L’11 giugno 1955 Abramo Galassi, insieme ad altri due soci e un solo operaio fonda Faber Plast. Nata come una piccola azienda che produce vaschette per bambini e piccoli oggetti domestici in plastica e resina, la sua crescita è vorticosa. Nel 1958 la Faber Plast produce la sua prima cappa da cucina in plexiglas e con una rapida evoluzione, nel 1963 realizza la prima cappa aspirante per cucina marcando così la nascita del distretto marchigiano delle cappe. L’azienda continua a crescere e ben presto gli operai diventano 12. La cappa aspirante da cucina rappresenta un’innovazione nel settore: un nuovo elettrodomestico, non solo utile ma anche decorativo, che segna l’ascesa della Faber Plast, che con ormai centinaia di dipendenti prende il nome di Faber Spa (www.faberspa.com).

A partire dagli anni ‘80, Faber inizia un processo di internazionalizzazione terminato nel 2015. Di quest’anno è l’ingresso della Faber nel gruppo Franke, leader mondiale nella produzione di lavelli da cucina. La visione innovativa di Faber l’ha portata oggi a produrre più di 3 milioni di cappe l’anno, inoltre, è presente in 4 continenti e possiede 7 stabilimenti in 7 nazioni diverse.

Le cappe Faber si contraddistinguono per il loro design

La strada è ormai tutta in discesa, il boom economico segna la crescita di Faber Spa che, con un prodotto di punta nel mercato come la cappa per cucina aspirante, inizia ad innovare e a coniugare funzionalità e design.

Faber rivoluziona il concetto di cucina e durante questi anni lancia la cappa a T rovesciata e la prima cappa a camino, ancora oggi prodotti riconosciuti per aver introdotto l’innovazione nel settore delle cappe.

Oggi Faber è una delle aziende migliori al mondo, le sue cappe hanno fatto la storia e grazie alla continua ricerca e allo studio costante si presenta come un’azienda con solide radici, ma con uno sguardo sempre rivolto al futuro e alle nuove tecnologie. Ne è un esempio l’innovativa tecnologia AirLane che permette alle nuove cappe sospese della linea F-light (Glow, Odette e Belle) di aspirare l’aria ed eliminarla dalla cucina grazie agli ambienti esterni. Il tutto senza la necessità di un collegamento tra cappa e soffitto che evita che l’aria finisca di nuovo in cucina. Questa nuova svolta nel campo delle cappe aspiranti conferma la già grande esperienza di Faber nel settore. Grazie ai continui studi nel campo della fluidodinamica, Faber è stata in grado di creare una nuova tecnologia, mai usata prima d’ora per nessuna cappa, che riesce ad aspirare l’aria da eliminare, grazie ad un motore presente nel controsoffitto.

Quali sono le principali caratteristiche tecniche delle cappe Faber

Le cappe Faber di ultima generazione si contraddistinguono - oltre che per il design – anche per le innovative soluzioni tecnologiche, il rispetto ambientale, il risparmio energetico, la sicurezza.

Le cappe Faber sono le meno rumorose sul mercato grazie alla tecnologia SIL&STILL e all’ECO Function: la rumorosità alla massima potenza di esercizio è quantificabile in solo 52 decibel (dB - A) e per i modelli dotati di ECO Function, che si attiva premendo un tasto sulla cappa, si potenzia la modalità silenziosa passando a 40 dB. La linea STILL si compone di tre modelli:

  • Onyx Ceiling;
  • Vertical;
  • T-Shape.

Tutti i modelli sono di classe energetica A++. L’effetto silenziato è stato ottenuto grazie allo studio dei flussi aerodinamici all’interno della cappa con l’aggiunta di sistemi di isolamento con materiali speciali sui punti di maggior generazione di rumore. Per aumentare la silenziosità basta attivare il tasto ECO Function, una luce verde segnala che la modalità è attiva e si spegna automaticamente dopo 24 ore. Un’aspirazione silenziosa anche 24 ore su 24 permette il ricambio continuo dell’aria in cucina con consumi ridotti e senza rumore.

Un’altra funzione molto utile è la tecnologia che assorbe gli odori e le condense in cucina. Grazie al STEAM-OFF System (SOS), contemporaneamente all’aspirazione si agisce anche sull’eliminazione degli odori e dell’effetto condensa; si tratta di una tecnologia esclusiva Faber. Il sistema funziona così: mentre la cappa aspira, emette contestualmente dei getti di aria controllata a geometria variabile e a forma elicoidale in modo tale da creare un’accelerazione e una sorta di vortice che agevola la salita dei fumi e dei vapori favorendone il convogliamento e la captazione. In questo modo si risparmia anche sulla pulizia e la manutenzione perché la condensa e i depositi sotto e intorno alla cappa non si creano più. Il problema della condensa è comune sia ai piani di cottura tradizionali che ai piani a induzione per cui si crea uno scarto termico tra la parte calda del fornello accesso e l’aria fredda circostante. L’effetto condensa e il vapore si disperdono anche intorno alla cucina, sporcando le ante e la base dei pensili. Faber ha pensato di ovviare a questo problema con l’esclusivo SOS.

