Un operazione che spesso ci si ritrova da fare a casa è quella di montare i bastoni delle tende; per applicarli al meglio è necessario però sapere come fare ed avere a disposizione l'attrezzatura adatta.

Gli utensili necessari a installare i bastoni per le tende sono: trapano; cacciavite; livella a bolla; tasselli e viti adatte; metro; matita e righello, per segnare le misure; seghe utili a tagliare legno e metallo.

Tipologie di bastoni per tende: guida alla scelta

I binari e bastoni per tende – che fino a qualche anno fa erano considerati semplici supporti per le tende – sono diventati dei veri e propri complementi di arredo ed elementi di design che possono completare e persino impreziosire le stanze. Il potenziale estetico e architettonico di questi elementi ha liberato la fantasia dei designer che ne hanno progettati di modelli e soluzioni originali, dalle più sorprendenti alle più sofisticate e raffinate.
La scelta del supporto più adatto si basa su due aspetti: il tipo di tenda che si monta e l’infisso che si copre.

In commercio ci sono aste e binari di tutti i tipi (semplici, scorrevoli, telescopici) con finiture e colori che si adattano a qualsiasi tipo di arredamento. La prima cosa da scegliere è il materiale in base all’arredamento della stanza dove sarà montata la tenda e allo stile classico, moderno, rustico. Per un ambiente classico, è preferibile scegliere un bastone in legno o ottone impreziosito da terminali decorativi; negli ambienti rustici è preferibile un bastone in ferro battuto, mentre i bastoni in alluminio o acciaio satinato – che sono anche molto leggeri - sono ideali per gli ambienti giovani, moderni, industriali.

Oltre al materiale, occorre considerare la struttura e la praticità di utilizzo, vale a dire che oltre a sostenere i tendaggi, bisogna valutare l’agilità nello scorrimento della tenda e la facilità di apertura e chiusura rispetto all’utilizzo: infatti, per una stanza in cui si aprono spesso le finestre è preferibile optare per una tenda a vetro che intralcia meno e permette un’ampia libertà di movimento; nella stanza dei bambini è consigliabile una struttura con bastone fisso e anelli a scorrimento che è pratica e resistente.

A questo punto, è bene considerare la tipologia di bastoni. I più venduti e i più comuni sono di tre tipologie:

  • Bastoni fissi per tende con anelli;
  • Bastoni con binario a soffitto;
  • Bacchetta per tende a vetro.

Il bastone per tende fisso è il sistema più utilizzato per sostenere le tende ad anelli. È una struttura semplice composta da un’asta fissa o telescopica il cui diametro oscilla tra 1,2 cm e 3,5 cm che si ancora alla parete tramite due staffe o perni. Il montaggio è rapido, basta essere molto precisi e saper prendere le misure correttamente. Quando l’asta è fissata al muro è sufficiente far scorrere al suo interno gli anelli o la tenda stessa opportunamente ripiegata e cucita. È anche un sistema molto pratico che facilita il lavaggio delle tende ogni volta che lo si desidera o anche un rapido cambiamento di tendaggio. Se si ha una coppia di tende o una tenda con mantovana è sufficiente procurarsi un’asta con il doppio bastone per realizzare un effetto scenico di grande impatto estetico.

Il bastone con binario a soffitto e a scomparsa per le tende scorrevoli è un sistema più complicato da montare perché si compone di guide di scorrimento e ganci a cui si fissano le tende che a loro volta devono essere collegate alla guida per l’apertura e la chiusura a scorrimento che avviene tramite l’ausilio di una cordicella posta ai lati della tenda. Il binario si applica al soffitto e deve essere ben coperto dalla tenda, almeno ché non si applica un elemento di decorazione in legno, metallo o pvc a seconda dello stile di arredamento che nasconde il binario. Questo sistema si adatta a tendaggi leggeri e minimalisti, il supporto richiede più tempo di montaggio e anche lo smontaggio delle tende è più difficoltoso.

Le bacchette per tende a vetro – consigliate negli ambienti in cui si aprono spesso le finestre – sono composte da semplici bacchette telescopiche principalmente in alluminio che si applicano direttamente sugli infissi laterali delle finestre grazie a un sistema a pressione di molle che si adattano a ogni infisso e misura senza dover utilizzare le viti. Sono bacchette molto leggere ed economiche ideali anche per chi ha problemi di spazio o finestre su cui non si possono applicare binari o aste.

