Quando si acquista casa, si sente spesso l'esigenza di modificare il vecchio impianto d'illuminazione, spostando le prese di accensione o magari optando per faretti a led da incasso luminosi e meno ingombranti del normale lampadario.

Gli utensili necessari a montare un faretto da incasso sono:

  • matita e metro, per prendere le misure giuste;
  • cacciavite con guaina isolante;
  • pinza;
  • trapano con sega a tazza;
  • tronchese.

Per installare i faretti a led da incasso è necessario in primis creare le condizioni giuste per lavorare in estrema sicurezza. Servirà dunque togliere la corrente prima di qualunque tipo di lavoro. È necessario altresì leggere con molta attenzione le istruzioni riportare sulle confezioni, controllando i colori giusti dei cavi da collegare e la potenza della lampadina adatta al faretto stesso. Se si opta dell'uso esclusivo dei normali faretti a led da incasso in casa, bisogna fare molta attenzione riguardo i consumi per evitare spiacevoli sorprese sulla bolletta della luce in quanto il consumo è nettamente superiore rispetto le normali lampadine, a meno che non si opta per l'utilizzo di faretti a led.

Installare i faretti a led in bagno: meglio l'illuminazione luce calda o luce fredda?

L'installazione di un faretto nel bagno richiede maggiore attenzione vista la presenza di fonti d'acqua molto vicine; è inoltre necessario verificare che ci siano la classe e l'indice di potenza richiesti. La posa di un faretto nel bagno deve infatti seguire norme rigorose e tener conto della classe del faretto, del volume di sicurezza e dei gradi protezione IP dello stesso.

Corretta distribuzione dei fasci di luce nell'appartamento

Per installare i faretti a led è inoltre importante riuscire a montare gli stessi in modo tale da ottenere una corretta distribuzione dei fasci di luce, in grado di dare la giusta luminosità allo spazio, evitando sovra o sotto esposizione dell'intensità della luce.

È infine necessario sapere che, esistono differenti tipi di faretti a led; la posa degli stessi varia dunque anche in base alle tipologie presenti sul mercato.

Se vuoi puoi acquistarli direttamente su Amazon

faretti-amazon.png

Consigli per l’installazione nel controsoffitto di casa in camera, nel salone o nel soggiorno

I faretti a led incassati possono essere inseriti per fornire illuminazione nelle stanze, nel controsoffitto, nei sottopensili della cucina, all’interno degli armadi ecc., non sporgono dalla superficie e ormai sono considerati un elemento molto fashion dei designer degli interni. Fino a qualche anno fa gli unici elementi che potevano essere inseriti all’interno dei faretti a led da incasso erano le lampadine ad incandescenza, che però a causa delle loro dimensioni, sporgevano dalla superficie nella quale erano avvitate.

Oggigiorno le lampadine più utilizzate per questo moderno genere d’illuminazione sono a LED, sono strumenti molto efficienti, producono un calore ridotto e possono essere scelte nella variante luce calda, tendente al giallo, o fredda, tendente al bianco. Quando si desidera installare questo genere d’illuminazione nel controsoffitto è necessario avere a disposizione una determinata strumentazione, eccola di seguito:

  • Nastro isolante.
  • Trapano.
  • Faretti a led da incasso.
  • Sega a tazza.
  • Stucco.
  • Aspirapolvere.
  • Cacciavite.
  • Fili elettrici.

faretti a led

Anche per questo genere d’installazione è fondamentale staccare l’interruttore generale della corrente, che si trova all’interno del quadro elettrico, è quindi preferibile effettuare questo lavoro durante le ore del giorno in cui si può sfruttare la luce solare.

E’ di fondamentale importanza controllare che la lampadina che avete acquistato abbia la stessa portata del portalampade. Il numero dei faretti a led che si devono montare dipende dalla grandezza della zona da illuminare, da quanto si vuole illuminare e dalla potenze delle lampadine. I faretti devono essere collocati ad una certa distanza l’uno dall’altro, altrimenti si rischia di creare un’illuminazione poco omogenea.

I punti dove i faretti a led saranno collocati vengono in genere segnati con una matita e successivamente forati con l’ausilio di un trapano dotato di una sega a tazza. Un consiglio molto utile per cercare di creare meno polvere possibile durante questa fase, è tenere la bocchetta di un’aspirapolvere vicino il trapano, che riesca così ad aspirare subito la polvere prodotta. Poi bisogna procedere con il collegamento elettrico dei fili, che deve essere eseguito da un tecnico abilitato e professionista. Una volta installati i faretti a led è necessario stuccare gli alloggiamenti e tinteggiare il controsoffitto.




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi anche...

Documenti Mutuo: la documentazione di solito richiesta per un preventivo mutuo

Prima di iniziare a girovagare tra agenzie immobiliari e visite negli appartamenti in vendita dei privati, è bene ottenere qualche preventivo per il mutuo per essere certi che l'istituto di credito eroghi l'importo necessario per l'acquisto di una nuova casa. Quasi tutte le banche, online o meno, consentono di avere un preventivo in base alla propria situazione patrimoniale.

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top