water si distinguono per il tipo di montaggio in:

  • vasi con piedistallo, fissati al pavimento, con altezza normalizzata
  • vasi sospesi, fissati ad una parete e completamente staccati dal pavimento
  • vasi a parete, altrimenti detti orinatoi

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top