Capita molto spesso in casa di dover montare da sé delle porte, soprattutto per evitare di aggiungere costi aggiuntivi legati alla manodopera di un tecnico specializzato.

Montare una porta per interni può risultare per molti un impresa ardua, è invece molto un'operazione molto semplice, che ha solo bisogno di piccoli accorgimenti da sapere, per evitare di fare errori.

Gli utensili necessari a montare una porta per interni sono: listelli in legno, tasselli o viti da legno, cacciavite, trapano, colla o silicone, schiuma poliuretanica, livella a bolla, taglierino.

Montaggio di una porta interna passo passo

La prima cosa da sapere, prima di montare una porta per interni, è prendere accuratamente le misure per costruire in modo appropriato ogni singolo componente della porta quale: maschietti, per le cerniere; ferma vetro; per la posa dei vetri; serratura incassata; infisso o telaio ; pannello cieco .

Le misure giuste da tenere in considerazione sono: il controtelaio, uguale alla larghezza luce della porta + 100 mm.5; la larghezza luce (da 600, 700, 800, 900 mm); la profondità del telaio di 100/105 mm4; l'altezza della luce, solitamente di 2100 mm.

Successivamente si provvederà a capire il senso di apertura adeguato della porta e a verificare la profondità del telaio, tenendo conto anche dei rivestimenti di pavimento e pareti.

Nei casi di inserimento di una porta già esistente, si dovrà prima smontare la stessa e poi operare con il montaggio di quella nuova.

Come comportarsi con il telaio

Il montaggio di una porta per interni prevede delle operazioni da effettuare sul telaio quali: montaggio; posizionamento e giusto collocamento; allineamento; fissaggio.Infine si provvederà all'inserimento del pannello, delle guarnizioni e della maniglia.

Una soluzione per chi è alla ricerca del risparmio dello spazio è rappresentata dalle porte scorrevoli. Le ante in questo caso posso scomparire all' interno di un muro realizzato in carton gesso oppure scorrere a filo muro tramite l'utilizzo di binari che possono essere mostrati o scomparire con una mantovana.
I maggiori produttori sono Scrigno, Casali, Pivato, Henry Glass e Ferrero Legno.

Soluzioni per l'acquisto

Acquistare una porta o un portone garage da garage, richiede il vagliare con attenzione vari fattori, sceglierli e mettere insieme quelli che più si adattano allo spazio a vostra disposizione e alle vostre personali esigenze.
Ne esistono, infatti, di svariati modelli, con diversi tipi di aperture, in varie dimensioni o materiali e la ricerca deve terminare con una portone da garage che esegue le sue funzioni, senza dare problema alcuno!

Per citarne alcune, si può trovare la porta o il portone del garage scorrevole, molto facile e pratica come utilizzo; la porta da garage basculante e permette di guadagnare spazio in profondità; la porta o il portone sezionale che si adatta a qualsiasi metratura. In aggiunta, qualsiasi di queste porte può essere dotata di sistema automatico, ciò significa una gran comodità del non dover uscire dalla macchina per aprire e chiudere garage. Questo sistema è anche una sicurezza in più, fattore che non dovrebbe essere trascurato.

Modelli e materiali

Una volta scelto il modello che più si adatta al vostro criterio, dovete occuparvi di scegliere il materiale adatto e da voi preferito.
Se siete amanti del legno, questo vi darà un isolamento naturale, trattenendo calore al suo interno. Molto elegante ed estetico. Richiede più manutenzione di altri materiali essendo più delicato.
L'alluminio è il materiale più usato e di facile manutenzione come peraltro anche l'acciaio.

Il PVC è insostituibile in termini d’isolamento e certamente vi renderà felici quando vi realizzerete la convenienza del suo rapporto qualità/prezzo imbattibile. C'è sempre la possibilità di applicare una finestrella sulla porta per renderla più gradevole o semplicemente per guardare all'interno o al suo esterno.

Di fronte a una così vasta scelta di prodotti sul mercato, uno specialista in vendita di portoni da garage cui affidarsi può essere una scelta saggia. Esso vi potrà dare della consulenza per garantirvi uno strumento efficace ed elegante.





Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La caparra: confirmatoria o penitenziale

La caparra corrisponde alla somma di denaro che si versa nel momento della proposta immobiliare, tale importo è versato in anticipo rispetto al rogito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come montare una grondaia

La grondaia è un canale di scolo necessario a far confluire l'acqua piovana (o la neve) dal tetto a terra, così da evitare deterioramenti dei punti in cui potrebbe crearsi un grave accumulo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top