Un operazione che spesso ci si ritrova da fare a casa è quella di montare i bastoni delle tende; per applicarli al meglio è necessario però sapere come fare ed avere a disposizione l'attrezzatura adatta.

Gli utensili necessari a installare i bastoni per le tende sono: trapano; cacciavite; livella a bolla; tasselli e viti adatte; metro; matita e righello, per segnare le misure; seghe utili a tagliare legno e metallo.

Elementi e attrezzi necessari a montare i bastoni delle tende

Per montare i bastoni delle tende è fondamentale in primis scegliere e acquistare i giusti pezzi, ovvero::

  • il bastone stesso, per porte o decorativo come quello rotondo;
  • binari vari;
  • bacchette per le tendine a vetro;
  • due o più mensole;
  • anelli;
  • terminali decorativi.

 

I bastoni più comuni sono di due tipologie: quelli fissi e quelli scorrevoli.
La differenza è sia estetica che pratica. Nei primi, la terra scorre tramite gli anelli coi quali è attaccata: il bastone è molto visibile e, pertanto, dovrebbe essere scelto pensando anche all'estetica. Il secondo, invece, è quasi completamente coperto dalla tenda: questa scorre sui dei binari capaci di rendere il movimento molto fluido.

Per scegliere bisogna, ovviamente, rifarsi allo stile dell'intera stanza. Nelle stanze ispirate ad uno stile più antico, il bastone fisso va benissimo: magari in ottone o con belle decorazioni a segnarne la fine; mentre, nelle case più moderne, quelli scorrevoli sono la soluzione ottimale visto che riflettono l'anelino all'efficienza tipica del design moderno.

Prendere le misure

Per montare i bastoni delle tende, è necessario prendere accuratamente le misure, soprattutto tenendo conto della distanza dal muro e dal soffitto.
Successivamente si deve effettuare la posa, con procedimenti diversi se essa viene eseguita tra due muri, al muro o sul soffitto; potrebbe inoltre essere necessario un accorciamento del bastone per adattarlo alle giuste misure che servono.

In ogni caso è fondamentale calcolare dei centimetri di distanza fra il bastone e le pareti. Devono infatti intercorrere almeno 10 cm fra loro. Lo stesso dicasi nella situazione in cui il bastone viene messo sotto il tetto: l'arredo e le pareti devono respirare, sia per una questione di praticità – così si evitano incastri – sia estetica – per evitare che la tenda sembri “incollata” al muro.
Si devono inoltre calcolare altre dimensioni, ovvero quelle della tenda stessa. Valutate bene l'altezza della stoffa – in caso, potete accorciarla voi stessi – ma anche la larghezza di questa come anche della finestra. Il bastone dovrebbe sporgere di almeno 20 cm da un lato e dall'altro.

La prima difficoltà sopraggiunge nel momento in cui si devono fissare i punti in cui attaccare il bastone. È possibile affidarsi al calcolo in centimetri oppure a strumenti ad hoc tipo la livella a bolla. Una volta individuati i punti, bisogna utilizzare il trapano manovrandolo nella maniera più dritta possibile. Installate poi il bastone facendo attenzione ad inserire tutte le viti per bene.

Pietro Calafiore



Potrebbe interessarti

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Crisi dei subprime: facciamo chiarezza

La crisi dei mutui subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di mediazione immobiliare

Il contratto di mediazione immobiliare, disciplinato dagli artt. 1754 - 1765 c.c. regola l’attività di chi intende affidarsi a un mediatore (es.agenzia immobiliare), per la compra-vendita di un'abitazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Negozi di Mobili a Milano: info e contatti

Di seguito riportiamo una serie di consigli su dove acquistare i mobili del vostro appartamento o del vostro ufficio a Milano. La città Lombarda propone in questo molti spunti utili, interessanti ed economici. Presenti anche i riferimenti ufficiali di ogni struttura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Leggi tutto...
Go to Top