Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti, in accordo con la normativa sullo scarico dei fumi.

È importante scegliere la cappa prendendo in considerazione attentamente le sue caratteristiche tecniche, ricordando che le cappe aspiranti devono avere delle proprietà che rispecchiano le disposizioni di legge e la normativa sullo scarico dei fumi.

Le cappe Faber: efficienti e sicure

Una cappa, oltre che per il suo design e la sua funzionalità, va scelta quindi anche in base alla sicurezza e alla normativa sullo scarico dei fumi vigente. Per questo motivo fra gli apparecchi maggiormente consigliati dai professionisti del settore emergono i modelli di cappe Faber.

Faber mette a vostra disposizione un catalogo molto vasto tra cui poter scegliere le cappe da incasso, ma anche le più moderne varianti sospese oppure ad isola. Da poco inoltre è online il suo store ufficiale che facilita l'acquisto delle cappe e vi permette di beneficiare di numerosi vantaggi, come la consegna e l’installazione gratuita e lo sconto del 10% sul primo ordine online.

Negli anni l’offerta di questa azienda si è arricchita sempre più di nuove proposte per riuscire a soddisfare ogni esigenza in tema di spazio, design e praticità e la voglia di innovazione e di miglioramento hanno fatto nascere delle nuove tecnologie capaci di eliminare con maggior efficienza la condensa, i cattivi odori e il rumore.

La modalità di aspirazione delle cappe da cucina

 cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Per l’eliminazione dei vapori di cottura, la cappa da cucina utilizza due diversi sistemi di aspirazione.

  • Il sistema a evacuazione ad estrazione invia fumi e vapore acqueo all’esterno dell’abitazione mediante un condotto di evacuazione. L’aria, prima di essere espulsa, attraversa un filtro anti-grasso e viene purificata: in questo modo soltanto odori e vapore arriveranno all’esterno. Tale sistema è molto indicato se si ha un’abitazione individuale;
  • Il sistema a ricircolo è ideale per chi vive in un appartamento oppure nei casi in cui l’installazione per l’evacuazione esterna non è realizzabile. Questo sistema funziona a circuito chiuso e filtra l’aria mediante un filtro a carboni e un filtro per grassi per poi reimmetterla nella stanza.

Entrambi i metodi sono appicabili e soprattutto conformi alla normativa sullo scarico dei fumi.

Cosa dice la normativa sullo scarico dei fumi riguardo ad obbligatorietà e materiali

normativa sullo scarico dei fumi 3

La normativa sullo scarico dei fumi  che regolamenta l’eliminazione dei vapori di cottura è la UNI 7129 2015, che è andata ad integrare la già esistente legislazione approvata nel 2008 adeguandola alle direttive europee. Da essa si evince che le cappe aspiranti sono obbligatorie soprattutto per i fornelli a gas, ma sono consigliate anche se si ha un piano cottura ad induzione, in quanto produce grosse quantità di condensa.

Nella normativa sullo scarico dei fumi sono inoltre indicati i materiali che devono utilizzati in fase di realizzazione delle cappe, per far sì che siano resistenti alle alte temperature, alle sollecitazioni meccaniche e all’umidità secondo la normativa sullo scarico di fumi CE. Nello specifico, secondo la normativa sullo scarico dei fumi è vietato l’uso di materiali quali il PVC, la lamiera zincata spiralata e l’acciaio inox AISI 304.

Tra le informazioni fondamentali regolamentate nella normativa sullo scarico dei fumi vi sono infine anche quelle riguardanti:

  • le indicazioni sulla disposizione delle cappe filtranti elettriche;
  • i requisiti dimensionali e tecnici per le cucine di tipo professionale;
  • le verifiche di idoneità necessarie nel caso in cui l’impianto non sia utilizzabile al momento dell’allacciamento.

Non affidatevi al fai da te

cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Dopo aver accuratamente scelto la vostra cappa aspirante, quello che vi consigliamo è di ricorrere all’esperienza di tecnici professionisti. Uno scorretto montaggio della cappa potrebbe infatti farvi incorrere in future problematiche, in particolar modo se la cucina è in fase di costruzione o di ristrutturazione o se la cappa richiede un collegamento elettrico che regola l’interruzione dell’alimentazione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Plusvalenza prima casa

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi anche...

Registro delle opposizioni: di cosa si tratta?

bollette 600x337

Per evitare telefonate di natura promozionale, commerciale o per non ricevere più sondaggi telefonici, dall'1 Febbraio 2011 è possibile iscriversi a un organo nato proprio per questo scopo, il Registro delle opposizioni, regolamentato dal decreto 178 del 7 settembre del 2010.

Leggi anche...

Voltura Acea: conosci la procedura e i dati che ti servono?

voltura acea

Oggi ti spieghiamo nel dettaglio quale è la procedura per la Voltura Acea e quali sono i dati necessari per ottenerla facilmente. Acea Energia è la società del Gruppo AceaElectrabel che fornisce ai clienti finali energia elettrica, gas e servizi correlati.

Go to Top