Se stai cambiando abitazione oppure hai bisogno di arredare casa nuovamente, l’articolo che pubblichiamo oggi farà davvero al caso vostro. Riportiamo di seguito una lista di alcuni dei migliori negozi di arredamento e mobili a Napoli, in questi punti vendita potrete trovare assistenza alla scelta e una vasta gamma di prodotti e servizi per ogni esigenza e ambiente: dalla cucina alla zona giorno, divani, letti per la zona notte e complementi d'arredo classici o di design.

Mobili e Arredo a Napoli

De Riso Group
Una delle realtà più interessanti nel panorama immobiliare partenopeo. Qui troverai un vasto assortimento di mobili di tutti i tipi. Visita la sede e rimarrai stupito.

80146 (NA)

135/d, v. Reggia Portici

tel: 081 5592201

fax:081 5590343

Partenufficio sas

Se avete bisogno di una camera da letto o di una cucina questo negozio di mobili napoletano fa davvero al caso vostro. Visitate la sede e sarete accolti con una professionalità non indifferente.

80146 (NA)

43, v. Ponte Francesi

tel: 081 7520202

fax:081 5591940

Arredamenti Valentina Galotti

Alto arredamento a prezzi vantaggiosi. Probabilmente è questo il segreto del successo di questo negozio. Da anni propone mobili di qualità a buon mercato, un riferimento per il pubblico partenopeo.

80128 (NA)

16, v. Verrotti

tel: 081 5789150

Cidieli Draminox srl

Uno dei negozi di mobili più rinomati di Napoli. La città partenopea mette a disposizione una serie di possibilità, sotto questo punto di vista, non indifferenti.

80126 (NA)

27/31, v. Piave

tel: 081 643903

fax:081 646944

Kng srl
Arredare un nuovo appartamento è sempre una gioia. La famiglia che si unisce nell’acquisto di mobili particolari e adatti alle esigenze di ognuno. Sta proprio in questo la forza di questo negozio di forniture per la casa.

80100 (NA)

32, v. Nuova Campo

tel: 081 7511272

p>fax:081 7511272

BI.AN.CO. snc

Dai uno sguardo anche tu alle proposte di questo negozio per l'arredamento. Scopri se sei più per la classicità o la modernità. Mobili di qualità a buon mercato.

80137 (NA)

188, v. Foria

tel: 081 2508272, 081 440502

fax:081 5848666

Mobili classici o moderni?

Se non avete delle idee su come arredare casa a Napoli, può sorgere il dubbio tra lo scegliere uno stile classico o uno moderno. La scelta dello stile dei mobili è, infatti, importante per dare una direzione al nostro arredamento. Possiamo scegliere di arredare tutto l’appartamento con mobili classici o solo con mobili moderni, oppure possiamo azzardarci mescolando i due stili. Questa scelta non è impossibile da realizzare e nello stesso tempo non è facile scegliere i giusti pezzi da abbinare. Per questo, un negozio di mobili e arredamento può aiutarci nella scelta grazie alla presenza, in genere, di un arredatore d’interni.

I mobili classici sono considerati i migliori poiché sono realizzati con legni e materiali pregiati che ne arricchiscono la qualità. Questi mobili sono particolari grazie alle rifiniture elaborate e ai dettagli che ne garantiscono l’unicità. Inoltre, si presentano molto bene e trasmettono solidità rendendoli indistruttibili nel tempo. Un’altra caratteristica dei mobili classici è la loro eleganza e raffinatezza, poichè sono di ottima qualità e lavorati a mano. Si può scegliere tra due tipologie di stile, quello inglese o Vittoriano, e quello francese o Luigi XVI.
Tutt’altra cosa sono i mobili antichi che hanno un valore e un costo molto elevato, per questo sono sostituiti molto bene da quei mobili classici di cui abbiamo già parlato.

I mobili moderni partenopei, invece, sono costruiti soprattutto con altri materiali che imitano il vero legno, in alluminio o laminato. Presentano alcuni svantaggi come la minor durata nel tempo e la diminuzione di valore estetico in quanto dopo qualche anno dall’acquisto passano di moda. Non per questo, scegliere un’arredamento moderno, giovane e fresco sia una cosa negativa. In ogni caso, se non si è vincolati dal tipo di abitazione in cui verranno collocati i mobili, la scelta di uno stile piuttosto che l’altro dipende dai gusti personali.

Mescolare gli stili

Una tendenza attuale è di mescolare i due stili, classico e moderno. Nel prendere questa decisione bisogna fare attenzione a non creare un’accozzaglia di mobili e oggetti totalmente diversi. In generale, ci deve essere uno stile predominante che viene contaminato da qualche pezzo dello stile opposto.
Ad esempio, se l’arredamento è moderno, inserire un complemento di stile classico o antico darà all’ambiente un’apparenza diversa, più elegante. Se l’arredamento è classico, invece, si può scegliere di abbinare uno oggetto molto moderno ma di piccole dimensioni.



Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

I più condivisi

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sfratto: procedure, proroghe ed esecuzione

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come riparare una serranda

La casa (il concetto vale sia per la prima che per l'eventuale seconda) necessita di un certo tipo di manutenzione. Ogni stanza ha le sue criticità specifiche. Uno degli elementi che accomuna i vari ambienti casalinghi è quello relativo agli infissi delle finestre e alle serrande che ne fanno da corredo. Oggi proponiamo un approfondimento su come porre rimedio ad alcuni piccoli e comuni incidenti che riguardano questi elementi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Leggi tutto...
Go to Top