Negli ultimi anni, la maggior parte della gente evidenzia una certa attenzione e sensibilità alla forma fisica e all’alimentazione sana ed equilibrata. Ed a proposito di quest’ultima, tante sono le modalità con cui prestarvi maggiore cura, tra cui ad esempio l’uso del vapore per la cottura dei cibi. Difatti, attraverso la cottura a vapore, molti alimenti riescono a conservare le loro proprietà nutritive originarie e tali benefici sono conosciuti ormai da diversi decenni.

In tempi recenti, tra gli apparecchi maggiormente utilizzati e diffusi per questo genere di cottura dei cibi, vi è il forno a vapore. Uno dei vantaggi di questo nuovo elettrodomestico è la possibilità di combinare, tra le altre cose, diverse modalità di cottura. Cerchiamo quindi di conoscere maggiormente le peculiari caratteristiche di un forno a vapore e le sue funzionalità, per scoprire ed usufruire dei suoi innumerevoli benefici.

Spieghiamo meglio

Un forno a vapore, in pratica, è un apparecchio che consente di combinare i sistemi di cottura di tipo tradizionale, cioè termoventilata, con quella a vapore appunto. Inoltre, l’eventuale passaggio da una metodologia di cottura all’altra risulta davvero semplice ed è possibile effettuarla quando lo si desidera.

I forni di questo genere permettono di regolare la quantità di vapore da impiegare, a seconda del tipo di alimento da cuocere. La percentuale variabile di calore può essere determinata al 100, al 50 o al 25%, in concomitanza con l’aria (difatti quest’ultima, ad esempio, risulta adoperata per la cottura del pane). Il forno a vapore utilizza la vaporizzazione dell’acqua, che è posta generalmente in alcuni serbatoi laterali, inseriti nella struttura stessa del forno a vapore.

In pratica, il vapore viene creato grazie da una piccola caldaia, che riscalda l’acqua successivamente vaporizzata, e si diffonde uniformemente, così da cuocere in maniera ottimale gli alimenti. E questo consente, inoltre, un notevole risparmio di energia elettrica e di tempo. Tale caldaia naturalmente necessita di pulizia periodica e deve essere decalcificata, con l’uso di prodotti specifici a base di limone o aceto.   

Tipologie di forno a vapore

Forno a vapore

Gli apparecchi di questo genere evidenziano due differenti modalità di funzionamento. I modelli che utilizzano l’acqua, emessa da iniettori particolari, all’interno di alcuni elementi riscaldanti presenti nel vano cottura, mentre il vapore è nebulizzato e si propaga in modo uniforme nel forno. E poi si hanno modelli che sfruttano unicamente il vapore, creato da una sorta di generatore autonomo posto al di fuori del vano cottura.

I primi, generalmente, sono impiegati per cuocere cibi che richiedono alte temperature (anche superiori ai 100°C), mentre i secondi modelli risultano indicati maggiormente per cuocere prodotti o alimenti, come carne, patate, verdure in foglie o impasti, in quanto si può selezionare la temperatura del vapore.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

Compra su Amazon

KLARSTEIN MasterFresh - Forno a Vapore, Cucina a Vapore, 24 L, 230 ° C, Serbatoio Acqua 1,4 L, Cottura a Vapore: 1100 W, Forno: 1900 W, TouchControl, Timer, Nero

Prezzo su Amazon.it: € 239,99
Compra su Amazon

Electrolux EOB3415AOX Forno multifunzione Electric 72 L, Acciaio inossidabile

Prezzo su Amazon.it: € 360
Compra su Amazon

Candy FCPS615X Forno Elettrico Ventilato, 8 Programmi, Sistema di Pulizia Aquactiva, Classe Energetica A, 70 Litri, 595x595x568 mm, Acciaio Inossidabile, Acciaio/Nero

Prezzo su Amazon.it: € 275,99

Quali cibi si possono cuocere ed i benefici ottenuti

Un tipico forno a vapore permette la cottura di diversi cibi o alimenti umidi, quali carne e pesce, inoltre è possibile cuocere e dorare svariate ulteriori pietanze, come focacce, pizze ed il pane, per cui risulta essenziale l'umidità per la loro stessa lievitazione. Difatti, per quanto riguarda gli alimenti umidi, questi vengono cotti unicamente per mezzo del vapore, mentre per altri cibi è necessario l’uso combinato di questo metodo e di getti di aria calda.

I vantaggi di un forno a vapore sono molteplici. Innanzitutto, si evidenzia un risparmio di consumi energetici e minori tempi di utilizzo. Inoltre, si possono cucinare anche più prodotti nello stesso momento, senza il fastidio di mescolare tra loro odori e sapori di ciascuna pietanza. Ulteriori benefici sono quelli del mantenimento delle proprietà nutritive di ogni alimento, quali ad esempio minerali e vitamine.

Non meno importante è anche la conservazione dell’aroma del cibo cotto con questo metodo, senza dover ricorrere all’uso di condimenti particolari o pesanti. Le singole pietanze, poi, restano anche maggiormente morbide e gustose, grazie appunto al vapore. Di conseguenza, l’alimentazione in generale ne risulta più sana, nutritiva, leggera ed equilibrata, ideale per ogni esigenza e per tutti, dai bambini agli anziani.   

 





Potrebbe interessarti

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Articoli correlati

I più condivisi

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi tutto...

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Immagine usata nell'articolo Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sfratto: procedure, proroghe ed esecuzione

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Leggi tutto...
Go to Top