Lo schema dell’impianto idrico è il sistema di ogni appartamento (ambiente) che garantisce l’allaccio con l’acquedotto, la distribuzione di acqua potabile, la distribuzione dell’acqua calda e la fusione dell’impianto alla fognatura. Colui che progetta una conduttura idraulico ha il dovere di valutare la possibilità di utilizzare strategie diverse per la riduzione dei consumi.

Come sono organizzate le tubature idriche

Esiste tutto un particolare schema dell’impianto idrico: sostanzialmente si tratta di un insieme di tubature atte a dividere le acque chiare (pulite, utilizzabili per cucinare, lavare, sciacquare) e quelle nere (ovvero quelle di scarico).
Innanzitutto, il condominio viene raggiunto da una grossa tubatura delle condutture comunali. Le tubature idrauliche quindi vi si allaccia per convogliare le acque tramite le colonne verticali di adduzione: si tratta di condutture verticali, per l'appunto, che risalgono per tutta l'altezza del condominio permettendo all'acqua di arrivare anche all'ultimo piano.

Nel caso in cui la forza di adduzione non riesca a portare l'acqua in alto, viene installata a piano terra un'autoclave, ovvero un grande serbatoio al cui interno è presente una pressione sufficiente per spingere l'acqua verso l'alto.
Dalle colonne, partono le tubature di distribuzione ai vari piani dell'edificio e una o più tubature di smaltimento delle acque nere.

Il contatore d'acqua

Secondo lo schema dell’impianto idrico, ogni appartamento è dotato di un rubinetto principale al quale legare il contatore dell'acqua. Si consiglia sempre di chiudere il passaggio quando non si utilizza la casa per molti giorni. Questo sia per evitare che le eventuali perdite provochino grossi danni sia per evitare danni dovuti all'azione del gelo (o, meglio, dell'acqua che si gela).

Ma all'interno di ogni appartamento esistono vari rubinetti di intercettazione che, se chiusi, bloccano l'afflusso dell'acqua in una singola zona abitata.
Le condutture arrivano ai bagni tramite le braghe, che sono quelle porzioni di tubi visibili dal lavandino e wc. Legato a questo viene installato il sifone che viene mantenuto mezzo pieno per evitare che i cattivi odori risalgano in superficie. Inoltre, a pochi centimetri dal bordo di water e lavandino sono presenti le bocchette del troppo pieno, da dove sgorga l'acqua che la cavità si riempie troppo.

Le acque nere confluiscono in un'unica tubatura che sale sino l'alto dove sbuca fuori dal palazzo per permettere ai cattivi odori di disperdersi in aria.

Come risparmiare sui consumi 

I metodi utilizzati per il risparmi casalingo, nell’ambito di un corretto schema dell’impianto idrico, sono:

  • i rubinetti dovrebbero essere muniti di una spirale che imprime all’acqua un movimento circolare
  • sarebbe il caso che i miscelatori contenessero una cartuccia per limitare la portata dell’acqua
  • i rubinetti e le cassette di risciacquo a risparmio idrico

L’acqua rifornita dagli acquedotti arriva da fonti diverse come falde, fiumi e laghi. L’acqua è potabile solamente quando ha tutte le caratteristiche fisiche e biologiche per poter servire ad usi alimentari.immagine esemplificativa per l'articolo L’impianto e lo schema dell'impianto idrico per il vostro appartamento

 Recupero delle acque piovane per contenere i consumi

Per quanto concerne lo sfruttamento delle acque piovane, possiamo affermare che rappresenta una valida alternativa per ridurre i consumi di acqua potabile. I componenti per realizzare uno schema per il recupero delle acque piovane? Una cisterna, un buon filtro e un sistema di pompaggio che funzioni a dovere.

L'acqua piovana viene raccolta dal tetto e avviata dalle grondaie in un condotto (viene dunque raccolta in cisterne). La pompa serve ad aspirare l’acqua e a farla passare attraverso una vasca di decantazione.

Tubazioni in PVC per la realizzazione delle condutture domestiche

Le condutture idrauliche comprende l'assegnazone dell’acqua potabile e la distribuzione dell’acqua calda. La casa in cui è istallato l’impianto idraulico deve necessariamente essere allacciata all’acquedotto. Per l’attuazione delle tubature idrauliche è opportuno usare sempre gli attrezzi mirati, indicati al tipo di intervento. Per la realizzazione dell’impianto idraulico, le tubazioni più usate sono quelle in PVC.

