La crisi dei mutui subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009, il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

È iniziata con lo sgonfiarsi della bolla immobiliare: molte persone conun muto subprime non riuscirono a pagare le rate del mutuo a causa del tasso di interesse alzatosi all'inverosimile. I suoi effetti più pesanti si sono registrati tra febbraio e marzo 2007.

Il calo delle borse americane e il subprime

Negli ultimi anni, negli Stati Uniti, i prezzi degli immobili raddoppiavano in media ogni 5 anni (crescita che non sembrava giustificata da un reale aumento di valore degli immobili). Più che una crescita del valore reale delle case, si trattava di una crescita del valore di mercato. La crescita dell'indebitamento di famiglie e imprese era dunque causata dalla stesso aumento dei prezzi.

L'aumento dei tassi di interesse ha portato all'insolvenza dei debitori

Ha consigliato al Congresso l'estensione alle famiglie dell'istituto del fallimento. Ovviamente la situazione è a rischio anche in Italia.

Quali sono le cause che hanno causato la crisi dei mutui subprime

A livello finanziario, il 2007 sarà ricordato per la catastrofica crisi dei mutui subprime, cioè il fallimento di molti fondi immobiliari in stretta relazione con i mutui, prima negli USA e dopo anche nell’Unione Europea. Negli Stati Uniti, le banche concedevano mutui con molta leggerezza anche a soggetti che non davano sicure garanzie, basta che accettassero il mutuo con alte percentuali di interessi.

Nel sistema finanziario degli USA i mutui subprime erano in relazione con i derivati, cioè strumenti finanziari complessi che non sono titoli con proprio valore intrinseco, ma che deriva da altri asset finanziari il cui profitto dipende dalla variazione del loro prezzo: il titolo in gergo si chiama sottostante, molti di questi titoli erano in stretta relazione finanziaria coi i mutui subprime, ecco perché la loro crisi si è ripercossa in pieno sulla crisi economica mondiale.

Era chiaro che era una bolla speculativa che prima o poi doveva esplodere, e difatti esplose quando molte persone che avevano stipulato i mutui, risultarono insolventi. Per arrestare la speculazione intervenne la Fed (Federal Reserve System), la Banca Centrale Americana.

La Fed aumentò i tassi di riferimento al 5%, gli interessi di conseguenza aumentarono di molto, coinvolgendo moltissime persone che diventarono insolventi a loro volta. Ci furono più di 2 milioni di case e immobili che furono pignorati a causa del mancato pagamento delle rate dei mutui.

Nel caos totale e nel panico di milioni di persone totalmente rovinate e milioni di posti di lavoro persi, si arrivò al crollo delle Banche che non riuscivano a rientrare con i crediti. La chiusura della Banca Lehman Brothers, è tra i più eclatanti esempi.

L’effetto della crisi dei subprime negli Stati Uniti si propagò subito nel resto del mondo e soprattutto in Europa, subito dopo il crollo finanziario e della Borsa. Le Banche entrarono in crisi anche in Europa e in Italia, dove si avviò un periodo veramente problematico a livello di fiducia negli investimenti e conseguentemente sul mercato del lavoro con moltissimi posti di lavoro persi.

Molte piccole e medie imprese andarono fallite, causa il calo di lavoro e per mancanza di finanziamenti concessi dalle banche che oramai non concedevano prestiti a nessuno. Si entrò in un periodo dove tutto risultava negativo, la gente che non spendeva soldi, le attività commerciali e le imprese che fallivano, diedero inizio anche da noi a una delle peggiori crisi economica mai vista.





Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Norme per gli ascensori: le regole imprescindibili!

Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ecco come arredare la mansarda

La mansarda è l'ambiente della casa più adatto per l'allestimento di un arredo in stile rustico: il tetto in legno rappresenta una fonte di ispirazione eccellente in questo senso, a maggior ragione se si basa su vecchie travi restaurate, che contribuiscono a garantire un'atmosfera di calorosa accoglienza. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Leggi tutto...
Go to Top