Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Il valore catastale di un immobile si determina moltiplicando la rendita rivalutata per un moltiplicatore definito in base alla categorie catastale di appartenenza. Nello specifico, per tutti gli immobili che appartengono alle categorie A C D ed E, la rendita catastale va rivalutata del 5%; mentre gli immobili che appartengono alla categoria B sono rivalutati del 40%, come indicato nel Decreto legge 3 ottobre 2006 che ha fissato la nuova misura del moltiplicatore per il gruppo catastale B. Parliamo ora dell'esempio di rendita catastale.

Fattori di moltiplicazione del valore catastale

I valori ottenuti devono essere moltiplicati per i seguenti fattori:

  • 110 per la prima casa;
  • 160 per i fabbricati appartenenti ai gruppi catastali A, B, C (escluse le categorie A/10 e C/1);
  • 168 per i fabbricati appartenenti al gruppo catastale B;
  • 60 per i fabbricati delle categorie A/10 (uffici e studi privati) e D;
  • 40,8 per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E.

Tramite una sola operazione è dunque possibile calcolare il valore al catasto di una proprietàimmobiliare, conoscendo la rendita e la categoria catastale, mediante moltiplicazione della stessa non rivalutata, o del reddito dominicale non rivalutato, con tali coefficienti.

Cosa fare per reperire i dati

Se non si è in possesso dei dati relativi alla rendita e alla categoria, è possibile recuperarli sull'atto di acquisto o richiederli facendo una visura catastale presso l'ufficio del territorio o catasto.

Esempio di Rendita catastale

Esempio di Rendita catastale: a cosa serve calcolarne il valore?

Il valore ottenuto serve come base imponibile sulla quale calcolare le imposte negli atti non soggetti ad IVA e limitatamente agli immobili, appartenenti al gruppo A con esclusione della categoria A/10 (negozi-uffici).

L’aumento dei moltiplicatori, già in vigore dall’agosto 2004, non ha nessun effetto invece sull'ICI, la cui base imponibile è sempre pari alla rendita catastale, maggiorata del 5%, moltiplicata 100 o sull'IMU, la cui determinazione si basa sempre sulla rendita catastale. Visita la pagina dedicata all'Imposta Municipale Unica

Valore catastale negli atti di compravendita

Seppur le imposte vengano calcolate sul valore, la nuova legge impone l'obbligo di indicare nell'atto di compravendita il prezzo realmente pagato.

Esempio di Rendita catastale: che cos’è e a cosa serve la planimetria?

Ogni unità immobiliare viene rappresentata un Catasti dalla cosiddetta planimetria catastale, vale a dire un disegno di tipo tecnico che rappresenta un piano o una determinata superficie. Presso il Catasto quindi ogni unità immobiliare finisce con il corrispondere a uno specifico numero identificativo e a una specifica planimetria ad esso associata.

La planimetria può avere diversi tipi di utilizzo e in linea di massima è un documento indispensabile quando si sta acquistando o vendendo una casa o nell’ipotesi in cui si è in procinto di firmare il mutuo per un’abitazione. Grazie a questa i proprietari e gli acquirenti hanno modo di verificare una serie di informazioni molto importanti; in primo luogo è possibile accertarsi del fatto che l’immobile sia iscritto al Catasto, si ha l’opportunità di verificare su una cartina l’ubicazione geografica dell’immobile e l’esattezza dell’indirizzo, ma è altresì possibile verificare la categoria catastale, e accertarsi della rendita catastale, sulla quale vanno poi calcolate sia le tasse che le imposte.

Per quanto concerne le informazioni contenute in questo documento, generalmente in una planimetria è possibile reperire le seguenti informazioni:

  • Piano dell’immobile
  • Altezze interne
  • Eventuali confinanti
  • La destinazione di alcuni locali
  • La presenza di ambienti accessori

Come detto le planimetrie catastali vengono generalmente richieste prima della stipula di particolari atti notarili al fine di verificare determinate informazioni; ricordiamo che la planimetria catastale non ha scadenza, a patto che non venga presentata al Catasto una pianta aggiornata della stessa unità che vada a sostituire la vecchia. Questo significa che la planimetria catastale deve essere presentata non solo quando si costruisce un nuovo immobile o fabbricato ma anche quando vi sono delle variazioni relative a immobili già censiti.

