Quando si acquista casa, c'è sempre qualche lavoretto di installazione e ristrutturazione da compiere. Oltre ai lavori di messa in posa di piastrelle e porte, di pittura delle pareti, ci sono tante altre operazioni da fare, soprattutto di natura elettrica; una di queste è, ad esempio, quella di installare il citofono. Manca il citofono nella casa che avete appena acquistato?

Oppure c'è ma non vi soddisfa? Volete montarne uno nuovo che abbia delle funzioni più moderne (come il vivavoce o il video)? Non vi resta che continuare a leggere facendo poi attenzione a rivolgervi al vostro elettricista di fiducia per operazioni di cui non siete certi.

Attrezzatura a norma di legge

Se si intende installare un citofono, la prima e importante regola da tenere in considerazione, è quella di utilizzare un trasformatore, i cavi e tutti gli apparecchi occorrenti a norma di legge. È bene seguire questa indicazione, soprattutto se si ha a che fare con la corrente elettrica, perché un impianto non a norma potrebbe provocare incidenti, anche gravi, durante l'installazione. Prima di procedere all'installazione del citofono, è necessario staccare la corrente dall'interruttore, per evitare inconvenienti di sorta; successivamente si monterà il trasformatore lontano da fonti di umidità e luoghi all'aperto.

Per installare il citofono, occorre essere muniti dei seguenti attrezzi:

  • trapano elettrico: vi potrà sevire per posizionare le viti o gli stop
  • cacciavite isolato;
  • viti e tasselli;
  • pinze varie: sono molto utili nel momento in cui sarete chiamati a trattare i fili elettrici
  • cazzuola;
  • scalpello;
  • mazzuola;
  • cemento.

Trasformatore e allaccio dei fili del citofono

Il trasformatore più essere all'interno della corrente stessa; in questo caso l'alimentazione va realizzata attraverso una presa da 220 v. Se invece il trasformatore è solamente unito alla cornetta, ma non integrato, si procede con l'allacciamento canonico.

La linea elettrica collegata al citofono necessità di una protezione mediante salvavita o fusibile di rivestimento.

L'installazione di un citofono prevede l'allacciamento di un minimo di due fili a un massimo di sette; i vari fili andranno inseriti con massima attenzione all'interno dei morsetti ad essi dedicati, rispettando i vari coloro, indicati spesso anche all'interno delle guide del citofono stesso.

Dopo l'installazione del citofono, andrà infine testato l'impianto, per accertarsi del corretto funzionamento dello stesso. Se avete due portoni, uno interno e uno esterno, vi consigliamo di compiere dei test incrociati.

Videocitofoni

Con le ultime innovazioni tecnologiche, è entrato in uso anche il videocitofono, che oltre all’apparecchio tradizionale è munito di una telecamera (a colori o in bianco e nero) che permette di vedere le immagini in qualunque condizione esterna, grazie alla presenza di specifici raggi infrarossi. Accanto a tutto ciò, c’è un monitor da quale è possibile vedere le immagini riprese anche se ultimamente si è soliti sostituire il monitor con un display LCD. Per motivi di privacy, ci sono delle regole precise come per esempio l’attivazione del sistema solo quando c’è in entrata una chiamata, disattivandosi dopo un tempo prestabilito. Su Internet, specialmente negli store on line, è possibile consultare e trovare l’apparecchio idoneo alle proprie esigenze confrontando caratteristiche e prezzi per l’acquisto.

Il rischio truffe

“Non aprire a nessuno”, quante volte si sente ripetere questa frase prima di aprire il portone di casa o della propria palazzina? Il rischio truffa è infatti sempre dietro l’angolo e anzi i casi si sono moltiplicati, con i truffatori che si sono ingegnati nel trovare tanti escamotage per entrare nelle abitazioni private. I soggetti più deboli, come gli anziani, sono quelli più a rischio e molte volte viene usato proprio il citofono per intrufolarsi nelle case private. La questione è molto sensibile perchè ad oggi i truffatori hanno raggiunto un livello di preparazione molto elevato, tanto che studiano la strategia fin nei minimi particolari, dalle abitudini del quartiere agli orari in cui attivarsi per la frode. Finti agenti di qualsiasi ambito, finti idraulici o elettricisti, addetti alle vendite, tanti sono i motivi per truffare il popolo degli anziani e questo viene fatto proprio attraverso gli apparecchi accanto al portone di casa. Il consiglio in questo caso è di non aprire mai a sconosciuti ed avvisare parenti o familiari di quando c’è bisogno di risolvere un problema o un guasto all’interno dell’abitazione. Attenzione anche ai giovani e ai corsi di formazione proposti via citofono da persone che hanno in mente solo quello di fare soldi promettendo un falso futuro impiego nel mondo del lavoro. Quest’ultima sembra che stia diventando la nuova frontiera del business di queste persone disoneste.





Potrebbe interessarti

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Il piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Vendere casa prima dei 5 anni: ecco cosa sapere

immagine per Vendere casa prima dei 5 anni

Il termine plusvalenza indica un incremento di valore di beni immobili (ad esempio abitazioni) e di valori mobiliari (ad es. azioni) entro un periodo di tempo determinato. Cosa succede a chi vuole vendere casa prima dei 5 anni?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Telecom: bollette clienti. Chi deve pagare?

In passato, gli utenti legati da rapporti societari o personali con un cliente moroso, che intendevano attaccare una nuova linea telefonica Telecom, erano soggetti al pagamento delle bollette arretrate o alla definitiva sospensione della fornitura per morosità.

Leggi tutto...
Go to Top