La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Come effettuare la lettura del contatore del gas all'Eni

La lettura diretta del gruppo di misura avviene: almeno una volta l'anno, per i clienti con consumi fino a 500 mc/anno; almeno una volta ogni sei mesi per i clienti con consumi superiori a 500 mc/anno e fino a 5000 mc/anno; almeno una volta al mese per i clienti con consumi superiori a 5000 mc/anno ad esclusione.

La comunicazione dell’autolettura può avvenire: tramite Numero Verde 800.999.800, attivo tutti i giorni dalle h. 6,00 alle h. 24,00; tramite il portale Eni, utilizzando la sezione Servizi on line, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per tutti i clienti registrati.

Per poter effettuare l’autolettura gas on line, basta accedere all’area riservata e inserire il valore di consumo riscontrato sul proprio contatore nell’apposito form denominato CONSUMI E LETTURE - Autolettura gas

Comunicando la lettura nel periodo consigliato sulla fattura, verranno addebitati sulla bolletta i consumi corrispondenti alla lettura trasmessa. Durante l'autolettura è necessario considerare solo le cifre in campo nero del proprio contatore, leggendole da sinistra verso destra, non tenendo conto delle cifre in campo rosso (decimali).

Autolettura tramite l’App di Eni

Oltre ai classici canali di comunicazione dell’autolettura, Eni ha creato una intuitiva App per iPhone, dispositivi Android e Windows Phone. In questo modo si comunica in modo facile e veloce la propria rilevazione dei consumi. Dopo aver scaricato l’App dallo store del proprio smartphone o tablet e averla installata, è sufficiente accedere con le credenziali (username e password) che si usano per accedere al portale. Il servizio è, quindi, rivolto solo ai clienti già registrati ai servizi online. Se non si è ancora registrati, basterà andare sul sito eni.com e registrarsi, tenendo a portata di mano una bolletta per i dati utenza.
Una volta effettuato l’accesso, sulla schermata troviamo varie icone relative ad altrettanti servizi. Nel nostro caso, clicchiamo su Autolettura gas identificato con l’icona di un contatore: se sia hanno più forniture, occorre selezionare il contatore dell’utenza di cui vogliamo comunicare la lettura. Il sistema indicherà l’ultima lettura effettuata. Inseriamo, quindi, le cifre su fondo nero che abbia rilevato sul nostro contatore del gas e premiamo “invia lettura”. Eni ci manderà un messaggio di conferma al termine dell’operazione.
Anche in questo caso l’autolettura non sostituisce la lettura periodica dell’addetto Eni che verrà personalmente a registrare i consumi effettivi.
L’App permette anche accedere a tutte le informazioni relative alla propria utenza: storico delle letture, bollette, data di emissione della prossima bolletta, estratto conto, eniwebolletta, andamento dei consumi in tempo reale e altri servizi.

Diverse tipologie di contatori

Per sapere che tipo di contatore abbiamo, basterà guardare sulla bolletta dove troviamo anche il numero utenza.
Nel caso di più forniture occorre prima selezionare la fornitura di interesse, mentre se si dispone di un contatore a rulli le cifre a destra della virgola (quelle dei rulli che ruotano più velocemente) non contano ai fini della lettura da comunicare.

In caso di Totalizzatori misti infine, oltre ai rulli ci sono anche delle lancette di colore rosso che indicano i decimali. Ai fini della fatturazione si leggono solo le cifre intere riportate nel totalizzatore a rulli. Dopo aver effettuato la lettura del contatore, arriverà la bolletta che dovrà essere pagata entro i termini previsti per evitare casi di morosità o di bollette scadute.

Oggi, le tipologie di contatori più diffusi, in base all’uso, sono: a membrana e ad ultrasuoni, utilizzati per le misurazioni di piccole e medie portate; i contatori a turbina e rotoidi, invece, sono utilizzati per misurare medie e grandi portate, infatti sono installati in ambito industriale.

Collocazione del contatore

Il contatore del gas relativo alla nostra abitazione si può collocare in vari punti: se l’appartamento si trova in un palazzo privato o condominio, il contatore si trova sicuramente nelle aree comuni adibite all’alloggio di tutti i contatori. Se, invece, l’abitazione è autonoma, il contatore si troverà in casa. Questa opzione potrebbe riguardare anche chi effettua l’allaccio al gas cittadino in modo autonomo in un momento successivo alla costruzione del palazzo. 





Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La caparra: confirmatoria o penitenziale

La caparra corrisponde alla somma di denaro che si versa nel momento della proposta immobiliare, tale importo è versato in anticipo rispetto al rogito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come montare una grondaia

La grondaia è un canale di scolo necessario a far confluire l'acqua piovana (o la neve) dal tetto a terra, così da evitare deterioramenti dei punti in cui potrebbe crearsi un grave accumulo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top