Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Durata dei contratti di locazioni transitorie

Per i proprietari, le condizioni previste per la locazione transitoria sono legate a:

  • dover vendere l'abitazione in tempi brevi;
  • dover destinare l'immobile ad abitazione o ad attività propria o dei familiari;
  • dover eseguire in poco tempo lavori di edilizia;
  • cause di natura legale legate a separazioni o divorzi.

I casi in cui l'inquilino opta per questo tipo di contratto

E' ammissibile quando:

  • sono necessarie cure e/o assistenza per sé o per i propri familiari in un luogo diverso dalla propria residenza;
  • possiede un contratto o un trasferimento di lavoro a carattere temporaneo;
  • si devono effettuare lavori nella propria casa che la rendano temporaneamente inutilizzabile;
  • è in attesa della disponibilità effettiva di un immobile acquistato oppure assegnato da un ente pubblico.

Rinnovo della locazione transitoria

Il rinnovo della locazione transitoria può avvenire tra le due parti solo se venisse confermata la transitorietà dell’alloggio e ciò deve avvenire tramite spedizione di raccomandata da inviare ovviamente prima della scadenza del contratto. Se viene dichiarato il falso, il proprietario è tenuto a risarcire tre mensilità del canone o in alternativa a ripristinare la vecchia tipologia di locazione.

Spese, cauzione e sconti fiscali

Il deposito cauzionale (massimo tre mesi di canone anticipato) avviene alla firma del contratto; sulla cauzione il proprietario dovrà versare ogni anno all'inquilino un interesse pari al tasso legale. Il canone d’affitto della locazione transitoria può essere libero oppure nei capoluoghi di provincia essere superiori al 20% rispetto alla formula del 3+2.

Per il proprietario, gli sconti fiscali sono il 15% del canone, da denunciare sulla dichiarazione dei redditi, mentre per l'inquilino, non è prevista nessuna agevolazione.

Le condizioni delle locazioni transitorie

Le locazioni transitorie presentano alcuni tratti distintivi rispetto alle altre tipologie di contratto. Il proprietario può far uso di questa locazione se deve vendere l’immobile in breve tempo, deve trasferire membri della sua famiglia nell’alloggio o deve fare lavori di edilizia. Le condizioni per una locazione transitoria per l’inquilino sono invece: possesso di un contratto lavorativo a tempo, impossibilità di alloggiare nella propria casa causa lavori di ristrutturazione, necessità di curare membri della famiglia in un immobile diverso dalla sua residenza o attesa per l’assegnazione della propria casa.

Altre tipologie di locazione

Esistono, oltre alla locazione transitoria, anche altri contratti per l’affitto di immobili come per esempio il contratto a canone libero 4+4, a canone concordato con la formula del 3+2 e i contratti di Locazione a studenti universitari. Si potrebbe aggiungere anche il subaffitto ma ciò è valido solo se non espressamente vietato nel contratto (anche se sul suo utilizzo ci sono da rispettare determinati vincoli) e comunque se presente ciò deve essere comunicato dall’inquilino.

Locazione a Roma 

Quando ci si appresta a prendere una casa in affitto, è sempre importante valutare tante cose prima di effettuare la locazione definitiva. È bene in primis regolarizzare l'affitto stipulando un contratto firmato e registrato, al fine di evitare spiacevoli inconvenienti futuri.

La registrazione del contratto dovrebbe infatti essere una cosa da fare in ogni situazione; molto spesso invece, soprattutto nei casi di affitti a studenti, questa pratica non viene presa assolutamente in considerazione. Il contratto di locazione è inoltre uno dei modi migliori per tutelare chi prende in affitto l'immobile stesso.

È inoltre poi indispensabile sapere che tipo di contratto si vuole stipulare; ci sono infatti diversi tipi di contratti di locazione: le locazioni agevolate, i contratti a carattere transitorio le sublocazioni, le locazioni commerciali, il comodato d’uso, ecc.

Nei casi di locazioni in grandi città come Roma, ad esempio, risulta spesso molto difficile effettuare la ricerca e trovare la casa in affitto nel luogo desiderato e che maggiormente si addice alle proprie esigenze. Con dei piccoli accorgimenti è però possibile trovare la locazione a Roma che fa al caso vostro.

A chi rivolgersi e come cercare

Per trovare una locazione a Roma, ci si può muovere in diversi modi. Si può andare in giro per la città, e nella zona interessata, a cercare i vari annunci affissi sui muri. In questi casi la locazione si effettua privatamente e quasi sempre, l'affitto viene effettuato in nero e senza stipula di un contratto.

La maggior parte degli annunci presenti per le strade di Roma, è infatti riferita a stanze da affittare a studenti e molto spesso sono direttamente dei ragazzi che vi abitano a subaffittare un posto letto. In ogni caso, per gli studenti che cercano una locazione a Roma, è possibile anche cercare sulle bacheche universitarie.

Per coloro che vogliono essere più sicuri e assicurarsi una locazione a Roma, regolare e con contratto, ci si può invece rivolgere presso le numerose agenzie immobiliari presenti e dislocate su tutto il territorio capitolino.

Infine è possibile trovare una casa in affitto a Roma acquistando i vari giornali specifici presenti in edicola, come il conosciutissimo Porta Portese.

Anche su Roma, come nel resto d'Italia, va infine sottolineato che dal 7 aprile 2011 l’Agenzia delle Entrate ha avviato il regime della Cedolare Secca sugli affitti, introducendo diverse agevolazioni in tal senso e novità molto interessanti.



Potrebbe interessarti

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi anche...

Valore catastale terreni agricoli: conosci le novità?

Tra qualche mese arriverà sugli italiani la stangata dell’IMU, la tassa rimessa dal Governo Monti sugli immobili, misura resa necessaria come dichiarato dai tecnici per reperire le risorse sufficienti per fronteggiare la grave crisi economica globale.

Leggi anche...

Allarme di sicurezza e serrature per porte blindate

serrature e allarme di sicurezza

Inadeguate e vulnerabili. Per queste ragioni, le serrature di un tempo sono oggi a rischio e facili prede di ladri e criminali sempre più esperti. Appare dunque necessario e saggio sostituire elementi ormai desueti e dotarsi al più presto di serrature di sicurezza moderne e tecnologiche per assicurare alla propria casa e ai propri beni una protezione costante ed una sicurezza totale.

Leggi anche...

Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Go to Top