Avere una casa di proprietà, si sa, è una delle massime aspirazioni di moltissimi italiani ed averne una anche dotata di un ampio e bellissimo giardino, dove magari svolgere delle feste oppure poter giocare con i propri bambini o tenere i propri animali domestici, rappresenta un vero e proprio sogno. Tuttavia, un sogno che ha anche aspetti problematici, come la sua manutenzione. A questo proposito, è possibile chiedere l'intervento periodico di un giardiniere oppure ci si deve accontentare dell'approssimativo "fai da te".

In una magnifica città come Roma, così come in altre località piccole o grandi che siano, si possono ammirare tanti bellissimi e suggestivi giardini all'interno di abitazioni più o meno ampie, curati sia grazie ad una manutenzione costante ed attenta di professionisti che all'attenzione dei loro proprietari. Se infatti tanto dipende da quest'ultimo aspetto, moltissimo invece dipende dall'esperienza e dalle capacità dei giardinieri che vi lavorano. Scopriamo quindi cosa si può fare per tenere pulito il proprio angolo verde di casa e come scegliere invece un buon giardiniere.

Come mantenere pulito un giardino

Questo ambiente, a causa della trascuratezza, del vento, del maltempo o della presenza di eventuali animali, può facilmente deteriorarsi e non essere accogliente e ordinato come lo si vorrebbe. Per evitare di contattare frequentemente un giardiniere e mantenerlo almeno presentabile ad eventuali ospiti, si possono svolgere piccoli lavoretti che aiutano a curarlo e conservarlo. Tutto ciò, naturalmente, non esime dal chiamare in seguito un professionista, che possa svolgere lavori più accurati ed efficienti.

Una delle prime cose è eliminare le erbacce presenti nel giardino e che magari nel corso del tempo sono cresciute. Esistono diversi metodi a questo proposito.Tra i più semplici ma anche faticosi, vi è senz'altro quello di estirparle a mano, mentre tra quelli più veloci vi è l'uso di tosaerba meccanici. Una volta raccolte tali erbacce, si possono unire ad altri scarti vegetali per ottenerne poi del compost. Si potrebbero utilizzare anche mezzi chimici, quali i diserbanti, tuttavia il loro utilizzo è consigliabile sia effettuato da giardinieri professionisti e soltanto in casi necessari.

Da eliminare vi possono essere anche eventualmente foglie o fiori morti o rami secchi. Anche in questo caso, si possono riunire assieme ad altri residui vegetali e posti in contenitori per il compostaggio oppure, nel caso di quantità considerevoli, in grandi buste da portare in qualche centro cittadino per la raccolta dei rifiuti (a Roma, ad esempio, denominati isole ecologiche). Non resta a questo punto che spazzare, ove presenti, i sentieri del giardino con una ramazza.

Scegliere un buon giardiniere

Se si è pigri e non si vuole perder tempo anche in una pulizia veloce ed approssimativa del proprio giardino oppure, a seguito di tale pulizia, si vuole una cura periodica ed efficiente di questo, è possibile rivolgersi ad un professionista del settore. A Roma, poi, ne sono presenti diversi da contattare, per ogni genere di esigenza e spazi verdi. Tuttavia, come è possibile effettuare una buona scelta da questo punto di vista e non incorrere, invece, in persone che potrebbero addirittura rovinare piante e giardino?

Innanzitutto, si potrebbero prendere informazioni da amici o parenti, che magari ne abbiano già utilizzato uno e che ne siano rimasti soddisfatti. E' essenziale comunque che la persona sia competente e qualificata, magari con attestazioni ove possibile. Inoltre, deve possedere adeguate conoscenze su come trattare e curare piante, fiori e tutto l'universo vegetale che si può trovare in un giardino.

Altro elemento importante è l'uso di attrezzature e strumenti che permettano un lavoro in tutta sicurezza. Infatti bisogna diffidare di quei soggetti che si presentano con abbigliamento poco adatto a questo genere di attività e soprattutto senza elementi protettivi per mani, viso e corpo in generale. Accorgimenti che valgono ancor di più nel caso si lavorasse a determinate altezze.

