Logo di Padroni di Casa

Dopo aver ampiamente dato tutte le informazioni sui lavori di ristrutturazione edilizia e sulla ristrutturazione della seconda casa, oggi, cambiamo argomento e parliamo di montaggio del laminato.

Menu di navigazione dell'articolo

Se si desidera rivestire i pavimenti allo scopo di ottenere gli stessi raffinati risultati del Parquet, ma a prezzi più contenuti, il laminato è la soluzione giusta.

Il montaggio del laminato è inoltre molto più semplice e facile della posa in opera del parquet.

Strati isolanti importanti per il montaggio del laminato

Quando si decide per il montaggio del laminato bisogna prestare attenzione in primis alla tipologia di strati isolanti che si intende utilizzare per la posa in opera.

In commercio esistono diversi tipi di strutture isolanti quali:

  • l'ecologico sughero da 2 mm in rotoli;
  • polistirene che può essere da 2 mm o 3 mm, in rotoli o fogli;
  • abbinamenti polistirene + alluminio da 2 mm in rotoli ecc.

Come prendere le misure?

Quando si opta per il montaggio del laminato è inoltre importante prendere bene le misure ed essere molto precisi, conservando tra il laminato stesso e le pareti, vie di fuga e giunzioni per agevolare il lavoro e limitare i danni causati da possibili e future dilatazioni del materia.

La distanza minima tra pavimento e parete da tenere in considerazione in questi casi è di circa 1 cm - 1,5 cm; è necessaria inoltre la realizzazione di una copertura mediante battiscopa in legno.

L'ultima importante operazione da effettuare, è quella di sigillare in modo accurato tutti gli spazi e le giunture presenti, in modo tale da evitare anche eventuali infiltrazioni di acqua; il materiale da utilizzare per la sigillatura è solitamente il silicone.

Come procedere per il montaggio del laminato

I pannelli dei laminati possono aiutare a migliorare l’isolamento acustico e termico dall’ambiente circostante. E’ importante lasciare i componenti dei pavimenti all’interno del locale dove dovranno poi essere installati per almeno 48 ore prima del loro utilizzo, in modo da permettere l’armonizzazione delle tonalità di colore. Il locale dove deve avvenire il montaggio del laminato dovrebbe avere una temperatura che oscilla tra i 16°C e i 25°C. E’ di fondamentale importanza controllare che il pavimento in laminato sia uniforme e senza la presenza di umidità. Questo genere di materiale infatti non è adatto per locali umidi, come i bagni, le saune ecc. Di seguito sono elencati i materiali che bisogna possedere per il montaggio del laminato.

  • Schiuma in polipropilene, che deve essere messa tra il pavimento già presente e quello in laminato.
  • Una sega.
  • Un martello.
  • Una matita.
  • Un metro.
  • Un taglierino.
  • Una corda.
  • Un righello.

Nel caso in cui il materiale debba essere installato su un pavimento di cemento è importante mettere anche uno strato di barriera al vapore nella parte inferiore della schiuma. Il pavimento sottostante deve essere perfettamente pulito, asciutto e solido. Bisogna iniziare a montare il laminato da un angolo della stanza, inserendo il primo pezzo con il lato verso il muro. Gli altri pannelli saranno messi progressivamente a incastro, aiutandosi con un martello e allineandoli con precisione. Per riuscire a inserire l’ultimo pannello senza grandi difficoltà, è necessario misurare l’eccesso del laminato e tagliarlo con una sega circolare.

Nel caso in cui all’interno della stanza dove si desidera montarlo sia presente un battiscopa difficile da rimuovere, si può procedere comunque al montaggio del laminato. I pannelli devono subire un processo di sagomazione ed è fondamentale usare dei distanziatori dalla parete, per permettere al materiale di effettuare la dilatazione termica senza problemi. Generalmente è sufficiente lasciare dieci millimetri tra la parete o il battiscopa e il pavimento.

Come pulire il pavimento

Ora che sapete come avviene il montaggio del laminato scopriamo come pulirlo. Per effettuare la pulizia di pavimenti del genere è sufficiente usare uno straccio umido ben strizzato. E’ sconsigliabile usare cera, lucido o abrasivi, perchè potrebbero rendere opaca la superficie. Per togliere le macchie più difficili o lo sporco incrostato è possibile acquistare dei prodotti per la detersione specifica dei laminati. E’ preferibile applicare sotto le sedie e i tavoli dei feltrini, in modo da proteggere il pavimento da eventuali graffi. 

