In questi ultimi anni, si è accresciuta una certa sensibilità generale verso la cura del corpo e la forma fisica, anche facendo maggiore attenzione ad un’alimentazione sana ed equilibrata. Partendo da questa considerazione, sono stati realizzati alimenti con minori grassi o prodotti che potessero aiutare a ridurne l’acquisizione o comunque eliminassero la loro presenza. Tra i molteplici prodotti creati, è stata inventata anche la friggitrice senza olio.

Difatti, la tradizionale frittura di patatine, ad esempio, oltre ad avere un gusto buonissimo ed invitante, risulta essere molto pesante dal punto di vista delle calorie apportate all’organismo, da qui la necessità di evitarne l’abuso. Adesso, grazie a questo genere particolare di friggitrici, sarà possibile preparare qualsiasi tipo di frittura, evitando però gli effetti negativi dal punto di vista alimentare. 

Andiamo a vedere quindi come funziona la friggitrice senza olio che è davvero utile e in cosa si differenzia rispetto ad una tradizionale friggitrice, valutando al tempo stesso anche eventuali vantaggi e svantaggi del suo utilizzo. Tutto questo in modo da avere una conoscenza completa di tale prodotto, nel caso si fosse interessati al suo acquisto.

Come funziona la frittura tradizionale e questa

La comune frittura si realizza con l’immersione totale di una pietanza nell’olio (o in un grasso) e ciò apporta non soltanto lipidi (quindi grassi appunto), ma funziona anche da conduttore per il calore, che disidrata in modo veloce la superficie degli alimenti immersi e consente di ottenere al tempo stesso la caratteristica fragranza delle pietanze fritte e quella bontà conosciuta da tutti.

La cottura nella friggitrice senza olio, invece, non rientrerebbe nella dicitura di frittura vera e propria, in quanto non sono presenti i grassi tipici di quest’ultima ed il meccanismo si basa su un getto d’aria calda che disidrata gli alimenti in superficie, lasciandoli poi morbidi e gustosi all’interno. Proprio come la frittura tradizionale, ma senza l’assorbimento di grassi, dannoso per l’organismo, e rimanendo così molto più leggeri.

La modalità di questo tipo di frittura

friggitrice senza olio

La cottura in una friggitrice senza olio è simile a quella che avviene all’interno di un forno ventilato, con le friggitrici che usano l’aria come conduttore di calore. Infatti, questa viene spinta alla temperatura di circa 200°C e poi fatta circolare in maniera uniforme nell’intera camera di cottura del piccolo elettrodomestico. I risultati ottenuti sono pressoché uguali ad una pietanza fritta in modo tradizionale, ma con una minor presenza di grassi.

Tipologie e caratteristiche essenziali della friggitrice

La friggitrice senza olio può distinguersi in base alla differente modalità di cottura. Di conseguenza, possiamo avere una friggitrice semplice, che tende a friggere in modo sano ed eliminando circa l’80% dei grassi, e poi anche una friggitrice mixer, che risulta essere multifunzionale in quanto, oltre a friggere, può anche grigliare ed arrostire. 

Tuttavia, in una valutazione complessiva tra le varie tipologie di friggitrice senza olio, dobbiamo tener conto anche di alcuni elementi o caratteristiche, essenziali per un’eventuale scelta. Tra questi possiamo trovare, ad esempio:

  • Capacità del cestello: la capienza di quest’ultimo gioca un ruolo fondamentale, soprattutto in presenza di una famiglia numerosa, mentre risulta meno importante nel caso di una giovane coppia;
  • Temperatura massima e regolabile: in genere, si dovrebbe optare per quei modelli che consentono di regolare la temperatura e di poter raggiungere anche quelle considerevoli, almeno 200°C, in modo da poter ottenere delle pietanze fritte croccanti e dorate;
  • Tempi per il riscaldamento: una valida friggitrice senza olio richiede solo alcuni minuti (circa 3) per preriscaldarsi. Una tempistica maggiore non sarebbe considerata positivamente, in genere.

Vantaggi e svantaggi 

friggitrice senza olio

Per quanto riguarda i vantaggi nell’uso di una friggitrice senza olio, come abbiamo detto vi è una frittura meno grassa e più leggera, quindi un’alimentazione maggiormente salutare. Poi, a livello economico, l’olio tende ad essere un prodotto costoso e, nel lungo periodo, le spese potrebbero essere consistenti per quelle famiglie numerose e che spesso realizzano fritture. Eliminare questa voce, potrebbe avere effetti positivi sul portafoglio. Infine, dal punto di vista ambientale, l’olio tende ad inquinare molto.

Riguardo invece agli svantaggi, i consumi di una friggitrice senza olio in termini di elettricità sarebbero maggiori  rispetto ad una tradizionale friggitrice, difatti si parla di potenze tra i 1000 ed i 2000 Watt. Ulteriore elemento negativo riguarda il sapore delle pietanze (ad esempio, gli alimenti con pastella), che è simile ma non uguale a quelle fritte nell’olio. Il gusto complessivo, quindi, tende ad essere leggermente diverso.    




Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi anche...

Legge sulla cedolare secca: scopri cosa sancisce la normativa

legge sulla cedolare secca

Dal Marzo 2011 è stata introdotta la Legge sulla Cedolare Secca sugli affitti, nonché quella pluriennale e anche un acconto Irpef sugli immobili stessi. Di cosa si tratta?

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top