Avere una casa di proprietà, si sa, è una delle massime aspirazioni di moltissimi italiani ed averne una anche dotata di un ampio e bellissimo giardino, dove magari svolgere delle feste oppure poter giocare con i propri bambini o tenere i propri animali domestici, rappresenta un vero e proprio sogno. Tuttavia, un sogno che ha anche aspetti problematici, come la sua manutenzione. A questo proposito, è possibile chiedere l'intervento periodico di un giardiniere oppure ci si deve accontentare dell'approssimativo "fai da te".

In una magnifica città come Roma, così come in altre località piccole o grandi che siano, si possono ammirare tanti bellissimi e suggestivi giardini all'interno di abitazioni più o meno ampie, curati sia grazie ad una manutenzione costante ed attenta di professionisti che all'attenzione dei loro proprietari. Se infatti tanto dipende da quest'ultimo aspetto, moltissimo invece dipende dall'esperienza e dalle capacità dei giardinieri che vi lavorano. Scopriamo quindi cosa si può fare per tenere pulito il proprio angolo verde di casa e come scegliere invece un buon giardiniere.

Come mantenere pulito un giardino

Questo ambiente, a causa della trascuratezza, del vento, del maltempo o della presenza di eventuali animali, può facilmente deteriorarsi e non essere accogliente e ordinato come lo si vorrebbe. Per evitare di contattare frequentemente un giardiniere e mantenerlo almeno presentabile ad eventuali ospiti, si possono svolgere piccoli lavoretti che aiutano a curarlo e conservarlo. Tutto ciò, naturalmente, non esime dal chiamare in seguito un professionista, che possa svolgere lavori più accurati ed efficienti.

Una delle prime cose è eliminare le erbacce presenti nel giardino e che magari nel corso del tempo sono cresciute. Esistono diversi metodi a questo proposito.Tra i più semplici ma anche faticosi, vi è senz'altro quello di estirparle a mano, mentre tra quelli più veloci vi è l'uso di tosaerba meccanici. Una volta raccolte tali erbacce, si possono unire ad altri scarti vegetali per ottenerne poi del compost. Si potrebbero utilizzare anche mezzi chimici, quali i diserbanti, tuttavia il loro utilizzo è consigliabile sia effettuato da giardinieri professionisti e soltanto in casi necessari.

Da eliminare vi possono essere anche eventualmente foglie o fiori morti o rami secchi. Anche in questo caso, si possono riunire assieme ad altri residui vegetali e posti in contenitori per il compostaggio oppure, nel caso di quantità considerevoli, in grandi buste da portare in qualche centro cittadino per la raccolta dei rifiuti (a Roma, ad esempio, denominati isole ecologiche). Non resta a questo punto che spazzare, ove presenti, i sentieri del giardino con una ramazza.

Scegliere un buon giardiniere

Se si è pigri e non si vuole perder tempo anche in una pulizia veloce ed approssimativa del proprio giardino oppure, a seguito di tale pulizia, si vuole una cura periodica ed efficiente di questo, è possibile rivolgersi ad un professionista del settore. A Roma, poi, ne sono presenti diversi da contattare, per ogni genere di esigenza e spazi verdi. Tuttavia, come è possibile effettuare una buona scelta da questo punto di vista e non incorrere, invece, in persone che potrebbero addirittura rovinare piante e giardino?

Innanzitutto, si potrebbero prendere informazioni da amici o parenti, che magari ne abbiano già utilizzato uno e che ne siano rimasti soddisfatti. E' essenziale comunque che la persona sia competente e qualificata, magari con attestazioni ove possibile. Inoltre, deve possedere adeguate conoscenze su come trattare e curare piante, fiori e tutto l'universo vegetale che si può trovare in un giardino.

Altro elemento importante è l'uso di attrezzature e strumenti che permettano un lavoro in tutta sicurezza. Infatti bisogna diffidare di quei soggetti che si presentano con abbigliamento poco adatto a questo genere di attività e soprattutto senza elementi protettivi per mani, viso e corpo in generale. Accorgimenti che valgono ancor di più nel caso si lavorasse a determinate altezze.

Infine, per quanto riguarda le tariffe, la remunerazione di un giardiniere a Roma, così come in altre località, varia in base al tipo di lavoro da effettuare e dalla grandezza dell'area su cui si deve svolgere. Se per un apprendista si potrebbero spendere in media poco meno di 10 Euro l'ora, per un professionista esperto, che esegua lavori di vario genere nel giardino, si può partire dai 35 Euro in poi, fino ad arrivare addirittura a qualche centinaio di Euro per le attività più complesse e pesanti.



Potrebbe interessarti

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Crisi dei subprime: facciamo chiarezza

La crisi dei mutui subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sfratto: procedure, proroghe ed esecuzione

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cosa fare (e non fare) in caso di fuga di gas

Gli incidenti domestici sono molto più probabili di quello che si pensi. Occorre stabilire delle priorità e soprattutto ricordarsi di delineare delle zone di pericolo da curare in maniera particolare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top