Il tappetino sottopavimento per laminati

A cosa serve il tappetino sottopavimento nella possa del laminato? A molte cose, a cominciare dal migliorare l’aderenza del laminato e ridurre i cigolii dovuti alla cattiva aderenza piuttosto che all’attrito con la suola delle scarpe. Il tappetino sottopavimento, quindi, serve per:

  • Aumentare la resistenza ai carichi sia statici che dinamici: per carico dinamico si intende la capacità del laminato di conservare nel tempo le caratteristiche di resistenza meccanica alle ripetute sollecitazioni da camminamento. Un buon tappetino sottostante attutisce i carichi. Il carico statico è determinato dalle sollecitazioni che si concentrano su un punto del pavimento (mobili, armadi, stufe), e oggetti di un certo peso che gravano sul pavimento. Il tappetino sottopavimento da installare prima della posa del laminato contribuisce a sopportare meglio i carichi.
  • Compensare i dislivelli: un tappetino sottopavimento riequilibra ed allinea i dislivelli e lel eventuali irregolarità del fondo su cui si posa il laminato.
  • Ridurre il rumore da calpestio: un buon tappetino sottopavimento è in grado di ridurre notevolmente il rumore da calpestio proveniente dalle altre stanze adiacenti e da quelle sottostanti, funzionando anche da Isolamento acustico.
  • Isolare il livello termico: allo stesso modo dell’isolamento acustico, un buon tappetino sottopavimento per laminati contribuisce a proteggere gli ambienti e il pavimento dagli sbalzi termici, mantenendo la temperatura costante sia contro il freddo che contro il caldo.
  • Proteggere dall0umidità: una delle cause principali del rigonfiamento dei laminati è l’umidità, dovuta da infiltrazioni durante i lavaggi o da perdite delle tubature. Il pavimento se ben posizionato contribuisce a isolare le tubature dal contatto con il laminato e contrasta la formazione di vapore e umidità.

FAQ

Cosa si deve fare prima di posare il laminato?

Prima di passare alla posa del laminato occorre lasciar acclimatare i pannelli almeno per 48 ore, in posizione orizzontale nella stanza dove saranno posati preferibilmente a una temperatura minima di  18° e un tasso di umidità compreso tra il 50 e il 70%.

Come si incolla il laminato?

Esistono delle colle specifiche per laminato che devono essere stese e applicate con cura. Per prima cosa si applica uno strato uniforme di colla per laminati su entrambe le superfici da incollare. Si aspettano circa 20 minuti per favorire l’evaporazione dei solventi e quando la colla comincia a “tirare” si procede con l’incollaggio delle parti.

In che direzione si colloca il laminato?

La posa deve seguire la direzione della luce. Se nella stanza c’è una finestra, l’asse del laminato si gira con il lato corto, in modo da far cadere la luce sul lato lungo della finestra. Seguendo l’orientamento rispetto alla lunghezza della finestra, si fa in modo che la luce scivoli lungo tutto il giunto in lunghezza e su tutto il pavimento riducendo la visione delle fughe di congiunzione e incrementando l’effetto di lucentezza.

Quali sono le principali cause di rigonfiamento del laminato?

Il pavimento in laminato con il tempo tende a rialzarsi per varie cause. La principale è l’umidità dovuta a lavaggi troppo frequenti – causando infiltrazioni nelle fessure tra una lamina e l’altra, oppure a causa di perdite dalle tubature o, infine, anche a causa dell’impianto di riscaldamento troppo vicino alle lamine e di conseguenza per un mancato corretto isolamento delle componenti durante la fase di stesa del laminato.

Quale spessore è consigliato per un buon laminato?

Un buon laminato deve avere uno spessore si almeno 7 mm, ma in commercio sono spesso utilizzati e venduti quelli da 8 mm.

Come si protegge un pavimento in laminato?

Una volta steso il pavimento laminato, la corretta manutenzione ne preserva la durata e la longevità. Il pavimento si protegge con l’uso di feltrini e cuscinetti per le gambe delle sedie, tavoli, poltrone, divani e mobili (questo previene anche i graffi e i danni da strascinamento). Anche l’uso di tappeti e stuoini all’ingresso dell’abitazione o nelle singole stanze previene l’usura e protegge il pavimento da sabbia, sassolini e sporcizia portata dall’esterno.

Speriamo di avervi chiarito come avviene il montaggio del laminato.

Autore: Andrea Lelli

Immagine di Andrea Lelli

Laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Roma Tor Vergata, Andrea Lelli fonda la ditta di ristrutturazioni edili Edil Clima Service SAS con sede in Via Costanzo Albasini 10 a Roma. Edil Clima Service è una società composta da un team di otto esperti, ognuno specializzato in una specifica mansione.