In questo ultimo caso un tecnico deve presentare al Catasto una planimetria aggiornata contenente le seguenti informazioni:

  • Numero della scheda con cui l’immobile è stato dichiarato+
  • Foglio, particella, subalterno catastale
  • Descrizione destinazione d’uso
  • Indirizzo
  • Altezza dei vani
  • Estensione dell’unità
  • Confini dell’immobile

La planimetria catastale contiene generalmente una data di riferimento che sta ad indicare la data di deposito del documento; se questa data è antecedente il 1942 allora l’edifico dichiarato non ha necessità di richiedere autorizzazioni per apportare delle modifiche, mentre se la data è successiva al 1942 allora le autorizzazioni sono indispensabili.

Nuova rendita catastale

Per calcolare correttamente il valore catastale di un immobile bisogna innanzitutto accertarsi dell’entità della nuova rendita catastale: la rendita altro non è se non il prodotto tra il numero dei vani (o, in alternativa, a seconda della categoria cui l’immobile fa riferimento, tra i metri quadrati totali o tra i metri cubi) e la nuova tariffa d’estimo a vano (o a metro quadro, o a metro cubo, sempre a seconda della categoria catastale).

Anche questo fattore tuttavia, la tariffa d’estimo, ha un valore facilmente oscillante, in quanto viene definito a seconda della zona in cui l’immobile è situato, della categoria e della classe di appartenenza dello stesso. Dati, questi appena elencati, che vengono determinati dall’Ufficio Tecnico Erariale della provincia cui l’edificio in questione fa riferimento.

Rendite di immobili di nuova costruzione

Questa, naturalmente, è la procedura che si adotta quando risulta già sancito. Nel caso, invece, di uno stabile di nuova costruzione o recentemente variato nella sua consistenza debbono essere determinati dei valori “presunti” seguendo delle specifiche indicazioni che riguarderanno, chiaramente, il numero dei vani, la volumetria complessiva, il totale della superficie, le zona censuaria, la categoria e la classe dell’edificio preso in esame. Continuiamo il nostro esempio di rendita catastale.

Rivalutazione e fattore moltiplicatore

Tutti gli immobili che rientrano all’interno dei gruppi A, C, D ed E, secondo le categorie catastali devono ricevere una rivalutazione della propria rendita catastale pari al 5%; mentre per gli immobili del gruppo B si deve applicare una rivalutazione pari al 40%.

I valori che si ottengono vanno poi moltiplicati per un fattore diverso di volta in volta, sempre a seconda del gruppo catastale in discussione nonché della destinazione d’uso. Tali valori erano 110 per la prima casa, 120 per i gruppi A, B e C (ad esclusione di A/10 e C/1), 168 per il gruppo B, 60 per A/10 e D, 40,8 per C/1 ed E. il verbo al passato viene qui usato per una questione di prudenza, in quanto con il nuovo Governo non si sa mai cosa ci si deve aspettare…

L'esempio di rendita catastale più cara è a Torino

Pagare la Tasi rivalutando la rendita catastale può essere un problema: secondo le ultime stime, a pagare di più sarebbero i cittadini di Torino, mentre località come Olbia sarebbero totalmente esentate dal pagamento della tassa sulla casa per il 2014.

Si parte dalle città più care: a fronte di una media nazionale di 197 Euro per le città più grandi, Torino si classifica prima con una media di 403 Euro, seguita direttamente dalla capitale: Roma, a parità di rendita catastale, farà spendere a singolo cittadino per la Tasi quasi 390 Euro.

In controtendenza, invece, località come Olbia e Ragusa, dove i cittadini non si dovrebbero preoccupare della Tasi: come mai tante differenze, visto che la tasi è stata applicata su tutto il territorio nazionale?

Le differenze dove nascono?

Aliquote e detrazioni sono state previste dai singoli Comuni: molte realtà hanno deciso di non far pagare la Tasi a chi ha a disposizione solo la prima casa, mentre altre hanno deciso di dare priorità al reddito del nucleo famigliare (consultando documenti come l'ISEE).

A parità di condizioni, quindi, il cittadino di un Comune come quello di Bari non paga (perché il reddito è troppo basso e la rendita catastale non è altissima), mentre il cittadino di Belluno si ritrova a pagare 189 Euro. Le deliberazioni comunali giocano quindi un ruolo fondamentale nel calcolo della Tasi, a parità della rendita catastale da applicare al calcolo.

In alcuni casi, invece di deliberare su agevolazioni dal calcolo più o meno complesso, i Comuni hanno preferito puntare sulla gradualità dell'aliquota da applicare: chi ha una fascia di reddito di bassa si ritrova ad applicare alla rendita catastale un'aliquota ridotta di un punto rispetto alla media del 2,5 per mille prevista dalla legge nazionale; mentre chi “ha di più” anche in termini di rendita potrebbe pagare un'aliquota più alta per compensazione.

