È davvero così conveniente? È la domanda più comune quando si parla di fotovoltaico. Oggi è inoltre possibile rivedere l’energia prodotta e non consumata e ricavare degli importanti vantaggi economici. Naturalmente, qualunque sia la tipologia di impianto che si intende installare, occorre rivolgersi sempre a mani esperti e ditte specializzate che provvedono al suo puntuale dimensionamento, all’allaccio alla rete elettrica e al successivo collaudo per la messa in sicurezza.

Quella del sole è un’energia inesauribile che, se diffusa su larga scala, potrebbe ridurre persino i consumi e i costi dell’intera nazione. Con i passi compiuti da studi di settore, ricerca e tecnologia, sia i prezzi che le procedure di installazione hanno subito grandi variazioni. La crescente convenienza unita ad una maggiore semplicità nei processi di implementazione ha permesso una maggiore diffusione dei pannelli fotovoltaici anche in Italia, passo decisamente importante nell’ottica della green economy e delle energie rinnovabili più in generale.

Come funzionano i pannelli?

Prima di spiegare in sintesi il funzionamento di quelli fotovoltaici, facciamo un pò di chiarezza sui pannelli solari in generale. Questi ultimi sono dei dispositivi che sfruttano l'energia solare, come abbiamo già accennato, per differenti utilizzi e si suddividono tra pannelli fotovoltaici e pannelli solari termici. I primi permettono di ottenere dell'energia elettrica, mentre i secondi dell'acqua calda sanitaria. La quantità di tale energia prodotta tende a variare, come vedremo, in base a differenti fattori, tra cui ad esempio le dimensioni e la tipologia dell'impianto e la zona di installazione.

I pannelli fotovoltaici sviluppano la loro capacità di trasformare l’energia solare in energia elettrica. Sono veri e propri strumenti che consentono di ottenere energia pulita e di ridurre così le emissioni di anidride carbonica, cosa fondamentale per evitare il preoccupante surriscaldamento globale. Il funzionamento del pannello può anche essere complesso ma il risultato è semplice visto che l’energia solare è racchiusa dalle celle fotovoltaiche che la convertono in energia elettrica, consentendone così l’utilizzo in qualsiasi ambiente, domestico o industriale che sia.

Per quel che riguarda il dimensionamento, è un qualcosa che varia a seconda di diversi fattori come l'architettura della casa e il consumo medio di chi ci abita. Lo stesso impianto installato, per esempio, a nord o sud Italia produrrà energia in modi completamenti differenti. Per esser certi di installare il pannello giusto è necessario fare delle valutazioni poiché la loro potenza dipende da una serie di elementi come:

  • la superficie dell’impianto e quindi lo spazio a disposizione;
  • la posizione dei moduli che tiene conto della percentuale di inclinazione e dell’angolo;
  • il livello di radiazione del sole nella zona interessata e l’assenza di zone d’ombra;
  • l’efficienza dell’impianto;
  • la temperatura.

Caratteristiche di tali impianti

Per quanto riguarda la loro tipologia, essi possono essere "isolati" (Stand-alone) oppure connessi alla rete elettrica (Grid connected). I primi, come si evince facilmente, sono distaccati da tale rete e vengono utilizzati soprattutto per quelle strutture in cui l'allacciamento risulta essere particolarmente difficoltoso o addirittura impossibile. Si pensi ad esempio alle baite di montagna. I secondi, invece, nel caso non riuscissero a soddisfare il fabbisogno familiare, possono usufruire della rete e permettono comunque una riduzione delle spese elettriche. Se viceversa la produzione ecceda i fabbisogni, l'elettricità prodotta potrà essere venduta.

Per ciò che concerne invece i singoli moduli che costituiscono gli impianti, ne esistono tre diverse tipologie. Vi sono pannelli con silicio monocristallino, che sono i più costosi ma ad elevato rendimento energetico. Quelli con silicio policristallino, la cui produzione è più semplice e veloce dei precedenti, ma evidenziano costi e rendimento più bassi rispetto al tipo "mono". Infine, i pannelli con silicio amorfo offrono la minor efficacia produttiva, ma sono anche quelli meno costosi. Questi, rispetto alle altre precedenti tipologie, necessitano di maggior spazio e sono indicati per quelle zone geografiche dove vi sono alte temperature.

Quanto mi costa l'installazione?

Il basso prezzo per l’installazione pannelli fotovoltaici è un’altra delle ragioni che lo rendono conveniente e competitivo. La crescente concorrenza tra le aziende produttrici e il prezzo dei singoli pannelli ha fatto diminuire - e non poco - i costi complessivi degli impianti. A tal proposito arrivano buone notizie anche dallo Stato. La legge di Bilancio 2018 ha infatti prorogato le agevolazioni fiscali previste dai precedenti interventi fino al 31 dicembre 2018 e si potrà perciò proseguire a sfruttare la detrazione del 50% su tutti i lavori di ristrutturazione.

Tuttavia, prima di cercare di fornire indicativamente dei costi medi per l'installazione di un impianto di questo genere, dobbiamo tener presente che il denaro necessario dipende da diversi fattori. Tra cui vi sono, ad esempio, il numero delle persone che abitano all'interno della casa ed i consumi medi annuali di elettricità. Comunque, si parte da una spesa minima di circa 6.000 Euro per arrivare anche ai 12.000 degli impianti più grandi e potenti. Tali spese, come abbiamo detto, sono soggetti a detrazioni fiscali e che potranno essere rimborsate nell'arco di 10 anni e a rate annuali.

Tra interventi come l’eliminazione delle barriere architettoniche, il contenimento dell’inquinamento acustico, l’adozione di misure antisismiche e la bonifica dall’amianto, rientrano anche l’acquisto e l’installazione di impianti fotovoltaici. Con un’operazione di questo tipo una famiglia può arrivare a risparmiare in modo considerevole sulle bollette per la fornitura dell’energia elettrica. Questo si concretizza nel momento in cui non si ha più bisogno di acquistarla ma si riesce a sfruttare l’energia auto-prodotta. Per tutte queste ragioni, installare i pannelli fotovoltaici conviene davvero su tutti i fronti. È la via giusta per il rispetto di un ambiente libero dall’inquinamento, per un futuro pulito e per un risparmio garantito!





Potrebbe interessarti


Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

I più condivisi


Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi tutto...

Leggi anche...


WC otturato: come posso liberarlo?

Con questo articolo cerchiamo di venire incontro a chi dovesse trovarsi di fronte ad un drammatico inconveniente che può verificarsi in casa: il wc otturato. Spesso questo problema è dovuto poichè si gettano nel sanitario, prodotti non consoni ad essere scaricati, che quindi creano un tappo all'interno della via che porta alla tubatura.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Leggi tutto...
Go to Top