Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Il MEF, ad oggi, è sicuramente uno dei dicasteri più importanti del Governo italiano a ha il tutt’altro che semplice compito di gestire le finanze dello Stato che, come tutti sappiamo, si dividono in uscite ed entrate. Nel primo ampio campo rientrano tutte le spese pubbliche che vengono affrontate annualmente mentre nel secondo rientrano l’insieme delle tasse che gli stessi cittadini italiani devono versare nelle casse dello Stato. 

Oltre a questo il MEF esercita e svolge funzioni che spettano allo Stato in materia di natura economica, politica finanziaria e ovviamente di bilancio. Si occupa delle relazioni e della programmazione di tutti gli investimenti pubblici, delle politiche fiscali, del demanio e del patrimonio statale, delle dogane e ovviamente del sistema tributario. 

Il Ministero per potere funzionare a dovere presenta delle sedi in tutto il territorio nazionale ma nonostante ciò è assolutamente necessaria una piccola scala gerarchica nell’organizzazione ministeriale. Vengono infatti considerati uffici di diretta collaborazione del ministro: 

  • Il capo segreteria;
  • L’ufficio del capo di gabinetto,
  • Il portavoce;
  • La segreteria particolare;
  • Il capo ufficio stampa;
  • I tre consiglieri (diplomatico, politico e del ministro)
  • L’aiutante di campo
  • Il SECIN ovvero il servizio di controllo interno. 

Fatta questa doverosa precisazione abbiamo parlato precedentemente del sistema tributario nazionale. Abbiamo anche parlato di entrate nelle casse dello Stato e quindi di tasse che vengono pagate dai contribuenti. Ma come si articolano queste? E cosa sono queste aliquote che sembrano strettamente correlate con esse? 

Ecco cosa sono le aliquote 

In genere quando si parla di aliquota, o per meglio dire di quota parte, nelle scienze politiche e finanziarie si intende quel tasso di natura fissa o variabile che viene espresso in percentuale che viene applicato alla base imponibile per calcolare il tributo che il cittadino dovrà versare all’interno delle casse dello Stato. Essa può dividersi in due rami: può essere fissa o variabile. Nel primo caso nonostante il tempo non muta mai mentre la seconda potrebbe vedere aumentare o diminuire la propria percentuale. 
Le aliquote, ovviamente, possono essere applicate in tantissimi ambiti del sistema economico nazionale e conseguentemente di tipologie ce ne sono altre. Tra queste spiccano: 

  • L’aliquota media: generalmente è pari al rapporto dell’ammontare dell’imposta e dell’ammontare ella base imponibile;
  • L’aliquota marginale: è quella che viene applicata sull’’ultima fascia di ricchezza del cittadino contribuente;
  • L’aliquota fiscale totale: ribattezzata in inglese ‘Total RaxRate’ è quella coinvolge le varie imprese o comunque i profitti commerciali. Ci si riferisce quindi all’IRPEF, all’IVA e quant’altro.  
  • L’aliquota fiscale effettiva: o aliquota fiscale reale che dir si voglia è la percentuale che viene effettivamente calcolata alla base dell’imponibile. Nel calcolo della stessa vi sono taluni passaggi intermedi che ne modificano l’importo (vedi per esempio il caso delle detrazioni).

Il ruolo del MEF e delle aliquote 

Per quanto scomodo e antipatico possa essere qualsiasi Stato per potere andare avanti e guardare al futuro con serenità ha bisogno di una programmazione. Questa inesorabilmente passa tra le mani del Ministero dell’Economia e della Finanza che tramite le varie aliquote obbliga tutti i cittadini ad essere, di fatto, dei contribuenti. 
Per poter assicurare dei servizi è doveroso pagare chi li fornisce e i soldi lo Stato, da dove li deve prendere? Ovviamente dai contribuenti: il ragionamento, fatto così, ovviamente non fa una piega ma le domande sorgono spontanee quando nonostante il pagamento delle tasse i servizi continuano a mancare.  

Ovviamente rispondere a questa domanda esula da quelle che possono essere le nostre competenze e ovviamente non proferiamo parola ma è giusto e doveroso, ogni tanto, porsi dalla parte del cittadino... 





Potrebbe interessarti

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Leggi anche...

SCIA: tutto sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

In merito ai lavori edilizi, al fine di evitare l’enorme piaga dell’abusivismo edilizio sono stati realizzati dallo Stato italiano determinati atti amministrativi utili a regolarizzare le opere sugli immobili e la loro corretta costruzione. Oltre alla DIA Ordinaria e alla Super DIA, alcune regioni italiane applicano la SCIA.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento bollette: cosa succede dopo la scadenza?

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti.

Leggi tutto...
Go to Top