Decidere di installare una piattaforma elevatrice per disabili è sicuramente la soluzione ideale per abbattere le barriere architettoniche presenti in un’abitazione privata, in un condominio o in un luogo pubblico. Questo strumento è il sistema smart e pratico che può migliorare la qualità della vita di anziani, disabili e di tutti coloro che hanno problemi motori.

La possibilità di poter installare un montascale su qualsiasi tipo di scala permette di superare tutti quegli ostacoli che rendono la vita di tutti i giorni più complicata. Anche un piccolo gradino può rappresentare uno scoglio insormontabile per chi si muove su una sedia a rotelle, rischiando di non riuscire ad accedere ad un’abitazione o a un servizio come può essere un supermercato, una scuola o una farmacia.

Questo sistema di elevazione, però, permette di risolvere questi problemi in modo semplice e garantire il grado di autonomia che spetta a tutti quanti, anche a coloro con deficit motori.

Inoltre installare questo strumento non richiede lavori particolari. Infatti i nuovi modelli di montascale, oltre ad essere salva-spazio e quindi meno ingombranti, non hanno bisogno di lavori di muratura considerando che vengono montati direttamente sulla ringhiera della scala e non hanno bisogno di interventi all’impianto elettrico, in quanto il dispositivo è alimentato da una batteria collegata alla presa elettrica, garantendone il funzionamento anche in caso di assenza di corrente.

La pedana elevatrice, inoltre, può essere realizzata “su misura” in base alle dimensioni del contesto a cui è destinata e, grazie alle sue caratteristiche, può essere installate anche in spazi ridotti.

Normativa sui montascale e le piattaforme elevatrice

La normativa attualmente in vigore è il “Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione della Direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori” e si rifà a quanto stabilito all’interno del Decreto del Presidente della Repubblica n° 214 del 5 ottobre 2010.

Tale decreto, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 292 del 15 dicembre 2010 prevede delle novità rispetto al precedente DPR n°162 riguardanti la sicurezza e le dichiarazioni di conformità. Secondo il decreto, quindi, gli impianti dovranno rispettare alcuni standard minimi di sicurezza imprescindibili per poter garantire il giusto funzionamento dell’impianto.

Tra le varie normative che regolano l’uso e l’installazione dei montascale e delle pedane elevatrici è importante ricordare l’obbligo di manutenzione degli impianti, fondamentale per poter garantire la sicurezza dello strumento a tutti coloro che ne fanno uso.

Inoltre, con l’entrata in vigore del DPR n°214 del 5 ottobre 2010, sono stati accorpati agli ascensori anche i montascale che hanno una lunghezza del binario superiore ai 2 metri pertanto anche per questi è obbligatorio presentare una richiesta del numero di matricola al Comune, le Verifiche Periodiche biennale e la presenza della ditta che si occupa della manutenzione, così come per quanto riguarda le piattaforme disabili e i montauto, tutti apparecchi che appartengono alla categoria “macchine”.

Obbligo di manutenzione dei montascale e delle piattaforme elevatrice

Come appena accennato, la manutenzione dei montascale è obbligatoria all’interno di qualunque struttura. Dopo l’approvazione del DPR 214/10, il proprietario di uno stabile in cui è stato installato una pedana elevatrice o un montacarichi deve far sottoporre l’impianto a controlli di manutenzione periodici e a verifiche di prova.

Per poter essere conformi alla normativa vigente, il proprietario dell’impianto deve sottoporre il montascale a controlli di manutenzione almeno due volte all’anno così da garantire la piena efficienza e sicurezza della piattaforma elevatrice e trovare eventuali elementi di criticità ponendovi subito rimedio.

Infatti, nonostante le piattaforme elevatrici e i montacarichi vengano realizzati con i migliori sistemi di sicurezza proprio per garantire a coloro che hanno problemi motori di spostarsi in tutta tranquillità tra un piano e l’altro di un edificio, è sempre opportuno far controllare al meglio questi strumenti per scongiurare qualunque problema.

Agevolazioni fiscali per i montascale e le piattaforme elevatrice

Lo Stato Italiano mette a disposizione delle agevolazioni fiscali per i contribuenti o i condomini che decidono di installare una pedana elevatrice o un montascale all’interno o all’esterno di un condominio o un’abitazione privata, con lo scopo di abbattere le barriere architettoniche.

Grazie al Bonus Ristrutturazione 2019 è possibile ottenere una detrazione fiscale pari al 50% su una spesa massima del valore di 96.000 euro per singola unità immobiliare, se la spesa viene sostenuta in un periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2019.

A partire dal 1° gennaio 2020, salvo proroghe, la detrazione Irpef tornerà al 36% su una spesa massima del valore di 48.000 euro per singola unità immobiliare.

Per poter usufruire di tali agevolazioni fiscali occorre conservare e presentare in sede di dichiarazione dei redditi le fatture relative alle spese sostenute e bonifico bancario o postale recante il codice fiscale del beneficiario della detrazione, la Partita IVA del destinatario del bonifico e la causale del pagamento.





Potrebbe interessarti

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Immagine usata nell'articolo Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Enel: ecco quali documenti devi prepararti a presentare

Immagine per voltura enel

Per attivare un subentro o una voltura Enel sono necessari in primis i codici numerici POD, per le forniture elettriche, o PDR, per quelle del gas, dei precedenti proprietari ai quali erano intestate le bollette.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Eni: sai quali sono i passaggi e quali documenti ti occorrono?

Voltura Eni

Oggi vi mostreremo nel dettaglio quali sono i documenti che servono per effettuare una voltura Eni in sicurezza. Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Leggi tutto...
Go to Top