Sottolineiamo che anche il rame è un materiale resistente alla corrosione. Infine, per gli interventi di riparazione molto importante sono le giunzioni.

Riparare le perdite delle condutture dell'acqua

A quanti è capitato di dover intervenire in fretta per riparare le perdite delle tubature idrauliche? Ma cosa bisogna fare in caso di guasto idraulico?

Ancor prima di chiamare un tecnico, è bene chiudere la chiave generale d’ingresso dell’acqua e consultare lo schema dell’impianto idrico dell'appartamento. Qualora la perdita sia legata ad un raccordo delle condutture idrauliche è consigliabile avvolgerlo con un pezzo di camera d’aria.

A seconda del punto in cui avviene la perdita nelle tubature, il tecnico o voi stessi se siete in grado, dovrete compiere le seguenti azioni:

  • se il guasto ha creato una fessura nel tubo, è necessario tagliare l'area rovinata inserendo nel tubo un manicotto da fermare con due collari a vite e attendere che la sostanza inserita si asciughi.
  • Se la riparazione interessa il raccordo delle tubature, è bene riscaldare il raccordo con la fiammadel cannello e lasciandovi cadere il filo di saldatura di stagno, che fondendo fila eliminando la perdita.
  • Se il guasto riguarda una fessura nella condotta, non è possibile praticare una saldatura di riparazione. In tal caso, per evitare danni maggiori  è necessario sostituire la parte guasta della condotta.

Vi suggeriamo tubature di rame poiché tale materiale offre maggiori garanzie di affidabilità e contrasta la crescita dei batteri nocivi.

Come trasformarli?

Quando si vive in un condominio, possono verificarsi piccoli problemi e variazioni legate all'amministrazione dello stesso o ai riscaldamenti, all'acqua, allo schema dell’impianto idrico, ecc.ecc. All'interno di un condominio potrebbe, infatti, verificarsi l'esigenza, da parte di alcuni condomini, di staccare il proprio impianto di riscaldamento da quello centralizzato.

In questi casi va convocata l'assemblea condominiale che dovrebbe deliberare la trasformazione dell'impianto idraulico. La trasformazione dell'impianto da centralizzato ad autonomo si verifica mediante speciale maggioranza ai sensi della legge n. 10 del 9 novembre 1991; i condomini dovranno essere pari ad almeno 501 millesimi.

I condomini che sono in disaccordo con la trasformazione dell'impianto non possono erogarsi il diritto di voler continuare ad usare il vecchio, anche se decidonodi pagare da sé le spese necessarie al mantenimento (Tribunale di Napoli 29/11/2011).

Tra le condizioni utili affinché possa verificarsi la trasformazione da autonomo a centralizzato, ci deve essere la reale dimostrazione di un effettivo risparmio energetico.

È ovviamente obbligatoria, secondo l'art. 5, comma 9, la realizzazione di: “appositi condotti di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell’edificio alla quota prescritta dalle norme tecniche UNI 7129”.

Dopo la trasformazione, la vecchia caldaia centralizzata con annesso locale in cui era situata, cessano di svolgere il loro compito.

In tal caso, è dunque possibile convocare l'assemblea condominiale e decidere di vendere la caldaia e di destinare il vano vuoto per altri usi condominiale; questa decisione viene deliberata grazie alla metà più uno dei condomini votanti, che rappresentino almeno 667 millesimi, in prima e seconda convocazione.





Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mutuo ipotecario: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento

acquistare casa con il mutuo ipotecario

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Normativa sullo scarico fumi: cosa dice la legge

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assicurazioni sulla casa: quali sono le possibilità di scelta

La casa è uno dei beni rifugio più importanti per gli italiani, il suo costante valore sul mercato la rendono un investimento fondamentale in tempi di incertezze. Proprio per evitare che questo patrimonio vada in frantumi da un momento all'altro diventa necessario sottoscrivere un'assicurazione a tutela dei risparmi e dei sacrifici di una vita. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Leggi tutto...
Go to Top