Lo schema dell’impianto idraulico è il sistema di ogni appartamento (ambiente) che garantisce l’allaccio con l’acquedotto, la distribuzione di acqua potabile, la distribuzione dell’acqua calda e la fusione dell’impianto alla fognatura. Colui che progetta una conduttura idraulico ha il dovere di valutare la possibilità di utilizzare strategie diverse per la riduzione dei consumi.

Come sono organizzate le tubature idriche secondo un valido Schema dell'impianto idraulico

Esiste tutto un particolare schema dell’impianto idraulico: sostanzialmente si tratta di un insieme di tubature atte a dividere le acque chiare (pulite, utilizzabili per cucinare, lavare, sciacquare) e quelle nere (ovvero quelle di scarico).
Innanzitutto, il condominio viene raggiunto da una grossa tubatura delle condutture comunali. Le tubature idrauliche quindi vi si allaccia per convogliare le acque tramite le colonne verticali di adduzione: si tratta di condutture verticali, per l'appunto, che risalgono per tutta l'altezza del condominio permettendo all'acqua di arrivare anche all'ultimo piano.

Nel caso in cui la forza di adduzione non riesca a portare l'acqua in alto, viene installata a piano terra un'autoclave, ovvero un grande serbatoio al cui interno è presente una pressione sufficiente per spingere l'acqua verso l'alto.
Dalle colonne, partono le tubature di distribuzione ai vari piani dell'edificio e una o più tubature di smaltimento delle acque nere.

Il contatore d'acqua

Secondo lo schema dell’impiantoidraulicoogni appartamento è dotato di un rubinetto principale al quale legare il contatore dell'acqua. Si consiglia sempre di chiudere il passaggio quando non si utilizza la casa per molti giorni. Questo sia per evitare che le eventuali perdite provochino grossi danni sia per evitare danni dovuti all'azione del gelo (o, meglio, dell'acqua che si gela).

Ma all'interno di ogni appartamento esistono vari rubinetti di intercettazione che, se chiusi, bloccano l'afflusso dell'acqua in una singola zona abitata.
Le condutture arrivano ai bagni tramite le braghe, che sono quelle porzioni di tubi visibili dal lavandino e wc. Legato a questo viene installato il sifone che viene mantenuto mezzo pieno per evitare che i cattivi odori risalgano in superficie. Inoltre, a pochi centimetri dal bordo di water e lavandino sono presenti le bocchette del troppo pieno, da dove sgorga l'acqua che la cavità si riempie troppo.

Le acque nere confluiscono in un'unica tubatura che sale sino l'alto dove sbuca fuori dal palazzo per permettere ai cattivi odori di disperdersi in aria.

Schema dell'impianto idraulico: Come risparmiare sui consumi 

I metodi utilizzati per il risparmi casalingo, nell’ambito di un corretto schema dell’impiantoidraulico, sono:

  • i rubinetti dovrebbero essere muniti di una spirale che imprime all’acqua un movimento circolare
  • sarebbe il caso che i miscelatori contenessero una cartuccia per limitare la portata dell’acqua
  • i rubinetti e le cassette di risciacquo a risparmio idrico

L’acqua rifornita dagli acquedotti arriva da fonti diverse come falde, fiumi e laghi. L’acqua è potabile solamente quando ha tutte le caratteristiche fisiche e biologiche per poter servire ad usi alimentari.

Schema dell'impianto idraulico

Recupero delle acque piovane per contenere i consumi

Per quanto concerne lo sfruttamento delle acque piovane, possiamo affermare che rappresenta una valida alternativa per ridurre i consumi di acqua potabile. I componenti per realizzare uno schema per il recupero delle acque piovane? Una cisterna, un buon filtro e un sistema di pompaggio che funzioni a dovere.

L'acqua piovana viene raccolta dal tetto e avviata dalle grondaie in un condotto (viene dunque raccolta in cisterne). La pompa serve ad aspirare l’acqua e a farla passare attraverso una vasca di decantazione.

Schema dell'impianto idraulico: Tubazioni in PVC per la realizzazione delle condutture domestiche

Le condutture idrauliche comprende l'assegnazone dell’acqua potabile e la distribuzione dell’acqua calda. La casa in cui è istallato l’impianto idraulico deve necessariamente essere allacciata all’acquedotto. Per l’attuazione delle tubature idrauliche è opportuno usare sempre gli attrezzi mirati, indicati al tipo di intervento. Per la realizzazione dell’impianto idraulico, le tubazioni più usate sono quelle in PVC.