Infine, per quanto riguarda le tariffe, la remunerazione di un giardiniere a Roma, così come in altre località, varia in base al tipo di lavoro da effettuare e dalla grandezza dell'area su cui si deve svolgere. Se per un apprendista si potrebbero spendere in media poco meno di 10 Euro l'ora, per un professionista esperto, che esegua lavori di vario genere nel giardino, si può partire dai 35 Euro in poi, fino ad arrivare addirittura a qualche centinaio di Euro per le attività più complesse e pesanti.

Arredare il proprio giardino: ecco alcuni consigli

Dopo aver sistemato il proprio giardino, una buona idea potrebbe essere quella di arredarlo in maniera tale da rendere l’ambiente esterno accogliente, valorizzando interamente la propria abitazione.

Anche se il vostro giardino può essere di piccole dimensioni sappiate che basta davvero poco per renderlo visivamente interessante.
Il primo passo da compiere, sicuramente, è quello di scegliere lo stile e per questo non potrete che ricorrere ai vostri gusti magari lasciandovi ispirare dai cataloghi o da semplici ricerche su internet.

Una volta fatto ciò vi basterà cercare gli elementi indispensabili per un giardino in linea con lo stile scelto, tenendo sempre a mente che lo state facendo, probabilmente, per accogliere amici e parenti in situazioni più o meno particolari, in occasioni più o meno ufficiali, per questo è importante che gli elementi scelti siano adatti sia ad unafesta che ad una semplice chiacchierata tra amici.

Tra gli elementi a cui sicuramente non dovete rinunciare vi sono il tavolo e le sedie, in questo caso vi consigliamo di preferire quelle in materiali più resistenti in modo tale da poter lasciare il proprio giardino arredato anche durante l’inverno (ricordandosi sempre di mantenerli il più possibile puliti dopo le piogge).
Un altro elemento indispensabile è avere una buona copertura, scegliete quindi un gazeboun ombrellone che siano in grado di proteggervi dall’umidità durante le ore serali (estive e non) e dai raggi solari durante le ore diurne, creando quindi uno spazio all’ombra.

Il nostro consiglio, in questo caso, è quello di scegliere versioni richiudibili che vi permettano di gestire meglio gli spazi e di conservarle se e quando necessario.
Può essere utile, inoltre, un discreto sistema di illuminazione che vi permetta, magari, di giocare a carte con i vostri amici o di scegliere un buon gioco da tavolo o, semplicemente, di poter stare meglio insieme.

Per donare maggior stile al vostro giardino potreste aggiungere, per esempio, dei cuscini, una tovaglia sul tavolo, un vaso, delle candele, insomma, qualcosa che parli di voi e che allo stesso tempo renda il vostro giardino un luogo “progettato” e personale.
Infine, se avete dei bambini in casa o molti amici con figli e/o parenti di piccola età, potreste allestire una piccola area giochi per loro, magari uno spazio in cui potersi sedere in disparte, con un piccolo tavolino e qualche piccola sedia in modo tale che possano sentirsi anche loro coinvolti.

 

Che cos’è una motosega da potatura?

Come si evince dal nome stesso una motosega da potatura va utilizzata per sfoltire svariate tipologie di alberi e arbusti in un qualsiasi contesto verdeggiante sia esso un giardino o un luogo di campagna. Detto ciò va altresì aggiunto che si tratta di un utensile molto versatile e che consente di lavorare in massima sicurezza sia da terra (potatura di una siepe) che a determinate altezze (sfoltimento di alberi). Ovviamente affinché ciò sia possibile, è fondamentale disporre dello strumento giusto e potente come ad esempio quello da 1,5 kW che permette di tagliare alberi con tronchi di diametro medio o piccolo.

Le specifiche tecniche della motosega da potatura

Quando si tratta di scegliere una motosega da potatura è necessario analizzarne a fondo le specifiche tecniche e le funzionalità che è in grado di offrire. In primis bisogna considerarne la compattezza e in tal senso una motosega da potatura professionale vanta questo requisito, e di conseguenza risulta molto meno ingombrante rispetto ad altri modelli presenti sul mercato tradizionale ed online. In secondo luogo, va valutato il peso che nel caso del suddetto modello è inferiore agli standard, così come la presenza della barra corta ossia quella di guida di potatura variabile da 25 a 35 cm di lunghezza.

