Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione, indipendente dal contratto di locazione principale e sovrapposto a quest’ultimo. Le condizioni del contratto di sublocazione sono regolate all’art. 262 CO. Il conduttore che non ha intenzione di rioccupare i locali e li subaffitta con il solo scopo di sostituirsi al locatore non rispetta le condizioni dell’art. 262 CO.

L’ospitare parenti o concubini, anche se partecipano al pagamento della pigione, non è considerato un contratto di sublocazione. Il conduttore può inoltre sublocare tutta o anche solo una parte dell'abitazione.

Opporsi al contratto di sublocazione

Il locatore può negare il suo consenso nei casi seguenti:

  • Il conduttore rifiuta di comunicargli le condizioni del contratto di sublocazione (art. 262 cpv. 2 let.A)
  • Le condizioni sono abusive
  • Causa al locatore un pregiudizio essenziale (art. 262 cpv. 2 let. c ): questa norma protegge il locatore principale ad esempio da un cambiamento sensibile della destinazione dei locali.

Il locatore come deve esprimere il consenso? Vale anche per la locazione commerciale?

Immagine per contratto di sublocazione

Il consenso del locatore può essere orale o scritto ma anche risultare da atti concludenti; per prudenza il locatore comunicherà per iscritto il suo consenso nel termine di 20 giorni. Nei casi di abitazione familiare, il consenso del locatore deve essere richiesto da entrambi i coniugi.

In caso di modifica delle condizioni del contratto di sublocazione, il locatore può ritirare il suo consenso notificando, tramite il modulo ufficiale per le modifiche unilaterali del contratto di sublocazione al conduttore principale, il suo dissenso.

Disdetta e cedolare secca

Il contratto principale può essere disdetto anticipatamente secondo l’art. 257 f CO se:

  • il conduttore non comunica le condizioni del contratto di sublocazione;
  • non rispetta il rifiuto giustificato del locatore di acconsentire alla sublocazione;

I rapporti ad uso abitativo e/o per un ufficio (anche per quel che riguarda gli studenti)

Il conduttore principale è responsabile per il comportamento del sub conduttore (ad esempio se danneggia l’ente locato, oppure non libera i locali alla fine del contratto di locazione principale) ed é tenuto al pagamento della pigione se il sub conduttore non paga la pigione.

I rapporti fra il locatore e il conduttore principale: la registrazione e l'ape

Inoltre l’art. 262 cpv. 3 CO prevede che il conduttore principale è responsabile verso il locatore nei casi in cui il sub conduttore usasse l'ente locato in modo diverso da quello permesso al conduttore principale. Una relazione contrattuale esiste solo fra locatore e conduttore principale e fra conduttore principale e sub conduttore.

I rapporti fra il locatore e il sub conduttore

Immagine per contratto di sublocazione

Solo in quattro casi esiste un rapporto giuridico diretto fra il locatore e il sub conduttore:

  • L'art. 262 cpv. 3 CO dà la possibilità al locatore di rivolgersi direttamente al sub conduttore per obbligarlo a usare l’ente locato conformemente all’uso permesso dal contratto principale.
  • L'art. 268 cpv. 2 CO estende il diritto di ritenzione del locatore di locali commerciali agli oggetti del sub conduttore, nella misura in cui questi non abbia pagato la pigione al sublocatore.
  • Se la il contratto di sublocazione è volta a eludere disposizioni sulla protezione delle disdette, il sub conduttore beneficia di questa protezione senza riguardo alla locazione principale.

I rapporti con il sub conduttore in caso di uso transitorio

Esiste un contratto di locazione, al quale si applicano tutte le disposizioni degli art. 253 e seguenti del CO, fra il conduttore principale e il sub conduttore. Il contratto principale di locazione ha un’influenza per quanto concerne: l’esame di un aumento o di una diminuzione della sub pigione; l'autorizzazione dei lavori o delle modifiche dell’ente locato senza il consenso del locatore. In caso di difetti dell’ente locato notificati dal sub conduttore, il conduttore principale deve informare il locatore immediatamente.




Potrebbe interessarti

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi anche...

Validità della SCIA: tutto sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Validità della SCIA

In merito ai lavori edilizi, al fine di evitare l’enorme piaga dell’abusivismo edilizio sono stati realizzati dallo Stato italiano determinati atti amministrativi utili a regolarizzare le opere sugli immobili e la loro corretta costruzione. Oltre alla DIA Ordinaria e alla Super DIA, alcune regioni italiane applicano la SCIA.

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette: quel che c'è da sapere

domiciliazione bancaria

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Go to Top