L'energia solare è, ormai da tempo, attivamente usata nella produzione di energia elettrica ad uso domestico. Cominciata inizialmente come un'aggiunta "green" e ausiliaria alla rete elettrica tradizionale, i progressi tecnologici ottenuti negli anni permettono oggi di impiegare sistemi a basso impatto ambientale in maniera totale, con impianti di accumulo avanzati e soluzioni inclusive.

Gli incentivi per il fotovoltaico del 2020 sono riassunti nel Decreto Rilancio. Questi aiuti statali hanno lo scopo di migliorare l'efficienza energetica delle abitazioni ed accompagnare la transizione ad un uso più "green" delle energie.
L'offerta fotovoltaico 110% di Eni gas e luce offre quindi la possibilità di rinnovare l'impianto della propria abitazione a costo zero, migliorando anche l'efficienza energetica di diversi gradi, con conseguente risparmio in bolletta. 

Cosa si ottiene con il Superbonus 110%

La soluzione viene definita "completa" in quanto include davvero tutti gli usi applicabili ed offre la possibilità di sconto diretto in fattura, rateizzabile nel caso non comprenda il totale esonero delle spese. Il primo vantaggio ottenuto, il più importante, riguarda la possibilità di scelta della taglia dell'impianto: da 3 a 10kw. Questo perché ci saranno delle situazioni in cui i lavori potranno servire anche a ridurre o aumentare il totale energetico apportato nelle abitazioni.

Questo permetterà all'abitazione di conservare l'energia inusata, evitando così la sua dispersione nel caso non si abbia un uso continuato delle utenze elettriche.
Infine, la transizione tecnologica non esclude gli utilizzi futuri: attraverso lo stesso sopralluogo preventivo, sarà valutata la possibilità d'installazione di una stazione di ricarica E-start per veicoli elettrici, collegata direttamente con l'impianto elettrico casalingo. 

Cosa serve per ottenere il Superbonus

I requisiti per poter accedere all'ecobonus fotovoltaico sono semplici e molto chiari. Il primo requisito riguarda la miglioria energetica: vi dev'essere un aumento di almeno due classi energetiche, all'installazione del nuovo impianto. In alternativa, l'ecobonus è ottenibile anche raggiungendo la classe più alta possibile, se già questa è elevata.

Il secondo requisito è invece relativo alla tipologia di abitazione: mono o bifamiliare, con ingresso indipendente e senza difformità dal piano catastale depositato originale. Infine, l'ultimo punto riguarda i lavori: questi devono rispettare i massimali di spesa ed essere eseguiti entro il 30/06/2022. 

incentivi per il fotovoltaico 2020

Eni gas e luce, attraverso la sua società controllata Evolvere S.p.A. offre, a chi fosse interessato, un sopralluogo completamente gratuito, con cui valutare la fattibilità dei lavori e l'effettiva soddisfazione dei requisiti richiesti. L'appuntamento sarà anche l'occasione per permettere agli incaricati di formulare un preventivo e definire se si potrà avere accesso al Superbonus 110% oppure al Bonus Fotovoltaico 50%.

Non aspettare, non c'è momento migliore di adesso per cominciare la transizione energetica.




Potrebbe interessarti

Tasse sull'affitto: una guida per essere in regola con lo Stato!

tasse sull'affitto

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Risoluzione anticipata del contratto di locazione: a chi spettano le tasse?

Risoluzione anticipata del contratto di locazione

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Normativa sullo scarico dei fumi: cosa dice la legge

cappa secondo la normativa sullo scarico dei fumi

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top