Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti, in accordo con la normativa sullo scarico dei fumi.

È importante scegliere la cappa prendendo in considerazione attentamente le sue caratteristiche tecniche, ricordando che le cappe aspiranti devono avere delle proprietà che rispecchiano le disposizioni di legge e la normativa sullo scarico dei fumi.

Le cappe Faber: efficienti e sicure

Una cappa, oltre che per il suo design e la sua funzionalità, va scelta quindi anche in base alla sicurezza e alla normativa sullo scarico dei fumi vigente. Per questo motivo fra gli apparecchi maggiormente consigliati dai professionisti del settore emergono i modelli di cappe Faber.

Faber mette a vostra disposizione un catalogo molto vasto tra cui poter scegliere le cappe da incasso, ma anche le più moderne varianti sospese oppure ad isola. Da poco inoltre è online il suo store ufficiale che facilita l'acquisto delle cappe e vi permette di beneficiare di numerosi vantaggi, come la consegna e l’installazione gratuita e lo sconto del 10% sul primo ordine online.

Negli anni l’offerta di questa azienda si è arricchita sempre più di nuove proposte per riuscire a soddisfare ogni esigenza in tema di spazio, design e praticità e la voglia di innovazione e di miglioramento hanno fatto nascere delle nuove tecnologie capaci di eliminare con maggior efficienza la condensa, i cattivi odori e il rumore.

La modalità di aspirazione delle cappe da cucina

 cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Per l’eliminazione dei vapori di cottura, la cappa da cucina utilizza due diversi sistemi di aspirazione.

  • Il sistema a evacuazione ad estrazione invia fumi e vapore acqueo all’esterno dell’abitazione mediante un condotto di evacuazione. L’aria, prima di essere espulsa, attraversa un filtro anti-grasso e viene purificata: in questo modo soltanto odori e vapore arriveranno all’esterno. Tale sistema è molto indicato se si ha un’abitazione individuale;
  • Il sistema a ricircolo è ideale per chi vive in un appartamento oppure nei casi in cui l’installazione per l’evacuazione esterna non è realizzabile. Questo sistema funziona a circuito chiuso e filtra l’aria mediante un filtro a carboni e un filtro per grassi per poi reimmetterla nella stanza.

Entrambi i metodi sono appicabili e soprattutto conformi alla normativa sullo scarico dei fumi.

Cosa dice la normativa sullo scarico dei fumi riguardo ad obbligatorietà e materiali

normativa sullo scarico dei fumi 3

La normativa sullo scarico dei fumi  che regolamenta l’eliminazione dei vapori di cottura è la UNI 7129 2015, che è andata ad integrare la già esistente legislazione approvata nel 2008 adeguandola alle direttive europee. Da essa si evince che le cappe aspiranti sono obbligatorie soprattutto per i fornelli a gas, ma sono consigliate anche se si ha un piano cottura ad induzione, in quanto produce grosse quantità di condensa.

Nella normativa sullo scarico dei fumi sono inoltre indicati i materiali che devono utilizzati in fase di realizzazione delle cappe, per far sì che siano resistenti alle alte temperature, alle sollecitazioni meccaniche e all’umidità secondo la normativa sullo scarico di fumi CE. Nello specifico, secondo la normativa sullo scarico dei fumi è vietato l’uso di materiali quali il PVC, la lamiera zincata spiralata e l’acciaio inox AISI 304.

Tra le informazioni fondamentali regolamentate nella normativa sullo scarico dei fumi vi sono infine anche quelle riguardanti:

  • le indicazioni sulla disposizione delle cappe filtranti elettriche;
  • i requisiti dimensionali e tecnici per le cucine di tipo professionale;
  • le verifiche di idoneità necessarie nel caso in cui l’impianto non sia utilizzabile al momento dell’allacciamento.

Non affidatevi al fai da te

cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Dopo aver accuratamente scelto la vostra cappa aspirante, quello che vi consigliamo è di ricorrere all’esperienza di tecnici professionisti. Uno scorretto montaggio della cappa potrebbe infatti farvi incorrere in future problematiche, in particolar modo se la cucina è in fase di costruzione o di ristrutturazione o se la cappa richiede un collegamento elettrico che regola l’interruzione dell’alimentazione.



Potrebbe interessarti

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi anche...

Casa classe A: cosa significa e come influisce sulle tue finanze?

 Casa classe A

Nella vostra abitazione è fondamentale non solo tenere conto del buon funzionamento dei vostri elettrodomestici e degli impianti di riscaldamento, di acqua, di aria condizionata ecc. ma anche delle classi degli immobili; è importante occuparsi del risparmio energetico e del rispetto dell'ambiente e della natura, in modo tale da tutelare la nostra stessa salute per una casa in classe A.

Leggi anche...

Il Mutuo per la ristrutturazione della casa

Hai appena comprato casa o ti sei appena trasferito e vorresti ristrutturare casa? Ti piacerebbe creare un ambiente confortevole per la tua famiglia, migliorare o riqualificare il tuo appartamento, ristrutturare la tua casa per poi rivenderla ma non hai soldi per affrontare la spesa? Tranquillo puoi sempre contare sul mutuo ristrutturazione, un finanziamento erogato dalla banca.

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Go to Top