I bastoni contemporanei: ultime tendenze

Le tendenze minimaliste nelle case moderne o di nuova costruzione suggeriscono l’uso di aste di bastoni, ma anch’essi a scomparsa. Per non farli notare, si ricorre spesso a tagli di sezioni nel contro soffitto o realizzazioni di contro soffitti sotto i quali nascondere il supporto per le tende. Se non si intendono realizzare lavori, si possono utilizzare delle mantovane (o profili) lineari e semplici come una sorta di cornice che decora e nasconde, oppure optare semplicemente per un bastone dal design essenziale che passi inosservato.

I nuovi sistemi di aste per tende prevedono persino lo scorrimento su un tubo o cavo di diametro irrisorio compreso tra 2 e 20 millimetri, estensibili all’infinito e che possono facilmente adattarsi anche a effettuare curve grazie al sistema detto “passante” del supporto agganciato ad una rotella (il rolling) che scorre agevolmente lungo tutto il cavo. I nuovi sistemi combinano il binario a soffitto con il sistema a bastone senza l’uso della cordicella, ma semplicemente trascinando la tenda per praticità e per dare maggiore possibilità di combinare stili e gusti.

La scelta del bastone per tende non è indifferente, perché la tenda è un complemento d’arredo utile per nascondere termosifoni sotto finestra, infissi antiestetici, aperture irregolari (una porta finestra affiancata a una finestra a mezza altezza, celini o cassonetti delle tapparelle e altri elementi che possono disturbare l’armonia di una casa.

Elementi e attrezzi necessari a montare i bastoni delle tende

Per montare i bastoni delle tende è fondamentale in primis scegliere e acquistare i giusti pezzi, ovvero::

  • il bastone stesso, per porte o decorativo come quello rotondo;
  • binari vari;
  • bacchette per le tendine a vetro;
  • due o più mensole;
  • anelli;
  • terminali decorativi.

I bastoni più comuni sono di due tipologie: quelli fissi e quelli scorrevoli.
La differenza è sia estetica che pratica. Nei primi, la terra scorre tramite gli anelli coi quali è attaccata: il bastone è molto visibile e, pertanto, dovrebbe essere scelto pensando anche all'estetica. Il secondo, invece, è quasi completamente coperto dalla tenda: questa scorre sui dei binari capaci di rendere il movimento molto fluido.

Per scegliere bisogna, ovviamente, rifarsi allo stile dell'intera stanza. Nelle stanze ispirate ad uno stile più antico, il bastone fisso va benissimo: magari in ottone o con belle decorazioni a segnarne la fine; mentre, nelle case più moderne, quelli scorrevoli sono la soluzione ottimale visto che riflettono l'anelino all'efficienza tipica del design moderno.

Prendere le misure

Per montare i bastoni delle tende, è necessario prendere accuratamente le misure, soprattutto tenendo conto della distanza dal muro e dal soffitto.
Successivamente si deve effettuare la posa, con procedimenti diversi se essa viene eseguita tra due muri, al muro o sul soffitto; potrebbe inoltre essere necessario un accorciamento del bastone per adattarlo alle giuste misure che servono.

In ogni caso è fondamentale calcolare dei centimetri di distanza fra il bastone e le pareti. Devono infatti intercorrere almeno 10 cm fra loro. Lo stesso dicasi nella situazione in cui il bastone viene messo sotto il tetto: l'arredo e le pareti devono respirare, sia per una questione di praticità – così si evitano incastri – sia estetica – per evitare che la tenda sembri “incollata” al muro.
Si devono inoltre calcolare altre dimensioni, ovvero quelle della tenda stessa. Valutate bene l'altezza della stoffa – in caso, potete accorciarla voi stessi – ma anche la larghezza di questa come anche della finestra. Il bastone dovrebbe sporgere di almeno 20 cm da un lato e dall'altro.

La prima difficoltà sopraggiunge nel momento in cui si devono fissare i punti in cui attaccare il bastone. È possibile affidarsi al calcolo in centimetri oppure a strumenti ad hoc tipo la livella a bolla. Una volta individuati i punti, bisogna utilizzare il trapano manovrandolo nella maniera più dritta possibile. Installate poi il bastone facendo attenzione ad inserire tutte le viti per bene.

Pietro Calafiore





Potrebbe interessarti

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di mediazione immobiliare:ecco cosa devi sapere

Immagine per  Contratto di mediazione immobiliare

Il contratto di mediazione immobiliare, disciplinato dagli artt. 1754 - 1765 c.c. regola l’attività di chi intende affidarsi a un mediatore (es.agenzia immobiliare), per la compra-vendita di un'abitazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposte reddito locazione: aliquote e prassi dei versamenti

La locazione di un immobile, dovrebbe comportare obbligatoriamente la stipula e la successiva registrazione di un contratto d'affitto, con il conseguente versamento delle imposte dei redditi da locazione. 

Leggi tutto...
Go to Top