Per fare degli esempi in merito, è importante sottolineare che alcuni modelli di motosega da potatura montano barre da 25 cm, mentre altri sono in grado di eseguire il lavoro sia con barre da 30 che da 35 cm. Infine va detto che la motosega in oggetto vanta un’impugnatura molto alta e pratica, in quanto tutti gli altri pulsanti indispensabili si trovano nella medesima posizione come nel caso della leva di accelerazione o di arresto. La versatilità del modello di motosega da potatura va tuttavia oltre quanto sin qui descritto. Lo strumento infatti monta non solo le lame standard, ma consente anche di sostituirle all’occorrenza con altre come quella corta, triangolare o a punta sottile. A margine vale la pena aggiungere che la gamma di motoseghe da potatura si propone di tre tipologie ossia con alimentazione a benzina, elettrica oppure a batteria.

Come scegliere la motosega in base alla tipologia di potatura

Una volta messi in luce i grandi vantaggi offerti da una motosega da potatura, va aggiunto che la scelta di un modello è subordinata anche alla tipologia di lavori da fare, alla frequenza di utilizzo e alla durata delle operazioni. Questi tre fattori sono determinanti in quanto consentono di acquistarla in relazione agli arbusti e al tipo di legno che vantano (duro o morbido), così come in termini di potenza. Quest’ultima stabilisce la forza del motore che deve essere proporzionata alla quantità di lavoro che l’utensile deve svolgere e in base allo spessore dei rami da tagliare. In generale, le motoseghe da potatura a scoppio sono quelle più potenti disponibili oggi sia sul mercato tradizionale che sugli store online preposti alla vendita di utensili e strumenti per il giardinaggio fai da te.

Stabilire esattamente per che cosa si utilizzerà la motosega

Le motoseghe sono strumenti versatili che possono essere utilizzati per una varietà di compiti, dalla potatura dei rami all'abbattimento degli alberi. Prima di acquistare una motosega, è importante determinare esattamente l'uso che ne verrà fatto. Questo aiuterà a garantire la scelta del modello e delle caratteristiche corrette.

Considerare le dimensioni della motosega da acquistare

Per un uso occasionale e leggero, come la potatura di rami o il taglio di legna da ardere, può essere sufficiente una piccola motosega elettrica (relativamente leggere e facili da usare). Tuttavia, potrebbero non avere una potenza sufficiente per affrontare compiti più impegnativi.

Se la motosega verrà utilizzata più frequentemente o per compiti più impegnativi, come l'abbattimento di alberi, un modello a gas può essere un'opzione migliore. Queste tipologie di strumenti sono più potenti, ma anche più pesanti e rumorose (possono anche richiedere una maggiore manutenzione rispetto ai modelli elettrici).

Scegliere le caratteristiche più importanti

Esiste una varietà di caratteristiche disponibili su diversi modelli di motosega. Alcune caratteristiche, come l'oliatore automatico della catena, possono rendere la motosega più facile da usare e da mantenere.

Consideri il prezzo e la marca

Come per qualsiasi acquisto, è importante confrontare i prezzi e le marche prima di prendere una decisione. In generale, i modelli più costosi offrono più funzioni e migliori prestazioni. Tuttavia, possono esistere opzioni più economiche che sono sufficienti per lo scopo prefissato.

Vale la pena considerare anche la marca della motosega. Alcuni marchi hanno la reputazione di essere più affidabili rispetto ad altri. Leggere le recensioni online può essere un modo utile per confrontare marche e modelli.

In sintesi, prima di acquistare una motosega, è importante considerare quanto segue:

  • Per cosa verrà utilizzata la motosega
  • Le dimensioni della motosega
  • Le caratteristiche più importanti
  • Il prezzo
Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Detrazione sull'affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

I più condivisi

Telemutuo è affidabile: ecco quali sono i requisiti e come procedere

Esistono dei mutui che non sono votati al solo acquisto di una casa già pronta per essere abitata. All'interno dello scenario economico italiano, dove i giovani escono dalla casa dei genitori molto tardi, le istituzioni di concerto con le banche hanno avviato una serie di manovre e agevolazioni per favorire le persone ad acquistare immobili in cui andare a vivere, aiutandole a superare le difficoltà economiche.

Go to Top