Decidere di installare una piattaforma elevatrice per disabili è sicuramente la soluzione ideale per abbattere le barriere architettoniche presenti in un’abitazione privata, in un condominio o in un luogo pubblico. Questo strumento è il sistema smart e pratico che può migliorare la qualità della vita di anziani, disabili e di tutti coloro che hanno problemi motori.

La possibilità di poter installare un montascale su qualsiasi tipo di scala permette di superare tutti quegli ostacoli che rendono la vita di tutti i giorni più complicata. Anche un piccolo gradino può rappresentare uno scoglio insormontabile per chi si muove su una sedia a rotelle, rischiando di non riuscire ad accedere ad un’abitazione o a un servizio come può essere un supermercato, una scuola o una farmacia.

Questo sistema di elevazione, però, permette di risolvere questi problemi in modo semplice e garantire il grado di autonomia che spetta a tutti quanti, anche a coloro con deficit motori.

Inoltre installare questo strumento non richiede lavori particolari. Infatti i nuovi modelli di montascale, oltre ad essere salva-spazio e quindi meno ingombranti, non hanno bisogno di lavori di muratura considerando che vengono montati direttamente sulla ringhiera della scala e non hanno bisogno di interventi all’impianto elettrico, in quanto il dispositivo è alimentato da una batteria collegata alla presa elettrica, garantendone il funzionamento anche in caso di assenza di corrente.

La pedana elevatrice, inoltre, può essere realizzata “su misura” in base alle dimensioni del contesto a cui è destinata e, grazie alle sue caratteristiche, può essere installate anche in spazi ridotti.

Normativa sui montascale e le piattaforme elevatrice

La normativa attualmente in vigore è il “Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione della Direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori” e si rifà a quanto stabilito all’interno del Decreto del Presidente della Repubblica n° 214 del 5 ottobre 2010.

Tale decreto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 292 del 15 dicembre 2010 prevede delle novità rispetto al precedente DPR n°162 riguardanti la sicurezza e le dichiarazioni di conformità. Secondo il decreto, quindi, gli impianti dovranno rispettare alcuni standard minimi di sicurezza imprescindibili per poter garantire il giusto funzionamento dell’impianto.

Tra le varie normative che regolano l’uso e l’installazione dei montascale e delle pedane elevatrici è importante ricordare l’obbligo di manutenzione degli impianti, fondamentale per poter garantire la sicurezza dello strumento a tutti coloro che ne fanno uso.

Inoltre, con l’entrata in vigore del DPR n°214 del 5 ottobre 2010, sono stati accorpati agli ascensori anche i montascale che hanno una lunghezza del binario superiore ai 2 metri pertanto anche per questi è obbligatorio presentare una richiesta del numero di matricola al Comune, le Verifiche Periodiche biennale e la presenza della ditta che si occupa della manutenzione, così come per quanto riguarda le piattaforme disabili e i montauto, tutti apparecchi che appartengono alla categoria “macchine”.

Obbligo di manutenzione dei montascale e delle piattaforme elevatrice

Come appena accennato, la manutenzione dei montascale è obbligatoria all’interno di qualunque struttura. Dopo l’approvazione del DPR 214/10, il proprietario di uno stabile in cui è stato installato una pedana elevatrice o un montacarichi deve far sottoporre l’impianto a controlli di manutenzione periodici e a verifiche di prova.

Per poter essere conformi alla normativa vigente, il proprietario dell’impianto deve sottoporre il montascale a controlli di manutenzione almeno due volte all’anno così da garantire la piena efficienza e sicurezza della piattaforma elevatrice e trovare eventuali elementi di criticità ponendovi subito rimedio.

Infatti, nonostante le piattaforme elevatrici e i montacarichi vengano realizzati con i migliori sistemi di sicurezza proprio per garantire a coloro che hanno problemi motori di spostarsi in tutta tranquillità tra un piano e l’altro di un edificio, è sempre opportuno far controllare al meglio questi strumenti per scongiurare qualunque problema.

Agevolazioni fiscali per i montascale e le piattaforme elevatrice

Lo Stato Italiano mette a disposizione delle agevolazioni fiscali per i contribuenti o i condomini che decidono di installare una pedana elevatrice o un montascale all’interno o all’esterno di un condominio o un’abitazione privata, con lo scopo di abbattere le barriere architettoniche.

Grazie al Bonus Ristrutturazione 2019 è possibile ottenere una detrazione fiscale pari al 50% su una spesa massima del valore di 96.000 euro per singola unità immobiliare, se la spesa viene sostenuta in un periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2019.

A partire dal 1° gennaio 2020, salvo proroghe, la detrazione Irpef tornerà al 36% su una spesa massima del valore di 48.000 euro per singola unità immobiliare.

Per poter usufruire di tali agevolazioni fiscali occorre conservare e presentare in sede di dichiarazione dei redditi le fatture relative alle spese sostenute e bonifico bancario o postale recante il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la Partita IVA del destinatario del bonifico e la causale del pagamento.





Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Volture catastali: tutto quello che c'è da sapere

Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consigli sui lavori di ristrutturazione

Capita un giorno, quando si risiede in un'abitazione vecchia oppure quando si vuole dare un nuovo aspetto alla casa dove si sta già da diversi anni, di voler effettuare dei lavori di ristrutturazione della stessa. Magari il desiderio si era già presentato da molto tempo, tuttavia non si avevano ancora le possibilità economiche per effettuare simili interventi di edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top