In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Il forte interesse dei media verso la Bioedilizia ha portato anche l'Italia a riconoscere i vantaggi di case in legno: un materiale economico, sano e in armonia con l'ambiente.

Perchè scegliere di costruire una casa in legno

Il primo passo da fare è quello di avere un terreno edificabile, e una volta sistemate le fondamenta, acquistare la casa più adatta alle proprie esigenze. Esistono molte ditte a cui fare riferimento per l'acquisto vantaggioso di case in legno: i tempi di costruzione da parte degli operai è di circa 30 giorni per una casa di 100 mq.

I vantaggi della scelta di stabilirsi in una casa in legno sono numerosi:

  • innanzitutto vi è un forte risparmio energetico, poichè il legno è un ottimo isolante termico: l'ambiente risulterà quindi caldo, salubre, naturale e accogliente.
  • Il legno attira poi pochissima polvere e dunque sarà più comodo pulire l'interno di una casa in legno. Il colore tipico del legno poi risulta molto rilassante per la vista.
  • la casa in legno è evidentemente costruita con materiali rinnovabili e riciclabili, per cui chi fa questa scelta è sensibile verso la tematica ambientale e la qualità della vita; ma non solo: il legno dura molto più a lungo dei normali materiali da costruzione e dunque è assai resistente al trascorrere degli anni.

Per concludere, ecco altre caratteristiche che potrebbero indirizzare alla scelta di una abitazione del genere:

  • Tempi di realizzazione, consegna e montaggio rapidi
  • Garanzia dei costi fissi
  • Antisismica
  • Consuma pochissima energia nelle fasi di produzione e posa
  • Non rilascia emissioni, polveri o fibre nocive durante l'impiego
  • E' facilmente trasportabile

Iter burocratico per costruire una casa di legno 

Forse il passaggio più complicato per arrivare a costruirsi una propria abitazione è quello iniziale, ovvero acquistare il terreno adatto con le necessarie caratteristiche di edificabilità. Per ottenere i permessi, bisogna effettuare una programmazione con l'autorità locale, in cui si disporranno tutte le norme del caso e si dovranno accettare eventuali restrizioni riguardo le dimensioni della casa in legno e il tipo di materiali da usare per il tetto ad esempio.

Una volta che la legislazione dell'autorità locale è a vostro favore, potete iniziare a progettare secondo quanto concordato nel permesso. A questo punto si contatta la ditta che effettuerà la consegna, per determinare il progetto e ottenere un preventivo dettagliato.

E' necessario un'ulteriore passaggio, che consiste nel fare domanda per la concessione edilizia, in quanto anche nel caso della costruzione di case in legno, siano esse pubbliche o private, sono necessarii consueti adempimenti burocratici e amministrativi che valgono per la normale edilizia: calcoli strutturali e configurazione dei vari impianti di riscaldamento, elettricità, idraluica). Per questo passaggio ci si rivolge come di consueto ad un architetto o ignegnere o geometra che farà da garante presso il comune del rispetto della normativa.

Molte ditte che si occupano di progetti di questo tipo, hanno esigenze particolari al momento della costruzione, per cui sono necessari alcuni accorgimenti:il materiale può necessitare di un ampio luogo di scarico accessibile ad automezzi che possono arrivare anche a 17 metri di lunghezza e 3 tonnellata di peso. Può essere necessario mettere a disposizione mezzi pesanti di scarico materiale, come muletti o gru e far trovare una presa elettrica attiva per poter lavorare con gli attrezzi.alcune ditte hanno anche la necessità di vitto e alloggio per i propri operai.

Al termine dei lavori, è importante rifinirela casa in legno con dei prodotti consigliati dalla casa di produzione, quali impregnanti antimuffa, antibatteri, resistenti ai raggi UV e al fuoco.

La scelta delle pareti

La componente più importante e vantaggiosa delle case in legno è sicuramente la parete. Solitamente, sia le pareti esterne che quelle interne vengono realizzate secondo il metodo BLOKHAUS (dal tedesco: costruzione a blocchi). Questo è il metodo più antico con cui venivano effettuate le case in legno, ed ancora oggi la fa da padrone. Si tratta di un sistema di incastro a perline sovrapposto, che permette una facile e rapida costruzione delle case in legno. Vengono utilizzati dei tronchi in legno massiccio o lamella di tipi di pianta diversi; anche le dimensioni dei tronchi sono variabili, vengono incastrati e sovrapposti fra di loro fino a formare la parete desideata, dando gran stabilità e resistenza alla parete della casa in legno.

Tipologie delle mura e delle pareti

Esistono diversi tipi di pareti a seconda del metodo e del tipo di tronco utilizzato:

  • a tronco tondo: la parete esterna e quella interna sono costruite in legno massiccio di pino nordico, daldiametro variabile fra i 170 e i 250 mm. Solitamente per realizzarla vengono messi a disposizione dei tronchi già pronti al montaggio grazie a particolari incastri; i tronchi sono trattati con un impregnante certificato per il legno e le pareti vengono già adibite ad ospitare l'impianto elettrico;
  • a tronco squadrato: la parete esterna e quella interna sono costruite in legno massiccio di abete nordico, dallo spessore variabile fra i 70 e 140 mm. Il resto delle caratteristiche è simile alle pareti a tronco tondo;
  • parete doppia: la parete esterna e quella interna sono costruite in legno d'abete nordico massiccio; la struttura è costituita in massiccio con intercapedine, formata da tronchi quadrati dallo spessore di 70 mm, poi si lascia spazio all'intercapedine e si dispongono atri tronchi quadrati dello spessore di 70 mm. Il resto delle caratteristiche è simile alle pareti a tronco tondo, anche se in questo caso per via dell'intercapedine non vi sarà bisogno di ulteriori rivestimento per la coibentazione.
  • parete squadrata in legno lamellare: la parete esterna ha uno spessore di 180 mm, mentre la parete interna ha spessore di 114 mm; viene usato legno lamellare d'abete nordico. Il resto delle caratteristiche è simile alle pareti a tronco tondo.

 





Potrebbe interessarti

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come arredare la camera da letto? Alcuni consigli!

Dopo aver preso la decisione di acquistare o prendere in affitto un immobile, a meno che l'abitazione in questione non sia in buono stato e arredata, sono necessarie delle modifiche più o meno complesse: tubature, verniciatura, sostituzione infissi e così via. Solo dopo tutti questi lavori ci si potrà dedicare all'arredamento degli interni della vostra casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top