Prima di tutto è bene chiarire che molti edifici sono costruiti seguendo la logica dell'isolamento acustico delle pareti architettonico. Questa logica annovera al proprio interno dei requisiti acustici passivi (le caratteristiche qualificanti le fonti sonoro/acustiche esterne ed interne nella costruzione di un edificio).

Scopri i requisiti acustici passivi

le caratteristiche acustiche passive sono:

  • Il tempo di riverberazione
  • Il potere fono-isolante relativo alle pareti di separazione tra due ambienti
  • L’isolamento acustico per la facciata esterna della casa
  • L’isolamento sonoro- acustico del pavimento
  • L’isolamento sonoro- acustico dai rumori generati da installazioni tecnologici a servizio discontinuo

Ovviamente esistono delle Norme Tecniche che ci spiegano esattamente come calcolare i valori per ciascun requisito acustico passivo. Questi valori sono bassi per gli edifici pubblici come scuole ed ospedali; gli alberghi e gli edifici adibiti ad uffici.

Norme comunitarie per l'inquinamento acustico

E’ importante sottolineare che a livello comunitario, le norme tecniche sono delineate dallo standard UNI 12354, adattato alle costruzioni italiane con il Technical Report UNI TR 11175. In ambito nazionale invece, le norme che regolano l’inquinamento acustico- sonoro sono legate alla legge 26 ottobre 1995 n. 447, detta "Legge quadro sull'inquinamento acustico" che delimita i principi base della tutela dal rumore prodotto dall'ambiente esterno o abitativo.

Direttive per i requisiti dell'isolamento acustico

La normativa relativa ai requisiti acustici è composta dalle seguenti direttive:

  • Circolare n. 1769 del 1966 "Criteri di valutazione e collaudo delle caratteristiche acustiche nelle costruzioni edilizie"
  • Decreto ministeriale del 5 luglio 1975 "Altezza minima e requisiti igienico sanitari principali dei locali di abitazione"
  • Decreto ministeriale del 1975, "Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica, ivi compresi gli indici minimi di funzionalità didattica, edilizia ed urbanistica da osservarsi nella esecuzione di opere di edilizia scolastica"
  • Decreto ministeriale del 5 agosto 1994, "Determinazione dei limiti massimi di costo per gli interventi di edilizia residenziale sovvenzionato e di edilizia residenziale agevolato"
  • Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 dicembre 1997 "Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici".

Se si violano i requisiti acustici passivi stabiliti dalla legge, il costruttore dell’edificio sarà condannato all'intervento di messa a norma dello stabile, oltre a dover risarcire i danni.

I materiali più adeguati per insonorizzare una stanza

Partiamo dal presupposto che procedere con l'isolamento acustico delle pareti significa sia impedire che il rumore ne esca sia impedire che vi entri.
Questo viene fatto attraverso l'installazione di particolari materiali alle pareti in grado di assorbire il rumore e bloccarne l'avanzata.

Occorre a questo proposito chiarire un falso mito: c'è differenza fra il fenomeno di assorbimento del suono e quello di isolamento del suono. I materiali fonoassorbenti vengono utilizzati per migliorare l'acustica di una stanza: ad esempio, tappezzare una stanza di scatole di uova o polistirolo vi aiuterà a migliorarne l'acustica ma non isolerà nulla.

Un altro elemento sul quale fare attenzione è l'errata concezione secondo la quale, se il nostro vicino fa rumore, basta isolare la parete che ci separa da lui. Il suono non funziona in maniera lineare, per cui, in questo caso, non basta isolare una parete quando tutta la stanza.

Una volta stabilito questo, si può procedere oltre. Per questa operazione spesso si utilizzano pannelli in poliuretano costituiti da tante forme a piramide.
È possibile infatti procedere con il fai da te raggiungendo ottimi risultati.
Il costo di questo materiale non è eccessivo e i vari pannelli si differenziano per lo spessore. Non è vero che ad un maggior spessore corrisponde un maggior potere isolante: spessori diversi bloccano frequenze di suono diverse.

Un'alternativa al poliuretano sono i materiali cosiddetti fibrosi, ovvero il poliestere, i materiali tessili e quelli vegetali.
Fra questi, si consiglia l'utilizzo della fibra di poliestere. Questa è resistente, non infiammabile (come il poliuretano), può essere lavorato facilmente. Tuttavia, il suo utilizzo richiede la professionalità di una ditta.

