Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Quando il servizio di elettricità non può essere sospeso?

La fornitura di energia elettrica non può invece essere sospesa quando:

  • il cliente non ha ricevuto il preavviso mediante lettera raccomandata;

Non si può inoltre sospendere la fornitura per morosità della bolletta della luce ai clienti definiti "non disalimentabili", ovvero quegli utenti che, per ragioni di sopravvivenza, sono collegati a macchine salvavita o che svolgono funzioni di pubblica utilità.

Come riattivare la fornitura in caso di morosità della bolletta della luce

Se il distributore riattiva la fornitura oltre il tempo previsto, il cliente ha diritto a ricevere un indennizzo automatico.

La riduzione della potenza ENEL: cosa succede nei condomini?

Una recente sentenza del Tribunale di Torino può essere considerato un precedente nei casi dei lotti condominiali che risultino morosi. I giudici hanno stabilito infatti che è vietato interrompere i servizi essenziali della comunità come luce, gas ed elettricità anche se il condominio sia moroso da anni e l’amministratore del lotto abbia già avviato la procedura per il recupero del credito. I giudici sono arrivati a questa decisione sostenendo che i diritti fondamentali di una persona vengono prima di quelli patrimoniali e per questa ragione non è possibile staccare questi servizi per inadempienze economiche.

Una sentenza che potrebbe gettare ulteriore caos in questa materia, con i creditori poco tutelati e soprattutto i condomini onesti che vengono svantaggiati visto che pagano onestamente sempre le rette e le bollette.

Un problema molto più grande

Non pagare le rette, tuttavia, è un problema che interessa non solo la fornitura di gas, elettricità o altri servizi essenziali ma investe tutta la galassia intorno all’ambiente, come l’affitto dell’immobile sia esso privato o adibito ad attività commerciali od uffici. Negli ultimi tempi è aumentata la morosità incolpevole, quella determinata da cause di forza maggiore come per esempio il licenziamento e nonostante lo stanziamento di un Fondo da parte del Governo purtroppo questa situazione non si è risolta. Attività che chiudono per mancanza di profitti, affitti ritenuti troppo alti in relazione al costo della vita e agli stipendi percepiti: sono tante le cause che portano i cittadini a non riuscire ad adempiere più ai propri obblighi e la realtà infatti racconta quanto appena detto.

Più della metà degli inquilini paga in ritardo la locazione e più del 60% non paga più il condominio, con un danno ingente a tutta la collettività. A questo si aggiungono gli stipendi che in taluni casi vengono pagati in ritardo portando un rallentamento e un blocco in tutti i passaggi, con i proprietari che spesso si avvalgono del decreto di ingiunzione e dello sfratto come ultima spiaggia.

Come riattivare la fornitura in caso di morosità della bolletta della luce

Il distributore di energia elettrica, in caso di morosità può decidere di sospendere la fornitura della corrente chiudendo l’utenza totalmente o se previsto dal contratto può ridurla del 15%. In ogni caso la prima cosa che occorre fare, per ottenere la riattivazione del servizio, è quella di pagare immediatamente le somme insolute delle bolletta della luce.

Dopo aver pagato bisogna, attraverso il numero verde dedicato del proprio gestore, comunicare l’avvenuto pagamento delle somme dovute. Il gestore potrà chiedervi gli estremi del bollettino pagato oppure potrà chiedervi di mandare via fax proprio il bollettino in questione per appurare l’effettivo pagamento.

Il gestore a questo punto è tenuto entro due giorni a riattivare la fornitura di energia. In caso contrario potrebbe incorrere a un risarcimento nei confronti del cliente. Questo risarcimento varia a seconda dei giorni intercorsi per la riattivazione:

  • Se la riattivazione avviene entro i 4 giorni l’indennizzo sarà pari a 35,00€
  • Se i giorni sono 6 sarà di 70,00€
  • Se i giorni superano i 6 giorni lavorativi il risarcimento sarà di 105,00€

Qualora la fornitura sia stata solamente ridotta allora il gestore dovrà riportarla ai parametri normali il giorno successivo alla telefonata del cliente per la comunicazione del pagamento.

Vuoi provare a risparmiare sulla bolletta di casa? Dai uno sguardo alle info che trovi su CheTariffa.it. Visita il sito: vi troverai un semplice comparatore che ti aiuterà a decidere saggiamente in termini economici.

Cosa fare per non essere moroso

Molto spesso si diventa morosi semplicemente perché ci si dimentica di pagare una bolletta. Per evitare questo piccolo inconveniente si può ricorrere all’accredito della bolletta sul proprio conto corrente bancario e contemporaneamente chiedere al proprio gestore di mandarvi la bolletta online e non più via posta. La banca per questo tipo di servizio in caso di primo conto personale non addebita nessuna somma, ma qualora il conto di accredito sia un secondo conto potrebbe addebitare 0,75

Oltre a evitare di dimenticare di pagare una bolletta, il vantaggio è quello di non perdere più tempo alla posta o al tabaccaio con file interminabili.



Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

I più condivisi

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Legge Cedolare Secca: scopri cosa sancisce la normativa

Dal 7 Aprile 2011 l’Agenzia delle Entrate ha inoltre introdotto la Legge Cedolare Secca sugli affitti, nonché quella pluriennale e anche un acconto Irpef sugli immobili stessi. Di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come riparare una serranda

La casa (il concetto vale sia per la prima che per l'eventuale seconda) necessita di un certo tipo di manutenzione. Ogni stanza ha le sue criticità specifiche. Uno degli elementi che accomuna i vari ambienti casalinghi è quello relativo agli infissi delle finestre e alle serrande che ne fanno da corredo. Oggi proponiamo un approfondimento su come porre rimedio ad alcuni piccoli e comuni incidenti che riguardano questi elementi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top