Non serve essere degli artisti o dei falegnami rifiniti; basta solo avere qualche buona idea e un po’ di pazienza. Il découpage è una tecnica nel quale si ritaglia illustrazioni di carta senza nessun tipo di finitura e usarle successivamente come decorazione.

Siti in cui visionare delle immagini per il decoupage

Di seguito riportiamo una serie di consigli per scaricare (o semplicemente per prendere qualche spunto) le più belle immagini per il decoupage del web. Quest’arte decorativa è cresciuta molto negli ultimi anni e per questa ragione sono aumentati anche siti web di riferimento così come corsi di formazione per aggiornarsi ed esplorare questo affascinante hobby. Di siti ce ne sono veramente parecchi e basta digitare questa parola chiave sul motore di ricerca Google per capire la portata dei portali dedicati all’argomento. Di seguito dei brevi esempi su alcuni siti di riferimento:

Immagini découpage Altervista

Non sai cosa utilizzare per le tue piccole opere d’arte? Prendi spunto da questo sito. Ti darà una mano a capire dove e come utilizzare certe immagini.

DeabyDay

Anche questo sito rappresenta un punto di ritrovo per gli appassionati di questa splendida mini arte. Il sito risulta facilmente utilizzabile.

Portale delle Arti Creative

In questo sito/blog si possono consultare tantissimi portale dedicati al decoupage divisi per categorie. Ma oltre ciò, ci sono spazi dedicati a concorsi, fiere, riviste, giornali, corsi suddivisi per provincia, scambio e contatti. Questo portale inoltre concede l’opportunità agli appassionati di fare richiesta per inserire il proprio dominio o pagina Facebook all’interno di questa raccolta. Un modo utile per farsi conoscere e far conoscere la propria attività.

I social network

Lo sviluppo dei social network può aprire inoltre altri spunti importanti: sulla piattaforma social si possono condividere tante opere, tramite la bacheca personale o pagine dedicate. In questo modo si raggiunge immediatamente una platea infinita di persone e proprio Facebook può diventare quindi un volano e uno strumento per diffondere ancora di più le proprie opere.

Procedimento per decorare le immagini con il decoupage

In tutte le procedure risulta importante coniugare la pazienza con la precisione, che rappresentano le due migliori abilità per chi entra a far parte di questo mondo oppure ne è già inserito. Avere molta pazienza, infatti, per gli addetti ai lavori, è considerata la principale arte che si deve possedere.
Per imparare tutte queste doti, in tutta Italia sono disponibili corsi di formazione suddivisi per il livello di competenza che si ha: troviamo quindi corsi per principianti, corsi per livello più avanzato e corsi aperti alla partecipazione di tutti. Come detto prima, questi seminari sono organizzati su tutta la Penisola, a testimonianza di un hobby non d’elitè ma che raggruppa invece sempre più persone nella stessa comunità. A tal proposito, per chi fosse interessato a seguire questi corsi (tutti rilasciano un attestato di partecipazione) è sufficiente andare su Internet per trovare i programmi che più piacciono e prenotare il proprio posto, per aggiornarsi sull’arte decorativa o semplicemente per imparare un nuovo hobby.

Come decorare il legno con il decoupage

Avete in casa una vecchia sedia, un vecchio tavolino o altri oggetti in legno, a cui siete particolarmente affezionati perché era di vostra nonna e non volete liberarvene? Non vi preoccupate, potete donargli una seconda vita, decorandolo con la tecnica del decoupage. Potete usare la vostra fantasia e il vostro gusto in modo da rendere particolari vecchie cassettiere per la vostra camera da letto, richiamando i toni dell’arredamento.

Per prima cosa controllate di avere tutto il materiale che vi occorrerà a portata di mano: carta con i disegni che preferite e i colori acrilici o in polvere.

Prima di iniziare il lavoro è bene, con l’aiuto di un batuffolo di cotone impregnato di alcol, eliminare ipotetici residui di sporcizia sulla superfice su cui si vuole iniziare il lavoro. Qualora il legno sia parecchio poroso, bisognerà utilizzare del gesso diluito in acqua in moda da coprire eventuali buchini.

A questo punto iniziate a decorare il vostro oggetto. Prendete un pennello e iniziate a spennellare la superfice con della pittura chiara creando una base. Se decidi di utilizzare dei disegni chiari e vuoi creare uno sfondo scuro, ti consigliamo di prendere il disegno che intendi incollare, posizionarlo su un foglio di giornale e ritagliare la sagoma della figura. Posizionatela sull’oggetto e con un piccolo pennello dipingete con il colore che preferite intorno alla sagoma.

Aspettate che la pittura si sia asciugate per bene, potete anche aiutarvi con un phon in modo da accelerare l’asciugatura della vernice. Ora prendete la colla, mettetela sulla parte non pitturata, applicate la carta del vostro decoupage, facendo attenzione che non si formino delle bolle d’aria. Una volta incollata la figura, passateci sopra un altro strato di colla, non vi resta che aspettare che asciughi il tutto e il gioco è fatto.

Quale accorgimenti occorre utilizzare

La prima cosa a cui occorre dare particolare importanza è la scelta e la collocazione della stampa che si intende utilizzare, vi consigliamo di fare delle prove prima di incollare la carta. Posizionate il foglio sull’oggetto per vedere se l’effetto che andrete ad ottenere vi gusta.

Altra operazione che richiedete molta attenzione, per questo di particolare importanza, è il ritaglio delle figure da incollare sul vostro oggetto di legno. Se non riusciti ad essere molto precisi vi consigliamo di utilizzare la carta di riso che potrete strappare prima con le mani e affinare poi con le forbici.

Ovviamente non dobbiamo dimenticare la grandissima importanza che hanno le colle. Ne esistono diversi tipi, che variano a seconda dell’utilizzo e della carta che andrete ad utilizzare. Quando si decide di decorare un oggetto in legno dovrete sempre immergere prima l’immagine in acqua, passare la colla sia sul legno sia sulla carta dopo averla applicata. Qualora decideste di usare della carta di riso, non servirà bagnarla e dovrete assolutamente utilizzare la colla velo.

Esistono anche delle colle che vengono usate per dare lucentezza all’immagine applicata, ma per questo tipo di utilizzo è sempre meglio adoperare un gel rifinitore da applicare alla immagine.





Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Volture catastali: tutto quello che c'è da sapere

Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Consigli sui lavori di ristrutturazione

Capita un giorno, quando si risiede in un'abitazione vecchia oppure quando si vuole dare un nuovo aspetto alla casa dove si sta già da diversi anni, di voler effettuare dei lavori di ristrutturazione della stessa. Magari il desiderio si era già presentato da molto tempo, tuttavia non si avevano ancora le possibilità economiche per effettuare simili interventi di edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top