Sul web esistono molti siti che sponsorizzano soluzioni diverse. Fate attenzione, però: ogni casa e ogni stanza costituiscono una storia a sé. Se una soluzione funziona in una locazione, non è detto che lo faccia in un'altra.
Considerate ad esempio che anche la qualità delle vernici cambia molto le capacità isolanti di una parete.

L’analisi dell’ambiente

La convivenza in un condominio è sempre stato argomento di discussione e litigi causati da i più svariati motivi. C’è chi annaffia le piante allagando il balcone sottostante, chi lascia i propri animali liberi nel cortile condominiale o parcheggia l’automobile in uno spazio non riservato a lui.

L’Associazione Nazionale Amministratori d’Immobili ha, quindi, stilato una classifica delle liti condominiali più frequenti in base alle segnalazioni arrivate dai suoi associati. La lite più frequente si è dimostrata essere quella delle cosiddette “immissioni”: il ticchettio dei tacchi a tarda notte, lo spostamento di mobili, insomma tutti quei contenziosi legati ai rumori molesti.

Per una convivenza serena è spesso fondamentale far si che sia l’adeguato isolamento acustico tra noi ed i nostri vicini. Questo può essere fondamentale, oltre che per vivere in pace, per venire incontro alle esigenze delle persone che hanno magari orari di lavoro notturni, permettendogli così di riposare durante il giorno, quando i rumori sono molto più frequenti.

L’isolamento acustico per la casa richiede uno studio approfondito nel campo dell’acustica e richiede estrema precisione nella scelta dei materiali e nell’installazione.

Uno dei primi passaggi da effettuare per migliorare l’isolamento acustico è sicuramente l’analisi della stanza o dell’appartamento. In caso di una stanza singola, l’analisi è più semplice, mentre diventa più lunga e difficoltosa se si parla di un appartamento di diversi metri quadri, perché le variabili in gioco sono molte.

Per prima cosa è necessario individuare i punti di maggiore dispersione sonora, in modo tale da agire in modo efficace. Generalmente la maggior dispersione si avrà sulle pareti perimetrali e sugli infissi, dove arriveranno rumori esterni, mentre da pareti divisorie e soffitto arriveranno i rumori dei vicini.

Isolamento Acustico delle pareti

Nelle nuove costruzioni o realizzando pareti divisorie interne vengono utilizzati mattoni a blocco unico con potere d’isolamento termoacustico. Questo tipo di blocchi sono creati con materiali e con la configurazione dei fori adeguatamente progettata per ostacolare la trasmissione delle onde sonore provenienti dagli ambienti vicini.

Se vogliamo invece un isolamento migliore o dobbiamo effettuare dei lavori su edifici più vecchi, spesso la soluzione migliore sono le contro-pareti in cartongesso, realizzate con materiali isolanti al loro interno.

Nello specifico le lastre di cartongesso specifiche per questo tipo d’interventi presentano, al loro interno fibre di vetro insonorizzanti.

Soluzioni più costose, prevedono invece l’utilizzo di fibre minerali o materiali fonoassorbenti come il legno o polimeri sintetici.

Isolamento acustico del soffitto

La soluzione più classica prevede, sostanzialmente, lo stesso intervento fatto alle pareti: un controsoffitto con lastre di cartongesso. All’interno abbiamo inoltre la possibilità di inserire pannelli fonoassorbenti per migliorare ancora di più la resa dell’intervento.

Va detto che, il rumore del calpestio (uno dei problemi più frequenti nei condomini), si può diffondere anche attraverso le pareti vicine, quindi per aumentare l’efficacia del controsoffitto occorrerà intervenire anche sulle pareti interessate.

L’insonorizzazione del pavimento

Se si vogliono eliminare, ancora di più i rumori soprattutto quelli che emettiamo noi in casa, possiamo pensare di isolare acusticamente il nostro pavimento con l’inserimento di alcuni materiali.

Per isolare il solaio verrà inserito, prima della superfice calpestata direttamente, un materassino isolante termoacustico realizzato appositamente per questi scopi.

Infissi ad isolamento acustico

In caso principalmente di rumori provenienti dall’esterno, come strade trafficate, locali notturni, ecc. occorre operare sull’installazione di infissi costituiti da materiali appositi per l’isolamento acustico.

Generalmente gli infissi con buone proprietà di isolamento termico, hanno anche un ottimo isolamento acustico, garantendo così una doppia efficacia. Si tratta di finestre con doppio vetro e PVC, che hanno un ottimo grado di isolamento acustico.  

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Go to Top