Se si desidera rivestire i pavimenti allo scopo di ottenere gli stessi raffinati risultati del parquet, ma a prezzi più contenuti, il laminato è la soluzione giusta.

Montare un pavimento in laminato è inoltre molto più semplice e facile della posa in opera del parquet.

Strati isolanti importanti per il montaggio del laminato

Quando si decide di mettere in posa il laminato bisogna prestare attenzione in primis alla tipologia di strati isolanti che si intende utilizzare per la posa in opera.

In commercio esistono diversi tipi di strutture isolanti quali:

  • l'ecologico sughero da 2 mm in rotoli;
  • polistirene che può essere da 2 mm o 3 mm, in rotoli o fogli;
  • abbinamenti polistirene + alluminio da 2 mm in rotoli ecc.

Come prendere le misure?

Quando si vuole montare il laminato è inoltre importante prendere bene le misure ed essere molto precisi, conservando tra il laminato stesso e le pareti, vie di fuga e giunzioni per agevolare il lavoro e limitare i danni causati da possibili e future dilatazioni del materia.

La distanza minima tra pavimento e parete da tenere in considerazione in questi casi è di circa 1 cm - 1,5 cm; è necessaria inoltre la realizzazione di una copertura mediante battiscopa in legno.

L'ultima importante operazione da effettuare, è quella di sigillare in modo accurato tutti gli spazi e le giunture presenti, in modo tale da evitare anche eventuali infiltrazioni di acqua; il materiale da utilizzare per la sigillatura è solitamente il silicone.

Come procedere per il Montaggio del laminato

I pannelli dei laminati possono aiutare a migliorare l’isolamento acustico e termico dall’ambiente circostante. E’ importante lasciare i componenti dei pavimenti all’interno del locale dove dovranno poi essere installati per almeno 48 ore prima del loro utilizzo, in modo da permettere l’armonizzazione delle tonalità di colore. Il locale dove devono essere montati dovrebbe avere una temperatura che oscilla tra i 16°C e i 25°C. E’di fondamentale importanza controllare che il pavimento in laminato sia uniforme e senza la presenza di umidità. Questo genere di materiale infatti non è adatto per locali umidi, come i bagni, le saune ecc. Di seguito sono elencati i materiali che bisogna possedere per montare il laminato.

Montaggio del laminato

  • Schiuma in polipropilene, che deve essere messa tra il pavimento già presente e quello in laminato.
  • Una sega.
  • Un martello.
  • Una matita.
  • Un metro.
  • Un taglierino.
  • Una corda.
  • Un righello.

Nel caso in cui il materiale debba essere installato su un pavimento di cemento è importante mettere anche uno strato di barriera al vapore nella parte inferiore della schiuma. Il pavimento sottostante deve essere perfettamente pulito, asciutto e solido. Bisogna iniziare a montare il laminato da un angolo della stanza, inserendo il primo pezzo con il lato verso il muro. Gli altri pannelli saranno messi progressivamente a incastro, aiutandosi con un martello e allineandoli con precisione. Per riuscire a inserire l’ultimo pannello senza grandi difficoltà, è necessario misurare l’eccesso del laminato e tagliarlo con una sega circolare.

Nel caso in cui all’interno della stanza dove si desidera montarlo sia presente un battiscopa difficile da rimuovere, si può procedere comunque al montaggio. I pannelli devono subire un processo di sagomazione ed è fondamentale usare dei distanziatori dalla parete, per permettere al materiale di effettuare la dilatazione termica senza problemi. Generalmente è sufficiente lasciare dieci millimetri tra la parete o il battiscopa e il pavimento.

Come pulire il pavimento

Per effettuare la pulizia di pavimenti del genere è sufficiente usare uno straccio umido ben strizzato. E’ sconsigliabile usare cera, lucido o abrasivi, perchè potrebbero rendere opaca la superficie. Per togliere le macchie più difficili o lo sporco incrostato è possibile acquistare dei prodotti per la detersione specifica dei laminati. E’preferibile applicare sotto le sedie e i tavoli dei feltrini, in modo da proteggere il pavimento da eventuali graffi. 




Potrebbe interessarti

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi anche...

Validità della SCIA: tutto sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Validità della SCIA

In merito ai lavori edilizi, al fine di evitare l’enorme piaga dell’abusivismo edilizio sono stati realizzati dallo Stato italiano determinati atti amministrativi utili a regolarizzare le opere sugli immobili e la loro corretta costruzione. Oltre alla DIA Ordinaria e alla Super DIA, alcune regioni italiane applicano la SCIA.

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette: quel che c'è da sapere

domiciliazione bancaria

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Go to Top