Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

  • strumentali per natura (questo tipo di bene ha la possibilità di essere utilizzato per le attività aziendali)
  • strumentali per destinazione (quelli che verranno utilizzati come abitazioni ).

Per quel che concerne gli immobili strumentali per destinazione il legislatore parla chiaro: occorre seguire i dettami validi per gli immobili a destinazione abitativa.

Aliquote IVA nella cessione di immobili strumentali per natura

Per quel che riguarda la cessione degli immobili strumentali per natura occorre far riferimento alle modifiche apportate dal D.Lgs. 223 del 04/07/2006 (le cessioni di immobili strumentali sono passate da un regime di applicazione dell'IVA al generale regime di esenzione dall'IVA). Le cessioni di immobili strumentali per natura devono essere asservite all'imposta di registro nella misura fissa di 168 €, a quella ipotecaria e a quella catastale in misura proporzionale.

L'attuazione dell'IVA alle cessioni degli immobili strumentali per natura è rimasta nel momento in cui si parli di cessioni portate a termine da società costruttrici, di cessioni fatte nei confronti di soggetti passivi IVA e di cessioni nei confronti di persone che non sono soggetti passivi IVA

Aliquote per le imposte catastali

L'aliquota dell'imposta catastale edell’1%.. Concludiamo infine col dire che, se nella cessione degli immobili strumentali per natura intervengono delle banche, le imposte ipotecarie e catastali sono dimezzate. Quest'agevolazione è applicabile nel caso in cui la cessione in oggetto sia soggetta ad IVA.

Chiarimenti importanti

E’possibile distinguere gli immobili in base ai fini fiscali, esistono quelli strumentali, gli immobili merce e quelli patrimonio, cioè quelle strutture che non appartengono a nessuna delle categorie citate e vengono comprati dalle imprese come un investimento. In base all’articolo 43, co.2, del TUIR sono considerati strumentali gli immobili che sono usati solo per l’esercizio dell’attività o della professione del proprietario della struttura. Appartengono invece alla categoria degli immobili strumentali per destinazione, gli edifici che vengono utilizzati dall’imprenditore come beni strumentali per l’attività. E’importante sottolineare l’importanza dell’uso esclusivo del bene ai fini dell’esercizio d’impresa, nel caso invece in cui la struttura sia affittata oppure sia utilizzata in modo promiscuo, non è considerata un bene strumentale per destinazione. Nell’elenco che segue sono illustrati i tipi di immobili che appartengono alla suddetta categoria.

  • Le strutture abitative che sono usate come uffici delle aziende proprietarie, a titolo esemplificativo.
  • Gli immobili che appartengono a società commerciali che a causa delle loro caratteristiche non possono essere utilizzati per altri scopi senza dover apportare evidenti modifiche, anche nel caso in cui siano dati in affitto o in comodato d’uso.

Gli immobili strumentali per natura, in base alle loro caratteristiche, possono appartenere a diverse categorie catastali, che sono illustrate nell’elenco che segue.

  • Categoria B che comprende le unità utilizzate come alloggio collettivo.
  • Categoria C che comprende le unità utilizzate con destinazione ordinaria commerciale e varie.
  • Categoria D che comprende le strutture a destinazione speciale.
  • Categoria E che comprende gli edifici usati per destinazioni particolari.
  • Categoria GA/10 che comprendono gli uffici e gli studi privati. Questi edifici appartengono alla categoria degli immobili strumentali anche se sono affittati o concessi in comodato d’uso.

Gli immobili merce sono quelli che rappresentano l’attività di produzione e di scambio dell’attività svolta dalla società, che deve avere però come unico oggetto tipico l’attività immobiliare di acquisto e vendita o la costruzione e successiva vendita degli edifici realizzati. Gli immobili patrimonio possono appartenere sia alla categoria dei strumentali, sia a quelli merce. In genere questi beni sono rappresentati da terreni o fabbricati che le società acquistano come investimento.



Potrebbe interessarti

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

I più condivisi

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Comodato d'uso di immobile: come funziona con quello gratuito?

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale online: come ottenerla seduti comodamente da casa

Per ottenere una visura catastale gratuita è sufficiente che l’interessato si rechi presso l’Agenzia del Territorio per una consultazione. Esiste un altro modo per prendere visione dei dati catastali richiesti: online, sempre accedendo tramite il servizio offerto dal portale dell’agenzia del territorio. È sufficiente indicare il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali e la provincia in cui è collocato l’immobile di cui si richiedono le informazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come sistemare un rubinetto che perde

Una delle noie che maggiormente affligge ognuno di noi è quella di passare la notte a sentire un rubinetto che goccia. Proviamo a dare qualche consiglio su come fare a risolvere questo annoso problema, e riuscire così a riparare un rubinetto che perde.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il bollettino MAV: cos’è e come pagarlo

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Leggi tutto...
Go to Top