Prima di tutto è bene chiarire che molti edifici sono costruiti seguendo la logica dell'isolamento acustico delle pareti architettonico. Questa logica annovera al proprio interno dei requisiti acustici passivi (le caratteristiche qualificanti le fonti sonoro/acustiche esterne ed interne nella costruzione di un edificio).

Scopri i requisiti acustici passivi

le caratteristiche acustiche passive sono:

  • Il tempo di riverberazione
  • Il potere fono-isolante relativo alle pareti di separazione tra due ambienti
  • L’isolamento acustico per la facciata esterna della casa
  • L’isolamento sonoro- acustico del pavimento
  • L’isolamento sonoro- acustico dai rumori generati da installazioni tecnologici a servizio discontinuo

Ovviamente esistono delle Norme Tecniche che ci spiegano esattamente come calcolare i valori per ciascun requisito acustico passivo. Questi valori sono bassi per gli edifici pubblici come scuole ed ospedali; gli alberghi e gli edifici adibiti ad uffici.

Norme comunitarie per l'inquinamento acustico

E’ importante sottolineare che a livello comunitario, le norme tecniche sono delineate dallo standard UNI 12354, adattato alle costruzioni italiane con il Technical Report UNI TR 11175. In ambito nazionale invece, le norme che regolano l’inquinamento acustico- sonoro sono legate alla legge 26 ottobre 1995 n. 447, detta "Legge quadro sull'inquinamento acustico" che delimita i principi base della tutela dal rumore prodotto dall'ambiente esterno o abitativo.

Direttive per i requisiti dell'isolamento acustico

La normativa relativa ai requisiti acustici è composta dalle seguenti direttive:

  • Circolare n. 1769 del 1966 "Criteri di valutazione e collaudo delle caratteristiche acustiche nelle costruzioni edilizie"
  • Decreto ministeriale del 5 luglio 1975 "Altezza minima e requisiti igienico sanitari principali dei locali di abitazione"
  • Decreto ministeriale del 1975, "Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica"
  • Decreto ministeriale del 5 agosto 1994, "Determinazione dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale sovvenzionato e di edilizia residenziale agevolato"
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 dicembre 1997 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici".

Se si violano i requisiti acustici passivi stabiliti dalla legge, il costruttore dell’edificio sarà condannato all'intervento di messa a norma dello stabile, oltre a dover risarcire i danni.

I materiali più adeguati per insonorizzare una stanza

Partiamo dal presupposto che procedere con l'isolamento acustico delle pareti significa sia impedire che il rumore ne esca sia impedire che vi entri.
Questo viene fatto attraverso l'installazione di particolari materiali alle pareti in grado di assorbire il rumore e bloccarne l'avanzata.

Occorre a questo proposito chiarire un falso mito: c'è differenza fra il fenomeno di assorbimento del suono e quello di isolamento del suono. I materiali fonoassorbenti vengono utilizzati per migliorare l'acustica di una stanza: ad esempio, tappezzare una stanza di scatole di uova o polistirolo vi aiuterà a migliorarne l'acustica ma non isolerà nulla.

Un altro elemento sul quale fare attenzione è l'errata concezione secondo la quale, se il nostro vicino fa rumore, basta isolare la parete che ci separa da lui. Il suono non funziona in maniera lineare, per cui, in questo caso, non basta isolare una parete quando tutta la stanza.

Una volta stabilito questo, si può procedere oltre. Per questa operazione spesso si utilizzano pannelli in poliuretano costituiti da tante forme a piramide.
È possibile infatti procedere con il fai da te raggiungendo ottimi risultati.
Il costo di questo materiale non è eccessivo e i vari pannelli si differenziano per lo spessore. Non è vero che ad un maggior spessore corrisponde un maggior potere isolante: spessori diversi bloccano frequenze di suono diverse.

Un'alternativa al poliuretano sono i materiali cosiddetti fibrosi, ovvero il poliestere, i materiali tessili e quelli vegetali.
Fra questi, si consiglia l'utilizzo della fibra di poliestere. Questa è resistente, non infiammabile (come il poliuretano), può essere lavorato facilmente. Tuttavia, il suo utilizzo richiede la professionalità di una ditta.

Sul web esistono molti siti che sponsorizzano soluzioni diverse. Fate attenzione, però: ogni casa e ogni stanza costituiscono una storia a sé. Se una soluzione funziona in una locazione, non è detto che lo faccia in un'altra.
Considerate ad esempio che anche la qualità delle vernici cambia molto le capacità isolanti di una parete.

Pietro Calafiore





Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Volture catastali: tutto quello che c'è da sapere

Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consigli sui lavori di ristrutturazione

Capita un giorno, quando si risiede in un'abitazione vecchia oppure quando si vuole dare un nuovo aspetto alla casa dove si sta già da diversi anni, di voler effettuare dei lavori di ristrutturazione della stessa. Magari il desiderio si era già presentato da molto tempo, tuttavia non si avevano ancora le possibilità economiche per effettuare simili interventi di edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top