Quando si acquista casa, si sente spesso l'esigenza di modificare il vecchio impianto d'illuminazione, spostando le prese di accensione o magari optando per faretti da incasso luminosi e meno ingombranti del normale lampadario.

Gli utensili necessari a montare un faretto da incasso sono:

  • matita e metro, per prendere le misure giuste;
  • cacciavite con guaina isolante;
  • pinza;
  • trapano con sega a tazza;
  • tronchese.

Per installare i faretti a led da incasso è necessario in primis creare le condizioni giuste per lavorare in estrema sicurezza. Servirà dunque togliere la corrente prima di qualunque tipo di lavoro. È necessario altresì leggere con molta attenzione le istruzioni riportare sulle confezioni, controllando i colori giusti dei cavi da collegare e la potenza della lampadina adatta al faretto stesso. Se si opta dell'uso esclusivo dei normali faretti da incasso in casa, bisogna fare molta attenzione riguardo i consumi per evitare spiacevoli sorprese sulla bolletta della luce in quanto il consumo è nettamente superiore rispetto le normali lampadine, a menoche non si opta per l'utilizzo di faretti a led.

Installare i faretti in bagno

L'installazione di un faretto nel bagno richiede maggiore attenzione vista la presenza di fonti d'acqua molto vicine; è inoltre necessario verificare che ci siano la classe e l'indice di potenza richiesti. La posa di un faretto nel bagno deve infatti seguire norme rigorose e tener conto della classe del faretto, del volume di sicurezza e dei gradi protezione IP dello stesso.

Corretta distribuzione dei fasci di luce

Per installare i faretti è inoltre importante riuscire a montare gli stessi in modo tale da ottenere una corretta distribuzione dei fasci di luce, in grado di dare la giusta luminosità allo spazio, evitando sovra o sotto esposizione dell'intensità della luce.

È infine necessario sapere che, esistono differenti tipi di faretti; la posa degli stessi varia dunque anche in base alle tipologie presenti sul mercato.

Consigli per l’installazione nel controsoffitto

I faretti incassati possono essere inseriti per fornire illuminazione nelle stanze, nel controsoffitto, nei sottopensili della cucina, all’interno degli armadi ecc., non sporgono dalla superficie e ormai sono considerati un elemento molto fashion dei designer degli interni. Fino a qualche anno fa gli unici elementi che potevano essere inseriti all’interno dei faretti a led da incasso erano le lampadine ad incandescenza, che però a causa delle loro dimensioni, sporgevano dalla superficie nella quale erano avvitate.

Oggigiorno le lampadine più utilizzate per questo moderno genere d’illuminazione sono a LED, sono strumenti molto efficienti, producono un calore ridotto e possono essere scelte nella variante luce calda, tendente al giallo, o fredda, tendente al bianco. Quando si desidera installare questo genere d’illuminazione nel controsoffitto è necessario avere a disposizione una determinata strumentazione, eccola di seguito:

  • Nastro isolante.
  • Trapano.
  • Faretti a led da incasso.
  • Sega a tazza.
  • Stucco.
  • Aspirapolvere.
  • Cacciavite.
  • Fili elettrici.

Anche per questo genere d’installazione è fondamentale staccare l’interruttore generale della corrente, che si trova all’interno del quadro elettrico, è quindi preferibile effettuare questo lavoro durante le ore del giorno in cui si può sfruttare la luce solare.

E’ di fondamentale importanza controllare che la lampadina che avete acquistato abbia la stessa portata del portalampade. Il numero dei faretti che si devono montare dipende dalla grandezza della zona da illuminare, da quanto si vuole illuminare e dalla potenze delle lampadine. I faretti devono essere collocati ad una certa distanza l’uno dall’altro, altrimenti si rischia di creare un’illuminazione poco omogenea.

I punti dove i faretti saranno collocati vengono in genere segnati con una matita e successivamente forati con l’ausilio di un trapano dotato di una sega a tazza. Un consiglio molto utile per cercare di creare meno polvere possibile durante questa fase, è tenere la bocchetta di un’aspirapolvere vicino il trapano, che riesca così ad aspirare subito la polvere prodotta. Poi bisogna procedere con il collegamento elettrico dei fili, che deve essere eseguito da un tecnico abilitato e professionista. Una volta installati i faretti è necessario stuccare gli alloggiamenti e tinteggiare il controsoffitto.



Potrebbe interessarti

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il Vincolo paesaggistico

Quando si acquista o si prende in affitto un’abitazione, le opere di ristrutturazione sono spesso d’obbligo soprattutto se si desidera avere una casa più comoda e confortevole.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Manutenzione della caldaia domestica: sei a norma?

 

Come ogni impianto tecnico di casa, ogni qualvolta che si incombe alla stagione che ne vede un uso maggiore, anche l'impianto termico deve essere sottoposto ad una manutenzione della caldaia approfondita e preventiva. Sebbene l'uso dell'acqua calda non termini neanche in estate, è in previsione dell'inverno e del freddo in arrivo che bisogna far sottoporre l'impianto a controlli mirati che lo proteggano da possibili guasti improvvisi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Leggi tutto...
Go to Top