Sottolineiamo che anche il rame è un materiale resistente alla corrosione. Infine, per gli interventi di riparazione molto importante sono le giunzioni.

Riparare le perdite delle condutture dell'acqua

A quanti è capitato di dover intervenire in fretta per riparare le perdite delle tubature idrauliche? Ma cosa bisogna fare in caso di guasto idraulico?

Ancor prima di chiamare un tecnico, è bene chiudere la chiave generale d’ingresso dell’acqua e consultare lo schema dell’impianto idraulico dell'appartamento. Qualora la perdita sia legata ad un raccordo delle condutture idrauliche è consigliabile avvolgerlo con un pezzo di camera d’aria.

A seconda del punto in cui avviene la perdita nelle tubature, il tecnico o voi stessi se siete in grado, dovrete compiere le seguenti azioni:

  • se il guasto ha creato una fessura nel tubo, è necessario tagliare l'area rovinata inserendo nel tubo un manicotto da fermare con due collari a vite e attendere che la sostanza inserita si asciughi.
  • Se la riparazione interessa il raccordo delle tubature, è bene riscaldare il raccordo con la fiammadel cannello e lasciandovi cadere il filo di saldatura di stagno, che fondendo fila eliminando la perdita.
  • Se il guasto riguarda una fessura nella condotta, non è possibile praticare una saldatura di riparazione. In tal caso, per evitare danni maggiori  è necessario sostituire la parte guasta della condotta.

Vi suggeriamo tubature di rame poiché tale materiale offre maggiori garanzie di affidabilità e contrasta la crescita dei batteri nocivi.

Come trasformarli?

Quando si vive in un condominio, possono verificarsi piccoli problemi e variazioni legate all'amministrazione dello stesso o ai riscaldamenti, all'acqua, allo schema dell’impianto idraulico, ecc.ecc. All'interno di un condominio potrebbe, infatti, verificarsi l'esigenza, da parte di alcuni condomini, di staccare il proprio impianto di riscaldamento da quello centralizzato.

In questi casi va convocata l'assemblea condominiale che dovrebbe deliberare la trasformazione dell'impianto idraulico. La trasformazione dell'impianto da centralizzato ad autonomo si verifica mediante speciale maggioranza ai sensi della legge n. 10 del 9 novembre 1991; i condomini dovranno essere pari ad almeno 501 millesimi.

I condomini che sono in disaccordo con la trasformazione dell'impianto non possono erogarsi il diritto di voler continuare ad usare il vecchio, anche se decidonodi pagare da sé le spese necessarie al mantenimento (Tribunale di Napoli 29/11/2011).

Tra le condizioni utili affinché possa verificarsi la trasformazione da autonomo a centralizzato, ci deve essere la reale dimostrazione di un effettivo risparmio energetico.

È ovviamente obbligatoria, secondo l'art. 5, comma 9, la realizzazione di: “appositi condotti di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell’edificio alla quota prescritta dalle norme tecniche UNI 7129”.

Dopo la trasformazione, la vecchia caldaia centralizzata con annesso locale in cui era situata, cessano di svolgere il loro compito.

In tal caso, è dunque possibile convocare l'assemblea condominiale e decidere di vendere la caldaia e di destinare il vano vuoto per altri usi condominiale; questa decisione viene deliberata grazie alla metà più uno dei condomini votanti, che rappresentino almeno 667 millesimi, in prima e seconda convocazione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contratto con il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

tassa di registro

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

I più condivisi

Tende a rullo per esterni: scopriamo quali sono e le tipologie esistenti

tende a rullo da esterni

In ufficio oppure in casa, è divenuto sempre più importante installare delle tendeper proteggersi dai raggi solari (soprattutto nelle luminose e calde giornate estive), ma anche per mantenere una certa riservatezza degli ambienti da occhi indiscreti. E, negli ultimi anni, a questa funzione pratica di protezione, si è aggiunta anche quella estetica, grazie anche alla creazione di tante tonalità e tessuti differenti, che permettono di scegliere tipologie di tende di vario genere.

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi anche...

Sfratto esecutivo: ecco le procedure e le eventuali proroghe

sfratto esecutivo

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Go to Top