Il balcone può essere considerato il punto della casa che più da adito ad aspettative nei confronti di chi viene a visitarci. E' infatti la parte che si mostra al pubblico e che serve a dare la prima impressione di quello che poi si trova all'interno. E' dunque importante tenere il balcone in condizioni di pulizia e dargli quel tocco di colore attraverso una verniciatura adatta.

Come verniciare la ringhiera del balcone

La ringhiera del balcone, prima ancora di essere verniciata, ha bisogno di un trattamento contro la ruggine, nemico principale di questo elemento esposto agli agenti atmosferici. Dunque, prima di verniciare il balcone, è necessaria una operazione preliminare di rimozione della ruggine.

Per eliminare la ruggine dal balcone, basta munirsi di carta vetrata o di una spazzola d'acciaio. Una volta terminato di eliminare la ruggine, bisogna passare sulla superficie da verniciare un panno inumidito con un prodotto solvente tipo nitro o acquaragia. Se rimane della ruggine sulla ringhiera del balcone, si può passare un prodotto particolare che servirà a eliminarla del tutto.

Di seguito è elencata l’attrezzatura che bisogna possedere per poter procedere alla verniciatura della ringhiera.

  • Una spazzola di metallo e un rotolo di carta vetrata, che serviranno appunto ad eliminare la ruggine.
  • Un barattolo di vernice con la quale si desidera verniciare la ringhiera.
  • Un barattolo di acquaragia e un panno nuovo o comunque pulito.
  • Vari pennelli di diverse dimensioni con setole dure o piatte. E’consigliabile avere a disposizione anche un pennello a pipa, che può essere d’aiuto per verniciare gli angoli più difficili e un rullo a pelo rasato, che può invece servire per sistemare le superficie più grandi.

Per cercare di sporcare il meno possibile è importante proteggere le superfici circostanti con teli in PVC o carta di giornale. Quando si effettuano lavori di verniciatura è preferibile indossare dei guanti e una mascherina che protegga il naso e la bocca. Mai iniziare a lavorare nelle ore calde, perchè l’eccessivo calore del sole può rovinare la vernice, o in una giornata piovosa. Di seguito sono illustrati i vari passi per compiere la verniciatura.

  • Rimuovere l’eventuale presenza di ruggine.
  • Bagnare un panno con il diluente nitro o l’acqua raggia e passarlo su tutta la ringhiera. Nel caso in cui la superficie sia rovinata e siano presenti dei fori è necessario riempirli con del silicone acrilico verniciabile o con dello stucco metallico bicomponente.
  • Passare sulla superficie una pennellata di convertitore di ruggine solo nelle zone in cui ci sono dei residui.
  • Lasciar trascorrere 24 ore e poi passare sulla ringhiera una mano di antiruggine, che permetterà alla vernice o allo smalto che passerete successivamente di aderire perfettamente. E’possibile facilitare la passata dell’antiruggine diluendolo con dell’acquaragia.
  • Pennellare la ringhiera con lo smalto desiderato, è consigliabile applicare due strati di vernice a distanza di un paio d’ore l’uno dall’altro.

L'importanza dell'antiruggine

Dopo 24 ore si può passare a verniciare il balcone: la prima operazione sarà quella di stendere una mano di antiruggine che protegge il balcone dalla corrosione e aumenterà l'aderenza dello smalto.

Dopo che l'antiruggine si è essiccato, si passa finalmente alla verniciatura del balcone vera e propria. Bisogna utilizzare uno smalto sintetico o allungato con acqua, che va passato almeno due volte. Non c'è una tecnica specifica per passare il pennello, l'importante è spalmare bene la vernice sulla ringhiera del balcone in modo omogeneo per tutta la superficie.

Per rifinire le parti esterne, può essere utilizzato un pennello a manico lungo, di quelli usati anche per verniciare i termosifoni.



Potrebbe interessarti

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il calcolo della cubatura: tante variabili da analizzare

 

Il calcolo della cubatura altro non è che la misurazione del volume di un determinato complesso e la misura ottenuta è calcolata in metri cubi. In mezzo a tutti i cavilli burocratici e i vari regolamenti vigenti in materia, chi avrà a che fare con questo argomento è bene che si informi in modo scrupoloso e attento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Super DIA: una particolare denuncia di inizio attività

Tali atti amministrativi sono stati istituiti al fine di regolamentare le norme in ambito edilizio ed evitare così i numerosi fenomeni di abusivismo edilizio.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top