Una delle componenti principali di un’ottima cappa è il suo sistema di filtraggio. Con l’HFH (High Filtering Hood) di Faber, grazie a un’ampia superficie filtrante e al doppio materiale ultrafiltrante, si raggiunge il 95% dell’eliminazione degli odori. L’aria, infatti, passa attraverso un filtro cilindrico più ampio rispetto ai filtri tradizionali, garantendo una maggiore efficacia. Il materiale filtrante è composto da due pannelli di diversa porosità e con carbone attivo: il primo strato blocca le particelle più grandi, mentre il secondo filtra quelle più piccole per un risultato migliore. La manutenzione del filtro è molto semplice: il cilindro, infatti, si può rimuovere facilmente e il materiale filtrante può essere comodamente lavato in lavastoviglie senza deteriorarsi. Il sistema HFH si può, inoltre, applicare anche su altre cappe, perché è molto versatile e il solo montaggio permette di ridurre la rumorosità fino a 3 dB rspetto ai filtri tradizionali in carbone attivo.

Sul piano del risparmio energetico e del rispetto ambientale Faber ha ideato la linea Faber Green i cui prodotti sono certificati in Classe A++ e che permettono una riduzione dei consumi – rispetto agli standard – pari all’85%, riducendo di conseguenza l’inquinamento atmosferico. Sapete che una cappa media in funzione produce gas serra equivalenti agli scarichi di un’auto che percorre 1.747 km l’anno? Con le cappe Faber, tutto questo viene ridotto dell’85% grazie a due tecnologie: motore Brushless e LED Light.

Il motore Brushless mantiene un’elevata efficacia aspirante pur riducendo i consumi in kW/h dell’85% alle velocità medio basse e del 35% alle velocità più elevate. Si tratta di un motore anche molto silenzioso e che garantisce ottime prestazioni in diverse condizioni di impiego.

La tecnologia LED light, invece, fornisce un gradevole effetto luce naturale senza modificare il colore degli oggetti (4100° K di luminosità). Le luci a LED sono integrate nella cappa in modo esteticamente efficace, ma anche facile da pulire, trasferendo una luminosità intensa e ottimizzando la distribuzione della luce nell’ambiente e su tutto il piano di lavoro, migliorandone anche la visibilità. Il consumo è di soli 2 W.

La sicurezza in cucina non è mai troppa e Faber ha pensato a un sistema di controllo che mettesse in relazione il piano cottura con la cappa, il forno e il lavello, in modo tale da assicurare il perfetto funzionamento di ogni componente. Il sistema di controllo si chiama PROTECH ed è una funzione che si può attivare attraverso la connessione wireless integrata nella cappa, in grado di sorvegliare sia il piano di cottura che il lavello, in modo tale che in caso di temperature troppo elevate, eventuali perdite di acqua, il sistema emette un segnale acustico entro 15 secondi per avvertire del pericolo. Il pannello di controllo è posto sull’interfaccia della cappa e fornisce in tempo reale le informazioni necessarie a ristabilire i normali livelli di sicurezza. Si tratta di un sistema di protezione studiato anche per i bambini, la cui curiosità è sempre molto vivace e anche se in cucina è sempre necessaria la supervisione di un adulto, quando accidentalmente ciò non succede interviene PROTECH disattivando il piano cottura (elettrico) e il forno in caso di allarme.

In Italia una cappa su due è Faber

Faber ha rivoluzionato il concetto di cappa da cucina ed ha ridisegnato le cucine di molti italiani. I suoi modelli e le sue linee propongono modelli con design che riflettono le esigenze e il gusto contemporaneo. Non ha mai smesso di rinnovarsi e la sua sempre studiata offerta è in grado di soddisfare le più frequenti esigenze che mostra il pubblico al giorno d’oggi: spazio, praticità, ma anche design.





Potrebbe interessarti

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Vendere casa prima dei 5 anni

Il termine plusvalenza indica un incremento di valore di beni immobili (ad esempio abitazioni) e di valori mobiliari (ad es. azioni) entro un periodo di tempo determinato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cosa fare (e non fare) in caso di fuga di gas

Gli incidenti domestici sono molto più probabili di quello che si pensi. Occorre stabilire delle priorità e soprattutto ricordarsi di delineare delle zone di pericolo da curare in maniera particolare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Documenti per le volture Eni: sai cosa ti occorre?

Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Leggi tutto...
Go to Top