La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Come effettuare la lettura del contatore del gas all'Eni

La lettura diretta del gruppo di misura avviene: almeno una volta l'anno, per i clienti con consumi fino a 500 mc/anno; almeno una volta ogni sei mesi per i clienti con consumi superiori a 500 mc/anno e fino a 5000 mc/anno; almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5000 mc/anno ad esclusione.

La comunicazione dell’autolettura può avvenire: tramite Numero Verde 800.999.800, attivo tutti i giorni dalle h. 6,00 alle h. 24,00; tramite il portale Eni, utilizzando la sezione Servizi on line, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per tutti i clienti registrati.

Per poter effettuare l’autolettura gas on line, basta accedere all’area riservata e inserire il valore di consumo riscontrato sul proprio contatore nell’apposito form denominato CONSUMI E LETTURE - Autolettura gas

Comunicando la lettura nel periodo consigliato sulla fattura, verranno addebitati sulla bolletta i consumi corrispondenti alla lettura trasmessa. Durante l'autolettura è necessario considerare solo le cifre in campo nero del proprio contatore, leggendole da sinistra verso destra, non tenendo conto delle cifre in campo rosso (decimali).

Letture Gas ENI: tramite l’App di Eni

Oltre ai classici canali di comunicazione dell’autolettura, Eni ha creato una intuitiva App per iPhone, dispositivi Android e Windows Phone. In questo modo si comunica in modo facile e veloce la propria rilevazione dei consumi. Dopo aver scaricato l’App dallo store del proprio smartphone o tablet e averla installata, è sufficiente accedere con le credenziali (username e password) che si usano per accedere al portale. Il servizio è, quindi, rivolto solo ai clienti già registrati ai servizi online. Se non si è ancora registrati, basterà andare sul sito eni.com e registrarsi, tenendo a portata di mano una bolletta per i dati utenza.

Una volta effettuato l’accesso, sulla schermata troviamo varie icone relative ad altrettanti servizi. Nel nostro caso, clicchiamo su Autolettura gas identificato con l’icona di un contatore: se sia hanno più forniture, occorre selezionare il contatore dell’utenza di cui vogliamo comunicare la lettura. Il sistema indicherà l’ultima lettura effettuata. Inseriamo, quindi, le cifre su fondo nero che abbia rilevato sul nostro contatore del gas e premiamo “invia lettura”. Eni ci manderà un messaggio di conferma al termine dell’operazione.
Anche in questo caso l’autolettura non sostituisce la lettura periodica dell’addetto Eni che verrà personalmente a registrare i consumi effettivi.
L’App permette anche accedere a tutte le informazioni relative alla propria utenza: storico delle letture, bollette, data di emissione della prossima bolletta, estratto conto, eniwebolletta, andamento dei consumi in tempo reale e altri servizi.

Diverse tipologie di contatori

Letture Gas ENI

Per sapere che tipo di contatore abbiamo, basterà guardare sulla bolletta dove troviamo anche il numero utenza.
Nel caso di più forniture occorre prima selezionare la fornitura di interesse, mentre se si dispone di un contatore a rulli le cifre a destra della virgola (quelle dei rulli che ruotano più velocemente) non contano ai fini della lettura da comunicare.

In caso di Totalizzatori misti infine, oltre ai rulli ci sono anche delle lancette di colore rosso che indicano i decimali. Ai fini della fatturazione si leggono solo le cifre intere riportate nel totalizzatore a rulli. Dopo aver effettuato la lettura del contatore, arriverà la bolletta che dovrà essere pagata entro i termini previsti per evitare casi di morosità o di bollette scadute.

Oggi, le tipologie di contatori più diffusi, in base all’uso, sono: a membrana e ad ultrasuoni, utilizzati per le misurazioni di piccole e medie portate; i contatori a turbina e rotoidi, invece, sono utilizzati per misurare medie e grandi portate, infatti sono installati in ambito industriale.

Letture Gas ENI: collocazione del contatore

Il contatore del gas relativo alla nostra abitazione si può collocare in vari punti: se l’appartamento si trova in un palazzo privato o condominio, il contatore si trova sicuramente nelle aree comuni adibite all’alloggio di tutti i contatori. Se, invece, l’abitazione è autonoma, il contatore si troverà in casa. Questa opzione potrebbe riguardare anche chi effettua l’allaccio al gas cittadino in modo autonomo in un momento successivo alla costruzione del palazzo. 




Potrebbe interessarti

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

self storage a milano

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tende a rullo per esterni: scopriamo quali sono e le tipologie esistenti

tende a rullo da esterni

In ufficio oppure in casa, è divenuto sempre più importante installare delle tendeper proteggersi dai raggi solari (soprattutto nelle luminose e calde giornate estive), ma anche per mantenere una certa riservatezza degli ambienti da occhi indiscreti. E, negli ultimi anni, a questa funzione pratica di protezione, si è aggiunta anche quella estetica, grazie anche alla creazione di tante tonalità e tessuti differenti, che permettono di scegliere tipologie di tende di vario genere.

Accollo del mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi anche...

Contratti di locazione agevolati: ecco i requisiti

contratti di locazione agevolati, detti anche 3+2 (legge 431 del 1998), hanno durata minore rispetto ai contratti di locazione liberi (4+4); sono infatti di 3 anni e si possono rinnovare per altri 2.

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top