È dicembre, lo spirito natalizio finalmente si fa presente in tutti noi e piano piano comincia a riempire le nostre giornate. Le strade delle città cominciano a riempirsi di festoni e luminarie, nei negozi e nei centri commerciali le vetrine si addobbano in previsione della grande festa, i negozi di gastronomia preparano le leccornie e i menu da proporre per cene e cenoni. E anche le nostre case, che ci siano o meno bambini in fibrillazione per l'arrivo di Babbo Natale e dei doni chiesti nella letterina al Grande Vecchio del Nord, si animano di una atmosfera speciale, di colori e sapori nuovi.

Molto di questa atmosfera è resa dalle luci: e proprio di questo vi vogliamo parlare, perché ormai non si tratta più soltanto delle luci per l'albero di Natale o il presepe, ma di tutta una serie di vere e proprie luminarie per la casa che daranno un tono unico alla nostra dimora: sfruttando la tecnologia, ad esempio nell'impiego di luci led Natale le feste seranno incredibilmente luminosa e dall'atmosfera irripetibile. Il tutto, senza far salire vertiginosamente le cifre della nostra bolletta della luce.

Luci non solo per l'albero

Intanto, partiamo subito da un dato: l'illuminazione natalizia è una faccenda seria, non basta recuperare in soffitta il vecchio filo di lucine che risale all'alberello che si faceva in casa quando eravamo piccoli. Oggi le possibilità sono infinite e non rimangono certo confinate all'albero: esistono per esempio ghirlande natalizie luminose, alimentate a corrente o a batteria, che possono essere posizionate alle finestre, o in qualche caso anche sui balconi (se le luci sono studiate appositamente per l'esterno) e che renderanno immediatamente riconoscibile da lontano la vostra casa.

Un grande ritrovato tecnologico che trova una applicazione perfetta alle feste natalizie è poi la tecnologia LED. Grazie a questo tipo di illuminazione, infatti, si può avere un grande risparmio e una maggiore durata delle luminarie.

Qualcuno rimprovera alle luci di questo tipo di essere un po' troppo fredde, e in effetti questo, soprattutto se pensiamo alla allegra luce calda delle luminarie degli alberi di Natale, potrebbe essere un problema, però bisogna dire che, anche riguardo a questo argomento, i miglioramenti nella qualità delle luci sono evidenti, e le luci di Natale LED sono ormai in tutto e per tutto simili, quanto a calore, a quelle tradizionali.

Anzi, al giorno d'oggi ormai le strisce LED sono altrettanto vivaci e calde di quelle cui siamo abituati, con però diversi vantaggi in più: la dispersione di luminosità è minore, e di conseguenza anche il consumo, mentre, d'altra parte, la longevità è di molto maggiore.

Il vantaggio delle lampadine di questo tipo

Il vantaggio delle lampadine LED a basso consumo è davvero enorme: uno studio condotto da Greenpeace che, ogni anno, nelle nostre città si consumano quasi 2 milioni e mezzo di Watt per illuminare strade e case private: scegliere le luci a LED è quindi un'azione consapevole e all'insegna del risparmio energetico tanto quanto dell'inquinamento luminoso. Pensate che, comprando 100 bulbi incandescenti "tradizionali", si consumano circa 45 Watt, a fronte di un'efficienza luminosa dell'1.5%: davvero poco, tutto il resto dell'energia consumata viene disperso. Un "giro" di luci LED, invece, richiede solo 0.04 Watt per lampadina: fate voi i conti di quanto questo significhi in termini di risparmio.

Avendo a disposizione un pannello LED di luci, invece, potremo risparmiare fino all'80%, che se sommato alla maggiore durata delle lampadine fa capire quanto sia più vantaggioso scegliere luci di questo tipo per i nostri addobbi natalizi. Il costo iniziale per l'acquisto, insomma, che è senz'altro maggiore rispetto alle luci a incandescenza, viene ampiamente ripagato dai risparmi in bolletta. Non solo, l'efficienza luminosa è fino a 20 volte maggiore rispetto a quella delle lampade a incandescenza.

Naturalmente, poi, ci sono i consigli d'uso legati al buon senso: se non siamo in casa non ha davvero alcun senso consumare energia per tenere accesi gli addobbi luminosi (senza considerare che vi è anche una percentuale di rischio-incendi, soprattutto se abbiamo scelto delle lampadine economiche), così come poco senso ha pure tenerle accese in piena notte, quando tutti dormiamo e quindi avremmo poca possibilità di godercele. La soluzione ottima è ad esempio quella di un pannello LED con un timer, con cui programmare il momento di accensione e quello di spegnimento.

Oggi è anche possibile ottimizzare questi comandi grazie alla tecnologia bluetooth, e fare la programmazione direttamente da smartphone o tablet. Il consumo, inoltre, viene ridotto ulteriormente se decidiamo di usare luci a intermittenza al posto di quelle continue. Se volete risparmiare del tutto, poi, potete combinare l'efficienza del LED con quella della luce solare. Le lampadine di ultima generazione, infatti, hanno anche delle piccole centraline fotovoltaiche a cui sono sufficienti le poche ore di sole invernali per garantirne il funzionamento fino a notte inoltrata.

Sempre a proposito di sicurezza, infine, le luci LED sono una vera garanzia: generando poco calore, infatti, viene di gran lunga ridotto il rischio di incendi o altri incidenti.
Insomma, le luci di Natale LED sono la soluzione giusta: efficienti, di lunga durata e con un occhio all'ambiente: cosa volete di più?



Potrebbe interessarti

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Moratoria e sospensione rate del mutuo: dodici mesi di respiro per chi è in difficoltà

Oggettivamente sono pochi coloro che, finiti gli studi e intrapresa la carriera lavorativa, possono godere del possesso di uno o più immobili. A maggior ragione chi non è in possesso nemmeno della prima casa si vede giustamente costretto a contrarre il famigerato mutuo con le banche al fine di dire ‘questa è casa mia’. Ma piuttosto che fossilizzarsi sulle eventuali espressioni verbali che possono essere più o meno significative lo stesso fatto di non pagare mensilmente ‘canoni’ affittuari senza riuscire ad avere riscontri futuri è un grande passo. Ma cosa è un mutuo? 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Home Lovers: tanti gli italiani che preferiscono stare a casa

Cresce l'amore per la casa degli italiani che vi trascorrono il 64% della giornata con punte fino al 72% la domenica, secondo una indagine realizzata da Time Budget. La tendenza sarebbe confermata dalla crescita nelle vendite di videoregistratori, parabole per tv satellitare e prodotti per la casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Eni: guida pratica per la richiesta

L'Eni è un'azienda che si occupa di ricercare, produrre e commercializzare petrolio e gas naturale; ha all'attivo più di 75.000 dipendenti in circa 70 paesi. La voltura Eni, così come tutte le volture di questo tipo, viene richiesta all'ente erogatore in caso di subentro, nel contratto già preesistente, di un nuovo intestatario.

Leggi tutto...
Go to Top