Le macchine per il caffè con le cialde sono degli elettrodomestici a uso domestico per preparare il caffè espresso come quello del bar. Vi sono macchine che utilizzano le cialde e altre che prevedono l’uso delle capsule. Le cialde sono dei dischi tondeggianti pressati dello spessore di 44 mm e contenenti 7 gr di caffè macinato racchiuso in un incarto di carta filtrata come quello delle bustine per il tè. Il formato standard universale delle cialde è identificato dalla sigla ESE, vale a dire che le macchine per il caffè con marchio ESE sono compatibili per le corrispettive cialde prodotte da qualsiasi marca produttrice di caffè in cialde. Le cialde per il caffè si trovano presso qualsiasi supermercato e confezionate in ambiente protetto per preservare l’aroma del caffè.

Come funziona?

Per comprendere il funzionamento di una macchina per il caffè è bene conoscere le componenti, anche ai fini di una corretta manutenzione. L’aspetto esterno – spesso dal design lineare e compatto – custodisce un meccanismo elettrico che alimenta anche la parte elettronica del display. La macchina – indipendentemente dalle dimensioni – si compone di: 

  • una caldaia per il riscaldamento dell’acqua;
  • un gruppo di erogazione,
  • una resistenza elettrica;
  • il manometro per la regolazione della pressione;
  • l’elettropompa;
  • una lancia per il vapore;
  • il sistema di regolazione della temperatura.

Le macchine del caffè a uso domestico sono dotate di uno o due erogatori (per preparare una o due tazzine di caffè alla volta); mentre quelle professionali ne possono prevedere fino a quattro. La scocca o rivestimento esterno che protegge il meccanismo può essere di plastica o alluminio a seconda dei modelli e delle case produttrici.

Il funzionamento per la preparazione del caffè è semplice. L’apparecchio è elettrico per cui occorre innanzitutto collegarlo a una presa elettrica. Quando si preme sul bottone di avvio si avvia il meccanismo di riscaldamento dell’acqua all’interno della caldaia: una luce di colore diverso solitamente avverte quando l’acqua è giunta a temperatura (ideale tra 89° e 96°C), a questo punto è necessario porre la cialda nell’apposito contenitore, richiudere il contenitore come indicato dal manuale di utilizzo della propria macchinetta assicurandosi che non fuoriesca il liquido durante l’erogazione (pertanto occorre controllare che le guarnizioni in plastica poste per evitare questo inconveniente siano ben riposte e non usurate). L’acqua preriscaldata, viene spinta dalla caldaia alla cialda alla pressione di 9 atm per far sì che il liquido raggiunga la polvere del caffè e ne fuoriesce il liquido. È lo stesso principio della moka, ma con tempi accelerati avendo già l’acqua preriscaldata e la pressione al giusto valore. Si posiziona la tazzina sotto l’erogatore e si mantiene premuto il pulsante di erogazione fino alla “lunghezza” desiderata del caffè: solitamente si consiglia di riempire la tazzina fino a due terzi per ottenere la giusta “corposità” ed evitare che i residui acquosi annacquino il caffè.

Sebbene le macchine per il caffè con le cialde funzionano tutte allo stesso modo è sempre opportuno leggere attentamente il manuale di istruzioni del proprio apparecchio per utilizzarlo nel modo più efficiente. Per una corretta manutenzione si suggerisce di utilizzare acqua naturale in bottiglia, evitando quella del rubinetto ricca di calcare e residui che possono danneggiare il filtro.

I vantaggi e gli svantaggi della macchina per il caffè con le cialde

macchine caffè cialde

L’uso della macchina per il caffè con le cialde – da preferire alle capsule il cui rivestimento rigido è più difficile da smaltire – presenta diversi vantaggi in sé:

  • le cialde ESE si possono acquistare nei supermercati e sono compatibili con qualsiasi macchina per il caffè;
  • le cialde sono completamente biodegradabili e compostabili, facili da riciclare e pertanto si gettano nel contenitore dell’umido.
  • Il costo delle cialde è più economico rispetto alle capsule (una confezione costa da 20€ a 30 € a seconda della marca che si preferisce);
  • La manutenzione di una macchina del caffè con le cialde è più semplice e richiede la pulizia una volta a settimana.

L’unico svantaggio delle cialde è nel loro rivestimento fatto di carta porosa che a lungo andare lascia perdere l’aroma originale del caffè, a differenza delle cialde il cui aroma resta ben sigillato al suo interno.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Deposito cauzionale affitto: ecco come funziona

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Go to Top