Dal Marzo 2011 è stata introdotta la Legge sullaCedolare Secca sugli affitti, nonché quella pluriennale e anche un acconto Irpef sugli immobili stessi. Di cosa si tratta? Andiamo a conoscere bene la legge sulla cedolare secca e quali vantaggi vi sono stati in questi anni sia per i proprietari di abitazioni che per gli affittuari. 

Quando si decide di prendere in affitto una nuova abitazione, così come quando si vuole acquistare una casa, sono tanti i fattori da valutare al fine di scegliere in modo oculato tenendo in considerazione soprattutto il budget a disposizione e le esigenze di colui che sta per effettuare la locazione.

È importantissimo soprattutto che, quando ci si appresta a prendere in affitto un immobile, si stipuli un regolare contratto di locazione. Il contatto d'affitto infatti, soprattutto nei casi di locazioni a studenti universitari, non viene sempre firmato; è bene però stipularne uno anche per aumentare la sicurezza e la regolarità dell'affitto stesso.

La cedolare secca sugli affitti è un'applicazione particolare che può essere richiesta da chi prende in affitto un immobile ad uso abitativo al momento di stipulare il contratto di locazione. La cedolare sugli affitti si può in alternativa applicare, mediante il Modello 69 o il documento telematico Siria, alla dichiarazione dei redditi.

Viene utilizzata in sostituzione all'Irpef e alle imposte di bollo e di registro. L'aliquota della cedolare secca sugli affitti è solitamente del 21%. La legge sulla cedolare secca sugli affitti sancisce inoltre quella pluriennale, che si basa su una revoca annuale con possibilità di scelta sulla durata,sui termini e sulle caratteristiche
del contratto stesso.

Introduzione sugli affitti

Quando si decide di affittare un immobile è bene prestare molta attenzione soprattutto in merito al contratto che si andrà a firmare. Anche se spesso gli affitti soprattutto agli studenti universitari sono in nero, è invece sempre opportuno esigere un qualunque tipo di contratto, al fine di tutelare colui che prende in affitto un immobile o una stanza e il rapporto di locazione stesso.

È dunque importante conoscere i tipi di contratto presenti sul mercato delle locazione, per sapere bene se è il caso di firmare un eventuale contratto,anche tenendo conto delle proprie esigenze personali ed economiche.

Esistono infatti diverse tipologie di contratti d’affitto, come quello di comodato d’uso. Ci possono inoltre essere locazioni agevolate, transitorie, sublocazioni o di natura prettamente commerciale come nel caso dell’affitto di un locale ad uso azienda o negozio.

Fonti normative della legge cedolare secca

La legge in merito alla cedolare secca presenta diverse fonti normative da conoscere, al fine di capirne i meccanismi della stessa. L’articolo 3 del Decreto legislativo numero 23 del 14 marzo 2001 è una delle fonte da tenere in considerazione per comprendere la cedolare secca.

Tale decreto sugli affitti prevede la facoltà di sottoporre a tassazione sostitutiva rispetto a quella ordinaria dell’Irpef il reddito fondiario che scaturisce da unità immobiliari affittate ad uso abitativo. Questo regime di tassazione prevede inoltre l’effettivo compimento della cedolare secca e della tassazione sostitutiva del 19% o del 21% a seconda della tipologia di contratto di locazione che verrà redatto e firmato.

Altra fonte primaria da tenere in considerazione è anche la Legge delega del 5 maggio 2009, numero 42 che prevede, a decorrere dell’anno 2011, che gli immobili ad uso abitativo, con annesse pertinenze, possano essere sottoposti a tassazione secondo quanto previsto dalla legge sulla cedolare secca.

Allo scopo di favorire l'uso della cedolare secca per alcune tipologie contrattuali, in particolare per quelle con locazione a canone concordato, col Decreto Legge n.102/2013 si è abbassata l'aliquota prevista, dal 19% al 15%. Questa misura riguarda, nello specifico, le locazioni per case od appartamenti situate nei Comuni ad alta densitá abitativa. In seguito, col Decreto Legge n.47/2014 (Decreto Casa), questa aliquota è stata ridotta ulteriormente al 10%, sempre per la stessa tipologia di contratti, tuttavia stipulati nel periodo intercorrente tra il 2014 ed il 2017.

Con la conversione definitiva in legge di quest'ultimo decreto, tale aliquota agevolata della cedolare secca è stata ampliata anche a contratti stipulati in Comuni dichiarati in stato d'emergenza per eventi calamitosi naturali o causati dall'uomo, nel quinquennio precedente all'entrata in vigore della legge, avvenuta poi a Maggio 2014. Un'ulteriore proroga, fino al 2019, al periodo di applicazione di questa riduzione è stata sancita con la Legge n.205/2017 (meglio conosciuta come Legge di Bilancio 2018).

Provvedimento dell'Agenzia delle Entrate per le locazioni di un appartamento

Con il Provvedimento esecutivo dell’Agenzia delle Entrate del 7 aprile 2011 sono inoltre state stabilite in modo approfondito tutte le pertinenze e le applicazioni della legge sulla cedolare secca in materia di locazioni di immobili ad uso abitativo, quali:

  • la risoluzione numero 59/E del 25 maggio 2011 ha impostato i codici di tributo utili al versamento della somma da pagare mediante F24;
  • la circolare 26/E ha invece dato indicazioni utili in merito all’applicazione della cedolare secca durante il primo anno e negli anni successivi.

Ultime novitá del 2020-21: cosa dice la normativa sull'affitto di casa

Con la Legge di Bilancio 2020 (Legge n.160/2019), si è assistito ad una nuova ed importante modifica della leggesulla cedolare secca. Infatti si è deciso di rendere permanente l'abbassamento dell'aliquota agevolata al 10%, a cui abbiamo accennato in precedenza. Inoltre, tale riduzione continuerá ad applicarsi anche per tutti quei contratti stipulati in Comuni dichiarati in stato d'emergenza per eventi calamitosi, sempre avvenuti nel quinquennio precedente al Maggio 2014. 

Poi, il cosiddetto Decreto Crescita, cioé il Decreto Legge 34/2019, ha sancito l'abrogazione dell'obbligatorietá della comunicazione relativa alla proroga dell'adesione alla cedolare secca da parte degli interessati e pertanto anche dell'eventuale sanzione applicata, connessa naturalmente alla mancata comunicazione della stessa. Questa iniziativa normativa è andata proprio a modificare una norma del Decreto Legislativo 23/2011, quindi la legge sulla cedolare secca

Speriamo che il nostro articolo sulla Legge sulla cedolare secca vi sia stato utile.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Agevolazioni fiscali per il canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Agevolazioni fiscali per il canone concordato

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

I più condivisi

Vantaggi del comprare nuovo: scopriamo quali sono

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Go to Top