Lavare le stoviglie a mano comporta uno spreco di acqua pari all’80% del consumo medio annuo in un bilancio familiare. La lavastoviglie è un elettrodomestico che con le tecnologie attuali facilita un oneroso lavoro domestico in tempi rapidi e risparmiando sui consumi sia in termini di acqua che di elettricità, perché i prodotti moderni richiedono circa il 20% in meno di elettricità necessaria a riscaldare l’acqua altrimenti impiegata nel lavaggio manuale. Ciò significa che una lavastoviglie conviene anche a chi vive da solo e alle famiglie piccole e in questi casi una lavastoviglie da 45 cm slim è decisamente la soluzione migliore, anche per chi vive in appartamenti di dimensioni ridotte e non vi è spazio per troppi mobili ed elettrodomestici: un macchinario compatto è indubbiamente utile per soddisfare chi ha esigenze di spazio, tempo e nucleo familiare.

Come scegliere una lavastoviglie da 45 cm

Esistono diversi modelli con varie funzionalità. Una prima distinzione è tra modello a incasso o modello a vista da poter collocare anche in altre stanze; questi elettrodomestici hanno una varietà di materiali, colori, stili e design gradevoli alla vista. Il rivestimento interno è sempre realizzato in acciaio inox, un materiale che evita l’ossidazione a contratto frequente con l’acqua. I dati tecnici di ogni modello sono importanti nella valutazione in fase di acquisto, considerando sempre il giusto rapporto tra qualità e prezzo: anche nel caso di questo articolo, un prezzo troppo basso potrebbe essere sinonimo di scarsa qualità ed efficienza del mezzo. È importante, quindi, fare riferimento alla classe energetica obbligatoriamente indicata in etichetta. Un altro elemento da prendere in considerazione nella scelta del prodotto è la propria tariffa dell’elettricità: nel caso di tariffe bioraria, in cui i consumi risultano notevolmente ridotti se gli elettrodomestici si azionano di notte è opportuno scegliere una lavastoviglie da 45 cm che a sua volta consumi poca energia, ma che abbia livelli di rumorosità accettabili quando è in funzione durante le ore notturne. I valori standard accettabili di rumorosità sono compresi nell’ordine dei 45/50 dB. Se si lascia lavorare la lavastoviglie da 45 cm di notte oppure quando si è fuori casa, per evitare di ritrovarsi la casa non sorvegliata e allagata per un qualsiasi disservizio della lavastoviglie da 45 cm o dell’impianto, è preferibile scegliere un modello che tra le caratteristiche tecniche abbia l’avvio programmabile e il sistema anti-allagamento “acqua-stop” che blocca il getto dell’acqua appena il sensore rileva perdite o fuoriuscite di acqua.

 lavastoviglie 45 cm

Un ulteriore dato da controllare è il consumo medio per ciclo di lavaggio: una lavapiatti slim (da 9 coperti) di classe A++ e ottimizzata richiede in media un consumo di 10 litri di acqua, in ogni caso il valore indicato deve rimanere entro i limiti dei 13 litri anche nei modelli con meno funzioni o level entry. Il consumo medio di elettricità, invece, deve attestarsi su 0,85 kWh e ridursi di ulteriori dieci decimali per i programmi di lavaggio “Eco”. La modalità “eco” e il “ciclo breve” è utile per chi vive da solo oppure è obbligato a fare lavaggi a mezzo carico, per cui è possibile ridurre i costi anche in questo modo. Le lavastoviglie da 45 cm di fascia medio alta hanno funzioni che consentono di regolare la quantità di detersivo, addolcente e brillantante in base al lavaggio e al carico.

Classifica delle migliori lavapiatti slim

Le lavastoviglie  da 45 cm slim migliori sul mercato sono state selezionate per varietà di programmi di lavaggio, carico e numero d coperti, classe energetica, livelli di rumorosità, qualità dei materiali, prezzo e marca. La classifica è la seguente:

  • Electrolux ESF4513LOX: tra i vantaggi di questa lavastoviglie da 45 cm riscontriamo il lavaggio rapido da 30 minuti con ulteriore opzione speciale per ridurre del 50% la durata del ciclo. Il modello slim consente un carico di 9 coperti sufficienti anche per una famiglia di 3-4 componenti. Ha alti consumi di energia (222 kWh l’anno, classe A+) e un prezzo medio di listino di 400 €: non è il modello più tecnologico della casa produttrice, ma consente una scelta di 6 programmi di lavaggio e una buona pulizia. Tra le funzioni più interessanti si evidenziano il Time Manager per ridurre la durata del ciclo di lavaggio del 50% e la memorizzazione del programma più utilizzato che si può avviare premendo un solo tasto di selezione. Una caratteristica dei modelli Electrolux è l’AirDry, l’apertura automatica dello sportello a fine ciclo per favorire l’evaporazione naturale e accelerare l’asciugatura delle stoviglie.

lavastoviglie 45 cm

  • Bosch SPV461X07E: i punti di forza di questa lavastoviglie da 45 cm sono il sensore di carico, i bassi consumi elettrici e di acqua, la bassa rumorosità e una buona capienza. Il ciclo di lavaggio breve è tuttavia assente. I cestelli, dotati di sistema VarioFlex e griglie movibili adattabili, permettono un comodo posizionamento delle stoviglie per un carico di 9 coperti. I sensori di carico sono anche in grado di rilevare la quantità di sporco facilitando il dosaggio dei detergenti e ottimizzando i parametri di funzionamento. I programmi di questa lavastoviglie da 45 cm sono 6 a cui si aggiungono 3 funzioni speciali: Vario Speed plus, Purezza attiva Plus, Asciugatura Extra. Altri dettagli di interesse sono: la spia luminosa che indica la macchina in funzione proiettata sul pavimento, la modalità di partenza ritardata (da 1 a 24 ore), indicatore di tempo residuo, spia di ricarica sale e brillantante, segnalatore acustico di fine lavaggio. L’elettrodomestico è classificato in categoria A++, la ditta dichiara consumi di 197 kWh annui, 2380 litri di acqua annui, rumorosità da 42 a 45 dB.
  • Whirlpool WSIC 3 M17: i punti di forza sono i consumi limitati, i sensori che rilevano il carico e il grado di sporco, la partenza ritardata, fino a 10 coperti di carico. Tuttavia i livelli di pulizia di questa lavastoviglie da 45 cm non sembrano soddisfacenti soprattutto nella rimozione dello sporco più ostinato da pentole e tegami. I consumi dichiarati sono 238 kWh annui di elettricità, rumorosità di 47 dB, consumo idrico nella norma. I programmi sono 6, incluso il ciclo breve, l’intensivo da 65° e l’ECO.
Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

I più condivisi

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

tasse sulla prima casa

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Go to Top