Il lavoro più importante e fondamentale da svolgere, quando si deve ristrutturare una casa appena acquistata, è quello di pitturare le pareti. La prima cosa da fare è ovviamente quella di dedicarsi alla scelta del colore e delle decorazioni utili a pitturare le pareti. Questa scelta va fatta, oltre che seguendo i gusti personali, anche in base al futuro arredamento che avrà la vostra casa.

Prima di pitturare casa occorre scegliere il momento in cui compiere ogni operazione. Il momento ideale è l’estate. Occorre dunque liberare lo spazio su cui si dovrà operare, radunando al centro dell’appartamento i vari mobili.

Cosa serve per pitturare la parete?

Gli attrezzi necessari sono: secchio, spazzola, detersivo, intonaco per stuccare gli interni e per lisciatura e spugna, per preparare il supporto; telo di protezione in plastica per pavimenti e mobili, tuta da lavoro, scala o sgabello e nastro di protezione, per lavorare; rullo, pennello rotondo per angoli e bordi, griglia, gancio per fissare il secchio della pittura e asta telescopica, utili all'applicazione della pittura.

Operazioni preliminari alla pittura

Prima di pitturare le pareti di casa occorre munirsi di nastro adesivo. Il nastro adesivo verrà utilizzato per coprire porte, finestre e prese di corrente. Non dimenticatevi il materiale per la pittura di casa: spatole, raschietti, spugna, spazzola, carta vetrata e pennellessa. Indispensabile è anche controllare lo stato delle pareti da pitturare. Nel caso in cui abbiamo a che fare con una parete di nuova costruzione, dovrà essere asciutta.

Se le pareti non sono in buono stato occorrerà stuccare le crepe ed i buchi prima di procedere con la pittura. In un secondo momento sarà necessario carteggiare le zone interessate dallo stucco, procedendo dunque alla tinteggiatura.

Passare la vernice sui muri

Dopo aver lavato il muro, si può procedere finalmente a pitturare con pittura non diluita (aspettare almeno 12 ore prima di procedere alla globale tinteggiatura). La buona qualità dei prodotti facilita il raggiungimento di un risultato ottimale. La preparazione delle parete richiede molta attenzione. I pennelli e i rulli vanno puliti, a fine lavoro e prima di ogni pausa (si comincia dalla tinteggiatura del soffitto).

Per passare la pittura è necessario conoscere lo stato del muro che si andrà a trattare, perché esistono diversi tipi di prodotti, per diversi generi di lavori. Nel caso di pareti nuove e senza difetti, si può, ad esempio, optare per una pittura traspirante, lavabile o superlavabile.

Nei casi in cui si dovesse pitturare pareti che presentano macchie o aloni, meglio prediligere una pittura specifica antiumidità, antismog, antimacchie o una idropittura traspiranti. Per coprire invece fessure o crepe, acquistare una pittura acrilica.

Prima di iniziare il lavoro è necessario preparare il supporto, scartavetrando, levigando se necessario, ed eliminando eventuali macchie, crepe e fessure. Solo successivamente si potrà procedere alla pittura vera e propria della vostra parete o soffitto. È infine consigliato dipingere prima il soffitto e poi i muri.

Pitture per esterni

Può capitare che l'abitazione, appena acquistata o presa in affitto, necessiti di lavori di ristrutturazione che potrebbero prevedere anche la pittura esterna della facciata. Soprattutto per i proprietari di ville o case che non si trovano all'interno di un condominio e che non hanno bisogno di particolari autorizzazioni condominiali, il lavoro di pittura di ambienti esterni si verifica spesso.

È necessario in primis valutare bene lo stato della facciata che si intende dipingere, in modo tale da utilizzare le pitture per esterni più adatte al tipo di abitazione. Esistono infatti diversi tipi di pitture per esterni, da usare a seconda dei casi. È dunque fondamentale una scelta accurata dei prodotti e dei materiali utili all'applicazione e alla preparazione della pittura stessa.

Le pitture per esterni acriliche vanno bene per facciate in buon stato e prive di difetti, dove però la pittura ha subito un processo di invecchiamento repentino. Quelle in quarzo sono adatte a tutti i tipi di muri rovinati, ma mediamente in buone condizioni.

