Per il corretto funzionamento di un impianto elettrico sono necessari tutta una serie di componenti che si rivelano fondamentali per il corretto funzionamento del circuito stesso e che variano a seconda dell’ampiezza della casa in cui si sta realizzando. Per i nuovi impianti elettrici, la norma Cei 64-8 e la variante V3 della norma stessa, stabiliscono la presenza di tre livelli qualitativi e delle regole sui limiti minimi delle prestazioni degli impianti elettrici di nuova installazione. Nonostante la potenza, fornita all’utente dall’aziende elettrica con cui ha stipulato il contratto, vari in base ai mq dell’appartamento l’impianto elettrico deve essere predisposto per sopportare almeno un minimo di 3 kW di potenza incrementabili fino ad un massimo di 6 kW.

Quindi, se avete necessità di realizzare un impianto elettrico a norma in un nuovo appartamento o riparare dei guasti che si sono verificati sul vostro impianto, il consiglio è quello di rivolgervi ad un elettricista professionista che conosca tutte le regole e norme per realizzarlo.

Cominciamo dal centralino

Il centralino di cui sono dotati gli impianti elettrici a norma sono più grandi rispetto ai modelli usati precedentemente e sono dotati di un interruttore generale ed almeno due interruttori differenziali. Le linee, invece, variano di numero a seconda dei mq dell’appartamento e anche dal livello di impianto che è stato adottato. Dal centralino generale, partono poi tutti i fili conduttori diretti al centralino singolo che si trova dentro la casa e, che contiene tutti gli interruttori magnetotermici e l’interruttore comunemente conosciuto come salvavita.

Infine, un impianto elettrico a norma che si rispetti, oltre alle precedenti caratteristiche, deve essere dotato di prese per collegare i vari elettrodomestici, prese per accendere e spegnere i punti luce e, importantissimo, il sistema di messa a terra di tutto l’impianto.

I circuiti della casa

Partendo dal quadro, poi, l’impianto elettrico dell’appartamento si deve suddividere su tre circuiti. Il primo a 16 Ampere per quanto riguarda le prese, il secondo a 10 Ampere che serve per le luci e per l’alimentazione ed infine, il terzo, a 12 Volt per i circuiti di chiamata.

Un’altra norma fondamentale è l’altezza a cui vengono posizionati prese ed interruttori, infatti, le prime dovranno essere posizionate a muro ad un’altezza di 30 cm dal pavimento, invece, gli interruttori vanno a 110 cm da terra.
Infine, i cavi conduttori devono essere tre e serviranno uno per la fase in corrente, uno, invece, per il neutro ed uno per la messa a terra.

Quanto costa il sistema elettrico

Generalmente i costi di un impianto elettrico a norma hanno variano tra 50 e60 euro per ogni punto luce che deve essere installato. Per farsi un’idea, in un appartamento dell’ampiezza di 90 mq ci sono più o meno 60 punti luce, quindi, l’importo sarà di circa 3.000/3.500 euro, Iva esclusa.

I rischi elettrici: ecco perché avere un sistema a norma

Nel malaugurato in cui “salti” la corrente in casa e ci si trova a restare privi dell’utilizzo di alcuni elettrodomestici quali il frigorifero o il televisore ci si accorge di quanto sia importante all’interno di un appartamento l’energia elettrica. Proprio a causa della dipendenza da alcuni strumenti che funzionano con l’elettricità, a volte, il loro uso diviene talmente automatico che i rischi derivanti da un cattivo utilizzo, passino in secondo piano. Il rischio principale nel caso in cui si venga a contatto con la corrente elettrica, è quello di rimanere folgorati, di prendere cioè, la scossa che, nel peggiore dei casi può essere fatale ma anche soltanto la tensione che serve ad accendere una normalissima lampadina basta a provocare dei danni molto gravi sulla persona.
In casa, la folgorazione, può avvenire per contatto diretto con prese di corrente o cavi scoperti, oppure nel caso in cui ci siano in casa degli elettrodomestici non più correttamente isolati.
Per ridurre, quindi, al minimo questi rischi è opportuno usare degli apparecchi elettrici sicuri ma anche, nel caso in cui si sospettino danni all’impianto, sottoporre il proprio appartamento all’intervento di un buon elettricista.



Potrebbe interessarti

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Onorario del notaio: a quanto ammonta?

 

Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come riparare una serranda

La casa (il concetto vale sia per la prima che per l'eventuale seconda) necessita di un certo tipo di manutenzione. Ogni stanza ha le sue criticità specifiche. Uno degli elementi che accomuna i vari ambienti casalinghi è quello relativo agli infissi delle finestre e alle serrande che ne fanno da corredo. Oggi proponiamo un approfondimento su come porre rimedio ad alcuni piccoli e comuni incidenti che riguardano questi elementi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento bollette: cosa succede dopo la scadenza?

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti.

Leggi tutto...
Go to Top