In passato, gli utenti legati da rapporti societari o personali con un cliente moroso, che intendevano attaccare una nuova linea telefonica Telecom, erano soggetti al pagamento delle bollette arretrate o alla definitiva sospensione della fornitura per morosità.

Novità dal 2008 legate alla morosità dell'utenza Telecom

Il 21 agosto 2008, dopo il procedimento iniziato il 13 dicembre 2007, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha invece stabilito che la Telecom Italia non potrà vietare l'attivazione di una nuova utenza a tali clienti.

La società non potrà dunque esigere il pagamento o sospendere la linea per morosità a utenti diversi dagli intestatari delle bollette insolute.

La Telecom non potrà rifiutare una nuova linea nemmeno agli utenti protestati o falliti, subordinandola a richieste dinatura patrimoniale; essa può però disabilitare il servizio nei casi di gravissime inadempienze e di clienti cattivi pagatori.

Solo il vecchio intestatario moroso dovrà pagare le bollette arretrate

Quando un nuovo cliente fa domanda di attivazione e richiede un nuovo numero di telefono, la Telecom potrà esigere le morosità pregresse solo dall'utente in debito senza chiedere ai soggetti che vi subentrano, anche se legati a livello personale o societario al moroso, arretrati terzi.

Nei casi di mantenimento dello stesso numero telefonico invece, è possibile la richiesta del saldo del debito legato all'intestatario precedente.

L’indennità di mancato pagamento

L’articolo 18 del contratto di Telecom Italia prevede che l‘utente che non provvede al pagamento degli importi addebbitati in fattura, dovrà versare alla società una somma di denaro ulteriore, che ha valenza di indennità per il ritardo pagamento delle bollette da cliente. L’entità è variabile e dipende da quanti giorni di ritardo intercorrono tra la data in cui la fattura doveva essere saldata e il giorno dell’effettivo versamento. Di seguito sono illustrate le varie indennità che devono essere versate alla società in caso di ritardato pagamento.

  • Nel caso in cui il pagamento avvenga dal primo al quindicesimo giorno dopo la data di scadenza riportata in bolletta, sarà è pari al 2% della somma indicata in fattura.
  • Se invece il versamento è effettuato dal sedicesimo al trentesimo giorno dopo la data di scadenza, sarà del 4% dell’importo fatturato.
  • Nel caso in cui invece il versamento avvenga dopo il trentesimo giorno dalla data di scadenza della fattura, sarà pari al 6%.

L’indennità viene generalmente addebbitata da Telecom nella bolletta successiva a quella pagata in ritardo. La società si riserva la possibilità di di sospendere il servizio di telefonia fissa ai clienti che non saldano gli importi dovuti. La società manda una comunicazione scritta all’interno della bolletta successiva a quella insoluta dove avverte l’utente della sua situazione debitoria. Nel caso in cui siano trascorsi sette giorni dalla scadenza della seconda bolletta, la società invierà un altro messaggio al cliente e poi sospenderà il servizio.

Condizioni generali di pagamento

Il cliente che sottoscrive per la prima volta un contratto telefonico con la società di telecomunicazioni è tenuto al pagamento di un contributo una tantum per sostenere i costi di attivazione dell’utenza, un canone mensile di abbonamento e un importo variabile che nasce dal traffico telefonico effettuato durante il bimestre. Il totale delle fattura è maggiorato di Iva, il cliente è tenuto a pagare in anticipo i canoni dell’abbonamento, mentre il traffico reale relativo al traffico telefonico effettuato è rilevato da appositi sistemi.

La bolletta viene inviata al cliente ogni due mesi e deve generalmente essere pagata entro quindici giorni dalla data di ricezione. Il cliente può chiedere anche che la fattura sia addebbitata direttamente sul proprio conto corrente postale o bancario.





Potrebbe interessarti

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Adeguamento Istat per il canone della locazione: costo dell'affitto determinato dal costo della vita

Il cosiddetto “adeguamento Istat della locazione” rientra nel calcolo annuale dell’istituto nazionale delle statistiche che tratta i cambiamenti che si verificano ciclicamente sul costo della vita. Tale indice riguarda tutti i possibili “campi” che concorrono a formare, appunto, il costo della vita; per essere chiari e semplici al tempo stesso, quindi, possiamo citare i costi dei generi alimentari, delle sigarette, dei medicinali e, appunto, dei canoni di locazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top