Un operazione che spesso ci si ritrova da fare a casa è quella di montare i bastoni delle tende; per applicarli al meglio è necessario però sapere come fare ed avere a disposizione l'attrezzatura adatta.

Gli utensili necessari a installare i bastoni per le tende sono: trapano; cacciavite; livella a bolla; tasselli e viti adatte; metro; matita e righello, per segnare le misure; seghe utili a tagliare legno e metallo.

Elementi e attrezzi necessari a montare i bastoni delle tende

Per montare i bastoni delle tende è fondamentale in primis scegliere e acquistare i giusti pezzi, ovvero::

  • il bastone stesso, per porte o decorativo come quello rotondo;
  • binari vari;
  • bacchette per le tendine a vetro;
  • due o più mensole;
  • anelli;
  • terminali decorativi.

 

I bastoni più comuni sono di due tipologie: quelli fissi e quelli scorrevoli.
La differenza è sia estetica che pratica. Nei primi, la terra scorre tramite gli anelli coi quali è attaccata: il bastone è molto visibile e, pertanto, dovrebbe essere scelto pensando anche all'estetica. Il secondo, invece, è quasi completamente coperto dalla tenda: questa scorre sui dei binari capaci di rendere il movimento molto fluido.

Per scegliere bisogna, ovviamente, rifarsi allo stile dell'intera stanza. Nelle stanze ispirate ad uno stile più antico, il bastone fisso va benissimo: magari in ottone o con belle decorazioni a segnarne la fine; mentre, nelle case più moderne, quelli scorrevoli sono la soluzione ottimale visto che riflettono l'anelino all'efficienza tipica del design moderno.

Prendere le misure

Per montare i bastoni delle tende, è necessario prendere accuratamente le misure, soprattutto tenendo conto della distanza dal muro e dal soffitto.
Successivamente si deve effettuare la posa, con procedimenti diversi se essa viene eseguita tra due muri, al muro o sul soffitto; potrebbe inoltre essere necessario un accorciamento del bastone per adattarlo alle giuste misure che servono.

In ogni caso è fondamentale calcolare dei centimetri di distanza fra il bastone e le pareti. Devono infatti intercorrere almeno 10 cm fra loro. Lo stesso dicasi nella situazione in cui il bastone viene messo sotto il tetto: l'arredo e le pareti devono respirare, sia per una questione di praticità – così si evitano incastri – sia estetica – per evitare che la tenda sembri “incollata” al muro.
Si devono inoltre calcolare altre dimensioni, ovvero quelle della tenda stessa. Valutate bene l'altezza della stoffa – in caso, potete accorciarla voi stessi – ma anche la larghezza di questa come anche della finestra. Il bastone dovrebbe sporgere di almeno 20 cm da un lato e dall'altro.

La prima difficoltà sopraggiunge nel momento in cui si devono fissare i punti in cui attaccare il bastone. È possibile affidarsi al calcolo in centimetri oppure a strumenti ad hoc tipo la livella a bolla. Una volta individuati i punti, bisogna utilizzare il trapano manovrandolo nella maniera più dritta possibile. Installate poi il bastone facendo attenzione ad inserire tutte le viti per bene.

Pietro Calafiore





Potrebbe interessarti


Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

I più condivisi


I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Leggi anche...


La conservatoria dei registri immobiliari: compiti e servizi

La conservatoria dei Registri Immobiliari è l’ufficio dove si conservano e dove è possibile consultare i seguenti documenti (a carico di soggetti fisici e giuridici):

Leggi tutto...

Leggi anche...


Vendita di arredi per il bagno e informazioni utili per la manutenzione

Arredare un bagno non è così semplice come si possa pensare. Ogni scelta, infatti, finirà per fare la differenza tra uno spazio che risulti semplicemente bello oppure che sia al contempo bello e funzionale. D'altronde il bagno è l'ambiente che più di tutti è in grado di dare valore ad un immobile e per questo motivo è importante avere le idee chiare e fare delle scelte ben ponderate.

Leggi tutto...

Leggi anche...


A2A Bollette: un nuovo servizio di energia

A2A Energia è un sinonimo di semplificazione per molte piccole preoccupazioni della nostra vita. Attraverso i suoi sportelli A2A Energia mette a disposizione dei clienti un efficiente servizio operativo ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, utile per terminare le operazioni commerciali o per richiedere le più varie informazioni.

Leggi tutto...
Go to Top