Per le facciate poco rovinate, ma che sono di natura farinosa o porosa, nonché per i muri eccessivamente sottoposti a fonti di umidità, bisognerò optare per le pitture per esterni in pilolite. Quella al quarzo silossanico andrà invece adoperata nei casi in cui le facciate siano esposte a grosse fonti di sole e calore e siano molto umide.

Per l'applicazione, è necessario un ponteggio stabile e sicuro, possibilmente a piombo. È inoltre necessario proteggere con dei teli le aiuole, le persiane e tutte le strutture in ferro battuto, e tagliare le piante rampicanti che si appoggiano sul muro da trattare.

Quali colori utilizzare per tinteggiare casa

Non è sempre facile avere chiare le idee per dipingere casa e scegliere il colore delle pareti di ogni singola stanza. Per far ciò bisogna tenere in considerazione anche alcune cose, come per esempio il tipo d’arredamento, lo stile che si vuol conferire ad ogni ambiente, il buon gusto negli accostamenti di colore e nelle varie decorazioni e così via.

Si può dire che le idee per dipingere casa in maniera moderna potrebbero essere influenzate da due differenti strade, la prima è quella dell’utilizzo di colori a seconda del proprio gusto, senza essere influenzati da mode, stili e tendenze; l’altra invece fa riferimento proprio ai quelli di tendenza e di esigenze strutturali dell’edificio, per esempio in un ambiente poco illuminato è bene scegliere tinte calde e viceversa, oppure in base alla dimensione dell’ambiente, le tinte scure tendono a far sembrare la stanza molto piccola a differenza dei colori chiari.

E’ bene sapere che ogni tonalità di colore conferisce alla stanza o all’intera casa delle diverse atrmosfere; proprio per questo è essenziale scegliere con criterio l’ideale colore per un determinato ambiente, sapendo che anche il bianco fa il suo effetto in quanto garantisce un ottima luminosità ad ogni ambiente e si abbina bene a qualsiasi tipo di arredamento. Molto utilizzati anche i bianchi sporchi, come il bianco ghiaccio, beige, bianco miele, bianco crema e tantissimi altri.

Gli altri colori, a seconda della gradazione, se più chiari o più scuri, conferiscono particolari sensazioni, le tonalità di rosa sono molto rilassanti e riposanti, utilizzati maggiormente per le camere da letto. Le tonalità di verde e di azzurro richiamano i colori della natura e ci portano serenità, ideali per le stanze di ragazzi o per il salotto. Infine le tonalità di rosso e di arancione conferiscono forza ed energie, abinati benissimo negli ambienti moderni.

Le differenti tecniche per dipingere casa

Oltre alla classica stesura di colore, esistono differenti modi e tecniche per dipingere i muri di tutta la casa o di una stanza in particolare. L’effetto tampone è un idea per donare alle mura della vostra abitazione un effetto stropicciato, si ottiene tamponando la parete con un panno, meglio se di daino, con un colore leggermente più scuro della base.

Un altra strategia per pitturare casa è tramite l’effetto chiamato a nido d’ape, si ottiene come per l’effetto tamponato ma in questo caso si deve utilizzare una spugna. L’effetto spennellata invece, si ottiene tramite l’utilizzo di pennelli di varia dimensione e colori Acrilici più scuri della base già colorata del muro.

Una operazione fondamentale per la ristrutturazione o comunque il rinnovamento della propria casa, è quella di riverniciare le pareti delle stanze. Operazione a prima vista semplice, ma è sempre meglio ricevere qualche consiglio che possa rendere il lavoro meno complicato del previsto.

Innanzitutto è consigliabile pitturare le pareti di casa a ridosso dell'estate, poichè sarà necessario tenere sempre le finestre aperte. Consigliamo inoltre di usare vernici non tossiche: esistono in commercio vernici naturali che riducono di molto l'impatto ambientale. Ma oltre al materiale usato, una grande importanza, anche a livello psicologico, riguarda il colore scelto, a seconda della stanza da pitturare.

Come procedere per verniciare una parete?

