In passato, gli utenti legati da rapporti societari o personali con un cliente moroso, che intendevano attaccare una nuova linea telefonica Telecom, erano soggetti al pagamento delle bollette Telecom arretrate o alla definitiva sospensione della fornitura per morosità.

Novità dal 2008 legate alla morosità delle Bollette Telecom

Il 21 agosto 2008, dopo il procedimento iniziato il 13 dicembre 2007, l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha invece stabilito che la Telecom Italia non potrà vietare l'attivazione di una nuova utenza a tali clienti.

La società non potrà dunque esigere il pagamento o sospendere la linea per morosità a utenti diversi dagli intestatari delle bollette Telecom insolute.

La Telecom non potrà rifiutare una nuova linea nemmeno agli utenti protestati o falliti, subordinandola a richieste di natura patrimoniale; essa può però disabilitare il servizio nei casi di gravissime inadempienze e di clienti cattivi pagatori.

Solo il vecchio intestatario moroso dovrà pagare le bollette Telecom arretrate

Quando un nuovo cliente fa domanda di attivazione e richiede un nuovo numero di telefono, la Telecom potrà esigere le morosità pregresse solo dall'utente in debito senza chiedere ai soggetti che vi subentrano, anche se legati a livello personale o societario al moroso, arretrati terzi.

Nei casi di mantenimento dello stesso numero telefonico invece, è possibile la richiesta del saldo del debito legato all'intestatario precedente.

L’indennità di mancato pagamento per le Bollette Telecom

L’articolo 18 del contratto di Telecom Italia prevede che l‘utente che non provvede al pagamento degli importi addebitati in fattura, dovrà versare alla società una somma di denaro ulteriore, che ha valenza di indennità per il ritardo pagamento delle bollette Telecom da cliente. L’entità è variabile e dipende da quanti giorni di ritardo intercorrono tra la data in cui la fattura doveva essere saldata e il giorno dell’effettivo versamento. Di seguito sono illustrate le varie indennità che devono essere versate alla società in caso di ritardato pagamento.

 bollette telecom

  • Nel caso in cui il pagamento avvenga dal primo al quindicesimo giorno dopo la data di scadenza riportata sulle bollette Telecom, sarà è pari al 2% della somma indicata in fattura.
  • Se invece il versamento è effettuato dal sedicesimo al trentesimo giorno dopo la data di scadenza, sarà del 4% dell’importo fatturato.
  • Nel caso in cui invece il versamento avvenga dopo il trentesimo giorno dalla data di scadenza della fattura, sarà pari al 6%.

telecom italia

L’indennità viene generalmente addebitata da Telecom nelle bollette Telecom successive a quella pagata in ritardo. La società si riserva la possibilità di di sospendere il servizio di telefonia fissa ai clienti che non saldano gli importi dovuti. La società manda una comunicazione scritta all’interno delle bollette Telecom successive a quella insoluta dove avverte l’utente della sua situazione debitoria. Nel caso in cui siano trascorsi sette giorni dalla scadenza della seconda bolletta, la società invierà un altro messaggio al cliente e poi sospenderà il servizio.

Condizioni generali di pagamento

Il cliente che sottoscrive per la prima volta un contratto telefonico con la società di telecomunicazioni è tenuto al pagamento di un contributo una tantum per sostenere i costi di attivazione dell’utenza, un canone mensile di abbonamento e un importo variabile che nasce dal traffico telefonico effettuato durante il bimestre. Il totale delle fattura è maggiorato di Iva, il cliente è tenuto a pagare in anticipo i canoni dell’abbonamento, mentre il traffico reale relativo al traffico telefonico effettuato è rilevato da appositi sistemi.

Le bollette Telecom vengono inviate al cliente ogni due mesi e devono generalmente essere pagate entro quindici giorni dalla data di ricezione. Il cliente può chiedere anche che la fattura sia addebitata direttamente sul proprio conto corrente postale o bancario.




Potrebbe interessarti

Tasse sull'affitto: una guida per essere in regola con lo Stato!

tasse sull'affitto

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

 

I più condivisi

Accollo del mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi anche...

Regolamento condominiale: tutto quello che c'è da sapere

regolamento condominiale

Il regolamento condominiale viene prestabilito dal costruttore e approvato dai condomini acquirenti delle singole unità immobiliari al momento dell'acquisto; costituisce parte integrante di tutti gli atti di acquisto stipulati dai diversi comproprietari.

Leggi anche...

Incentivi per fotovoltaico 2020: tutto quello che c'è da sapere

incentivi per il fotovoltaico 2020

L'energia solare è, ormai da tempo, attivamente usata nella produzione di energia elettrica ad uso domestico. Cominciata inizialmente come un'aggiunta "green" e ausiliaria alla rete elettrica tradizionale, i progressi tecnologici ottenuti negli anni permettono oggi di impiegare sistemi a basso impatto ambientale in maniera totale, con impianti di accumulo avanzati e soluzioni inclusive.

Go to Top