Negli ultimi anni, la maggior parte della gente evidenzia una certa attenzione e sensibilità alla forma fisica e all’alimentazione sana ed equilibrata. Ed a proposito di quest’ultima, tante sono le modalità con cui prestarvi maggiore cura, tra cui ad esempio l’uso del vapore per la cottura dei cibi. Difatti, attraverso la cottura a vapore, molti alimenti riescono a conservare le loro proprietà nutritive originarie e tali benefici sono conosciuti ormai da diversi decenni.

In tempi recenti, tra gli apparecchi maggiormente utilizzati e diffusi per questo genere di cottura dei cibi, vi è il forno a vapore. Uno dei vantaggi di questo nuovo elettrodomestico è la possibilità di combinare, tra le altre cose, diverse modalità di cottura. Cerchiamo quindi di conoscere maggiormente le peculiari caratteristiche di un forno a vapore e le sue funzionalità, per scoprire ed usufruire dei suoi innumerevoli benefici.

Spieghiamo meglio

Forno a vapore

Un forno a vapore, in pratica, è un apparecchio che consente di combinare i sistemi di cottura di tipo tradizionale, cioè termoventilata, con quella a vapore appunto. Inoltre, l’eventuale passaggio da una metodologia di cottura all’altra risulta davvero semplice ed è possibile effettuarla quando lo si desidera.

I forni di questo genere permettono di regolare la quantità di vapore da impiegare, a seconda del tipo di alimento da cuocere. La percentuale variabile di calore può essere determinata al 100, al 50 o al 25%, in concomitanza con l’aria (difatti quest’ultima, ad esempio, risulta adoperata per la cottura del pane). Il forno a vapore utilizza la vaporizzazione dell’acqua, che è posta generalmente in alcuni serbatoi laterali, inseriti nella struttura stessa del forno a vapore.

In pratica, il vapore viene creato grazie da una piccola caldaia, che riscalda l’acqua successivamente vaporizzata, e si diffonde uniformemente, così da cuocere in maniera ottimale gli alimenti. E questo consente, inoltre, un notevole risparmio di energia elettrica e di tempo. Tale caldaia naturalmente necessita di pulizia periodica e deve essere decalcificata, con l’uso di prodotti specifici a base di limone o aceto.   

Tipologie di forno a vapore

Forno a vapore

Gli apparecchi di questo genere evidenziano due differenti modalità di funzionamento. I modelli che utilizzano l’acqua, emessa da iniettori particolari, all’interno di alcuni elementi riscaldanti presenti nel vano cottura, mentre il vapore è nebulizzato e si propaga in modo uniforme nel forno a vapore. E poi si hanno modelli che sfruttano unicamente il vapore, creato da una sorta di generatore autonomo posto al di fuori del vano cottura.

I primi, generalmente, sono impiegati per cuocere cibi che richiedono alte temperature (anche superiori ai 100°C), mentre i secondi modelli risultano indicati maggiormente per cuocere prodotti o alimenti, come carne, patate, verdure in foglie o impasti, in quanto si può selezionare la temperatura del vapore.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

elettrodomestici
Compra su Amazon

KLARSTEIN MasterFresh - Forno a Vapore, Cucina a Vapore, 24 L, 230 ° C, Serbatoio Acqua 1,4 L, Cottura a Vapore: 1100 W, Forno: 1900 W, TouchControl, Timer, Nero

Prezzo su Amazon.it: € 239,99
elettrodomestico a vapore
Compra su Amazon

Electrolux EOB3415AOX Forno multifunzione Electric 72 L, Acciaio inossidabile

Prezzo su Amazon.it: € 360
elettrodomestici
Compra su Amazon

Candy FCPS615X Forno Elettrico Ventilato, 8 Programmi, Sistema di Pulizia Aquactiva, Classe Energetica A, 70 Litri, 595x595x568 mm, Acciaio Inossidabile, Acciaio/Nero

Prezzo su Amazon.it: € 275,99

Quali cibi si possono cuocere ed i benefici ottenuti

Forno a vapore

Un tipico forno a vapore permette la cottura di diversi cibi o alimenti umidi, quali carne e pesce, inoltre è possibile cuocere e dorare svariate ulteriori pietanze, come focacce, pizze ed il pane, per cui risulta essenziale l'umidità per la loro stessa lievitazione. Difatti, per quanto riguarda gli alimenti umidi, questi vengono cotti unicamente per mezzo del vapore, mentre per altri cibi è necessario l’uso combinato di questo metodo e di getti di aria calda.

I vantaggi di un forno a vapore sono molteplici. Innanzitutto, si evidenzia un risparmio di consumi energetici e minori tempi di utilizzo. Inoltre, si possono cucinare anche più prodotti nello stesso momento, senza il fastidio di mescolare tra loro odori e sapori di ciascuna pietanza. Ulteriori benefici sono quelli del mantenimento delle proprietà nutritive di ogni alimento, quali ad esempio minerali e vitamine.

Non meno importante è anche la conservazione dell’aroma del cibo cotto con questo metodo, senza dover ricorrere all’uso di condimenti particolari o pesanti. Le singole pietanze, poi, restano anche maggiormente morbide e gustose, grazie appunto al vapore. Di conseguenza, l’alimentazione in generale ne risulta più sana, nutritiva, leggera ed equilibrata, ideale per ogni esigenza e per tutti, dai bambini agli anziani.   

 



Potrebbe interessarti

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contratto con il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi anche...

Cambio gestore per l'energia: si può risparmiare

Il consumo di elettricità è una delle spese fisse mensili che deve sostenere la famiglia italiana. 

Leggi anche...

Cambiare le piastrelle di casa: info pratiche su come fare

Le piastrelle rappresentano un pò le fondamenta della nostra idea di casa. I “pezzi” che arredano per primi i nostri ambienti. Completano infatti ambienti come il bagno e la cucina, rivestendo i pavimenti e dipingendo un locale più ampio di quanto non sia.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top