Per il corretto funzionamento di un impianto elettrico sono necessari tutta una serie di componenti che si rivelano fondamentali per il corretto funzionamento del circuito stesso e che variano a seconda dell’ampiezza della casa in cui si sta realizzando. Per i nuovi impianti elettrici, la norma Cei 64-8 e la variante V3 della norma stessa, stabiliscono la presenza di tre livelli qualitativi e delle regole sui limiti minimi delle prestazioni degli impianti elettrici di nuova installazione. Nonostante la potenza, fornita all’utente dall’aziende elettrica con cui ha stipulato il contratto, vari in base ai mq dell’appartamento l’impianto elettrico deve essere predisposto per sopportare almeno un minimo di 3 kW di potenza incrementabili fino ad un massimo di 6 kW.

Quindi, se avete necessità di realizzare un impianto elettrico a norma in un nuovo appartamento o riparare dei guasti che si sono verificati sul vostro impianto, il consiglio è quello di rivolgervi ad un elettricista professionista che conosca tutte le regole e norme per realizzarlo.

Cominciamo dal centralino

Il centralino di cui sono dotati gli impianti elettrici a norma sono più grandi rispetto ai modelli usati precedentemente e sono dotati di un interruttore generale ed almeno due interruttori differenziali. Le linee, invece, variano di numero a seconda dei mq dell’appartamento e anche dal livello di impianto che è stato adottato. Dal centralino generale, partono poi tutti i fili conduttori diretti al centralino singolo che si trova dentro la casa e, che contiene tutti gli interruttori magnetotermici e l’interruttore comunemente conosciuto come salvavita.

Infine, un impianto elettrico a norma che si rispetti, oltre alle precedenti caratteristiche, deve essere dotato di prese per collegare i vari elettrodomestici, prese per accendere e spegnere i punti luce e, importantissimo, il sistema di messa a terra di tutto l’impianto.

I circuiti della casa

Partendo dal quadro, poi, l’impianto elettrico dell’appartamento si deve suddividere su tre circuiti. Il primo a 16 Ampere per quanto riguarda le prese, il secondo a 10 Ampere che serve per le luci e per l’alimentazione ed infine, il terzo, a 12 Volt per i circuiti di chiamata.

Un’altra norma fondamentale è l’altezza a cui vengono posizionati prese ed interruttori, infatti, le prime dovranno essere posizionate a muro ad un’altezza di 30 cm dal pavimento, invece, gli interruttori vanno a 110 cm da terra.
Infine, i cavi conduttori devono essere tre e serviranno uno per la fase in corrente, uno, invece, per il neutro ed uno per la messa a terra.

Quanto costa il sistema elettrico

Generalmente i costi di un impianto elettrico a norma hanno variano tra 50 e60 euro per ogni punto luce che deve essere installato. Per farsi un’idea, in un appartamento dell’ampiezza di 90 mq ci sono più o meno 60 punti luce, quindi, l’importo sarà di circa 3.000/3.500 euro, Iva esclusa.

I rischi elettrici: ecco perché avere un sistema a norma

Nel malaugurato in cui “salti” la corrente in casa e ci si trova a restare privi dell’utilizzo di alcuni elettrodomestici quali il frigorifero o il televisore ci si accorge di quanto sia importante all’interno di un appartamento l’energia elettrica. Proprio a causa della dipendenza da alcuni strumenti che funzionano con l’elettricità, a volte, il loro uso diviene talmente automatico che i rischi derivanti da un cattivo utilizzo, passino in secondo piano. Il rischio principale nel caso in cui si venga a contatto con la corrente elettrica, è quello di rimanere folgorati, di prendere cioè, la scossa che, nel peggiore dei casi può essere fatale ma anche soltanto la tensione che serve ad accendere una normalissima lampadina basta a provocare dei danni molto gravi sulla persona.
In casa, la folgorazione, può avvenire per contatto diretto con prese di corrente o cavi scoperti, oppure nel caso in cui ci siano in casa degli elettrodomestici non più correttamente isolati.
Per ridurre, quindi, al minimo questi rischi è opportuno usare degli apparecchi elettrici sicuri ma anche, nel caso in cui si sospettino danni all’impianto, sottoporre il proprio appartamento all’intervento di un buon elettricista.





Potrebbe interessarti

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

I più condivisi

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Immobili classe A: tutto sull'argomento

Nella vostra abitazione è fondamentale non solo tenere conto del buon funzionamento dei vostri elettrodomestici e degli impianti di riscaldamento, di acqua,di aria condizionata ecc. ma anche delle classi degli immobili; è importante occuparsi del risparmio energetico e del rispetto dell'ambiente e della natura, in modo tale da tutelare la nostra stessa salute.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come scegliere un buon imbianchino a Roma

Col passare del tempo una casa ha bisogno di essere ristrutturata e rimessa a nuovo. Infatti, i diversi impianti presenti, le sale e la tinteggiatura di queste possono deteriorarsi e cominciare ad evidenziare problemi o i segni dell'usura. E ciò si evidenzia soprattutto quando l'abitazione è molto vissuta, ad esempio in presenza di un nucleo familiare numeroso. Per ottenere una ristrutturazione adeguata e duratura, ci si deve rivolgere a professionisti competenti, dagli impiantisti agli imbianchini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

A2A Bollette: un nuovo servizio di energia

A2A Energia è un sinonimo di semplificazione per molte piccole preoccupazioni della nostra vita. Attraverso i suoi sportelli A2A Energia mette a disposizione dei clienti un efficiente servizio operativo ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, utile per terminare le operazioni commerciali o per richiedere le più varie informazioni.

Leggi tutto...
Go to Top