Prima di applicare la pittura sulle pareti vanno tolti tutti i quadri e quant'altro copra la superficie da dipingere, le tende e infine vanno posizionati tutti i mobili al centro della stanza o altrove. Bisogna poi ricoprire le prese elettriche con strisce di telo di plastica, fermandole con scotch di carta.

Lo stesso telo va applicato sul pavimento esu tutti i mobili, così da evitare che le macchie di vernice li rovinino.

Prima di procedere con la vernice, bisogna raschiare via la carta da parati o il vecchio colore con la carta vetrata. Passate poi una scopa su tutte le pareti per evitare che ci sia polvere che possa rovinare il lavoro..

Quando la superficie da verniciare è pronta, si prende il barattolo del colore facendo attenzione alle modalità d'uso indicate: qualche tipo di vernice fa diluito con acqua o acquaragia. A questo punto girate bene il colore con un pezzo di legno e preparate il rullo o i pennelli, ovviamente laddove necessario è bene Stuccare il Muro.

Da dove iniziare?

Bisogna cominciare dal soffitto, usando un rullo con un manico molto lungo per almeno 4 volte. Se ci sono punti rimasti bianchi, basta utilizzare un pennello con cui aggiustare le zone.

Con la stessa tecnica si passa ora alle pareti, ricordandosi di mettere dello scotch di carta sulle cornici delle porte e sui battiscopa.

Terminata la verniciatura, togliere tutte le strisce di telo e scotch, e ripassare i bordi con un pennello. A questo punto la stanza va lasciata almeno due giorni con le finestre e le porte aperto per far asciugare il colore e rendere vivibile l'ambiente.

La scelta della vernice

Per i propri interni una scelta importante riguarda la vernice da usare e saper scegliere la giusta quantità per non buttare via denaro, riuscendo a lavorare in low cost.

Ai tempi d’oggi infatti non tutti si possono permettere un imbianchino da chiamare e pagare a giornata così che alcune famiglie decidono di arrangiarsi facendo da sè questo lavoro. Tornando alle vernici, ne esistono sul mercato diversi tipi, come quella acrilica che ha un’alta copertura o quella isolante che sebbene costi un po di più della precedente permette di aumentare l’isolamente termico e acustico dell’interno.

La vernice inoltre deve basarsi anche a seconda dell’ambiente da pitturare: in cucina per esempio è consigliabile una che sappia resistere ai vapori mentre in generale sta aumentando la richiesta per quelle ecologiche, in un periodo in cui il green ha preso molto piede in Italia tanto che diverse aziende si sono convertite al “verde” per un maggior risparmio energetico e un minor impatto sull’ambiente. La scelta della pittura sembra banale ma riveste invece molta importanza anche dal punto di vista psicologico e in questi casi non bisogna trascurare una variabile come la proporzione della stanza:

  • Nel caso di soffitti alti, è consigliabile pitturare la parte bassa con colori chiari arrivando a quelli più scuri quando si arriva in cima al soffitto
  • Nel caso di soffitti bassi, bisogna scegliere una pittura chiara per far sembrare la stanza più alta. Alcuni consigliano di diminuire la gradazione man mano che aumenta l’altezza della facciata.
  • Nei corridoi lunghi e stretti, bosogna pitturare il lato corto con una vernice forte e scura, consigliabile calda in modo da catturare gli sguardi.
  • Nei locali piccoli, è consigliabile usare toni caldi e chiari, come ad esempio il bianco, che può aumentare l’effetto ottico di una stanza più grande




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Isolamento Acustico delle pareti: requisiti passivi e normative

Prima di tutto è bene chiarire che molti edifici sono costruiti seguendo la logica dell'isolamento acustico delle pareti architettonico. Questa logica annovera al proprio interno dei requisiti acustici passivi (le caratteristiche qualificanti le fonti sonoro/acustiche esterne ed interne nella costruzione di un edificio).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Antifurto casa: come aumenta la sicurezza con le smart home

Il fenomeno delle smart home sta conoscendo una costante e rapida crescita anche nel nostro Paese, con l'aumento del numero di abitazioni intelligenti. Proprio per questo motivo, si sta sviluppando una concezione inedita di comfort casalingo, destinato a rivoluzionare le abitudini delle persone in ogni angolo del mondo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La voltura del gas: procedura e documenti necessari

Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

Leggi tutto...
Go to Top