Avere una casa di proprietà, si sa, è una delle massime aspirazioni di moltissimi italiani ed averne una anche dotata di un ampio e bellissimo giardino, dove magari svolgere delle feste oppure poter giocare con i propri bambini o tenere i propri animali domestici, rappresenta un vero e proprio sogno. Tuttavia, un sogno che ha anche aspetti problematici, come la sua manutenzione. A questo proposito, è possibile chiedere l'intervento periodico di un giardiniere oppure ci si deve accontentare dell'approssimativo "fai da te".

In una magnifica città come Roma, così come in altre località piccole o grandi che siano, si possono ammirare tanti bellissimi e suggestivi giardini all'interno di abitazioni più o meno ampie, curati sia grazie ad una manutenzione costante ed attenta di professionisti che all'attenzione dei loro proprietari. Se infatti tanto dipende da quest'ultimo aspetto, moltissimo invece dipende dall'esperienza e dalle capacità dei giardinieri che vi lavorano. Scopriamo quindi cosa si può fare per tenere pulito il proprio angolo verde di casa e come scegliere invece un buon giardiniere.

Come mantenere pulito un giardino

Questo ambiente, a causa della trascuratezza, del vento, del maltempo o della presenza di eventuali animali, può facilmente deteriorarsi e non essere accogliente e ordinato come lo si vorrebbe. Per evitare di contattare frequentemente un giardiniere e mantenerlo almeno presentabile ad eventuali ospiti, si possono svolgere piccoli lavoretti che aiutano a curarlo e conservarlo. Tutto ciò, naturalmente, non esime dal chiamare in seguito un professionista, che possa svolgere lavori più accurati ed efficienti.

Una delle prime cose è eliminare le erbacce presenti nel giardino e che magari nel corso del tempo sono cresciute. Esistono diversi metodi a questo proposito.Tra i più semplici ma anche faticosi, vi è senz'altro quello di estirparle a mano, mentre tra quelli più veloci vi è l'uso di tosaerba meccanici. Una volta raccolte tali erbacce, si possono unire ad altri scarti vegetali per ottenerne poi del compost. Si potrebbero utilizzare anche mezzi chimici, quali i diserbanti, tuttavia il loro utilizzo è consigliabile sia effettuato da giardinieri professionisti e soltanto in casi necessari.

Da eliminare vi possono essere anche eventualmente foglie o fiori morti o rami secchi. Anche in questo caso, si possono riunire assieme ad altri residui vegetali e posti in contenitori per il compostaggio oppure, nel caso di quantità considerevoli, in grandi buste da portare in qualche centro cittadino per la raccolta dei rifiuti (a Roma, ad esempio, denominati isole ecologiche). Non resta a questo punto che spazzare, ove presenti, i sentieri del giardino con una ramazza.

Scegliere un buon giardiniere

Se si è pigri e non si vuole perder tempo anche in una pulizia veloce ed approssimativa del proprio giardino oppure, a seguito di tale pulizia, si vuole una cura periodica ed efficiente di questo, è possibile rivolgersi ad un professionista del settore. A Roma, poi, ne sono presenti diversi da contattare, per ogni genere di esigenza e spazi verdi. Tuttavia, come è possibile effettuare una buona scelta da questo punto di vista e non incorrere, invece, in persone che potrebbero addirittura rovinare piante e giardino?

Innanzitutto, si potrebbero prendere informazioni da amici o parenti, che magari ne abbiano già utilizzato uno e che ne siano rimasti soddisfatti. E' essenziale comunque che la persona sia competente e qualificata, magari con attestazioni ove possibile. Inoltre, deve possedere adeguate conoscenze su come trattare e curare piante, fiori e tutto l'universo vegetale che si può trovare in un giardino.

Altro elemento importante è l'uso di attrezzature e strumenti che permettano un lavoro in tutta sicurezza. Infatti bisogna diffidare di quei soggetti che si presentano con abbigliamento poco adatto a questo genere di attività e soprattutto senza elementi protettivi per mani, viso e corpo in generale. Accorgimenti che valgono ancor di più nel caso si lavorasse a determinate altezze.

Infine, per quanto riguarda le tariffe, la remunerazione di un giardiniere a Roma, così come in altre località, varia in base al tipo di lavoro da effettuare e dalla grandezza dell'area su cui si deve svolgere. Se per un apprendista si potrebbero spendere in media poco meno di 10 Euro l'ora, per un professionista esperto, che esegua lavori di vario genere nel giardino, si può partire dai 35 Euro in poi, fino ad arrivare addirittura a qualche centinaio di Euro per le attività più complesse e pesanti.

Arredare il proprio giardino: ecco alcuni consigli

Dopo aver sistemato il proprio giardino, una buona idea potrebbe essere quella di arredarlo in maniera tale da rendere l’ambiente esterno accogliente, valorizzando interamente la propria abitazione.

Anche se il vostro giardino può essere di piccole dimensioni sappiate che basta davvero poco per renderlo visivamente interessante.
Il primo passo da compiere, sicuramente, è quello di scegliere lo stile e per questo non potrete che ricorrere ai vostri gusti magari lasciandovi ispirare dai cataloghi o da semplici ricerche su internet.

Una volta fatto ciò vi basterà cercare gli elementi indispensabili per un giardino in linea con lo stile scelto, tenendo sempre a mente che lo state facendo, probabilmente, per accogliere amici e parenti in situazioni più o meno particolari, in occasioni più o meno ufficiali, per questo è importante che gli elementi scelti siano adatti sia ad una festa che ad una semplice chiacchierata tra amici.

Tra gli elementi a cui sicuramente non dovete rinunciare vi sono il tavolo e le sedie, in questo caso vi consigliamo di preferire quelle in materiali più resistenti in modo tale da poter lasciare il proprio giardino arredato anche durante l’inverno (ricordandosi sempre di mantenerli il più possibile puliti dopo le piogge).
Un altro elemento indispensabile è avere una buona copertura, scegliete quindi un gazeboun ombrellone che siano in grado di proteggervi dall’umidità durante le ore serali (estive e non) e dai raggi solari durante le ore diurne, creando quindi uno spazio all’ombra.

Il nostro consiglio, in questo caso, è quello di scegliere versioni richiudibili che vi permettano di gestire meglio gli spazi e di conservarle se e quando necessario.
Può essere utile, inoltre, un discreto sistema di illuminazione che vi permetta, magari, di giocare a carte con i vostri amici o di scegliere un buon gioco da tavolo o, semplicemente, di poter stare meglio insieme.

Per donare maggior stile al vostro giardino potreste aggiungere, per esempio, dei cuscini, una tovaglia sul tavolo, un vaso, delle candele, insomma, qualcosa che parli di voi e che allo stesso tempo renda il vostro giardino un luogo “progettato” e personale.
Infine, se avete dei bambini in casa o molti amici con figli e/o parenti di piccola età, potreste allestire una piccola area giochi per loro, magari uno spazio in cui potersi sedere in disparte, con un piccolo tavolino e qualche piccola sedia in modo tale che possano sentirsi anche loro coinvolti.




Potrebbe interessarti

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Letture Gas ENI: ti spieghiamo come avviene il tutto

Letture Gas ENI 

La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Go to Top