A delineare il quadro nazionale è la UIL, che ha evidenziato anche come, in Italia, nelle realtà meno sensibili nei confronti di chi ha solo la prima casa, si è arrivati anche a pagare quasi il 60% in più rispetto alla precedente Imu 2013.

La Tasi ha portato nelle casse dello Stato circa 3,7 miliardi di Euro: questa stima, fatta sempre dalla UIL, va valutata anche come entrata dei Comuni, per poter far fronte ai servizi essenziali.

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Come si calcola il valore catastale di un immobile come prima casa

Il valore catastale di un immobile come prima casa, anche detto valore fiscale, si ottiene moltiplicando la rendita catastale riportata nell’atto di compravendita per un coefficiente di rivalutazione stabilito per legge, che varia a seconda della categoria catastale cui appartiene l’immobile.

Dove trovare la rendita catastale

La rendita catastale o il reddito dominicale è reperibile nelle visure catastali on line: a) visura catastale per nominativo; b) visura catastale per immobile (richiedibile per indirizzo o per Foglio e Particella).

Per le unità immobiliari che appartengono ai gruppi A,C,D,E la rendita catastale è rivalutata al 5%; gli immobili del gruppo B hanno invece il coefficiente di rivalutazione al 40%. Le rendite rivalutate vanno poi moltiplicate per coefficienti diversi a seconda che si tratti di prima casa o del gruppo di appartenenza.

Così il valore catastale di un immobile come prima casa si ottiene moltiplicando la rendita rivalutata per 110, mentre, ad esempio, il valore dei fabbricati appartenenti ai gruppi A e C si ricava moltiplicando la rendita per 120.

Un esempio di rendita catastale di un immobile come prima casa di un immobile della categoria A con rendita catastale di 300,00 euro: 300,00 + coefficiente di rivalutazione 5% = 315,00 x 110 (coefficiente prima casa) = 34.650,00 euro.

I nuovi criteri per la classificazione degli immobili

mutuo casa

Il governo ha in programma la revisione del Catasto, che verrà attuata in accordo con i Comuni e con l’Agenzia del Territorio. I nuovi criteri allo studio per la classificazione degli immobili terranno conto dell’ubicazione, della qualità e della superficie in metri quadri dei fabbricati; discorso diverso per il valore della seconda casa.

La rendita catastale (e, di conseguenza, il valore catastale prima casa) non sarà più calcolata sul numero dei vani ma in base a questi nuovi criteri, tenendo anche conto delle statistiche sui valori del mercato immobiliare. Inoltre le rendite catastali subiranno adeguamenti periodici. Proseguiamo il nostro articolo sull'esempio di rendita catastale.

Il valore catastale seconda casa

La rendita catastale di un immobile è riportata nell’atto di compravendita. Si può acquisire online consultando il sito Catastoinrete.it che offre due tipi di visure: 1) per nominativo (inserendo il nome del proprietario); 2) per immobile (se si conosce l’indirizzo oppure il Foglio e la Particella).

Il valore catastale di un immobile come la seconda casa si ricava moltiplicando la rendita catastale per un coefficiente di rivalutazione diverso a seconda della categoria catastale di appartenenza; la rendita rivalutata si moltiplica poi per un coefficiente stabilito dalla legge, diverso per ciascuna categoria catastale.

Gli immobili appartenenti alle categorie A, C, D, E hanno un coefficiente di rivalutazione catastale del 5%; quelli del gruppo B hanno un coefficiente del 40%.
Come si calcola il valore catastale seconda casa

Il valore catastale di un immobile come seconda casa si ottiene moltiplicando la rendita rivalutata per i seguenti coefficienti, a seconda del gruppo di appartenenza:

- 120 - per i fabbricati appartenenti al gruppo A, C,
- 168 - per i fabbricati delle categorie B
- 60 - per i fabbricati delle categorie A/10 e D
- 40,80 - per i fabbricati delle categorie C/1 ed E

Anche se esula dalla presente trattazione, segnaliamo che la prima casa, indipendentemente dalla categoria catastale di appartenenza, beneficia del coefficiente 110.

Per calcolare, ad esempio, il valore catastale di un immobile come seconda casa di un immobile del gruppo B, la cui rendita catastale ammonta a 100,00 euro, il procedimento è il seguente: 100,00 + coefficiente di rivalutazione 40% = 140,00. 140,00 x 168 = 23.520,00 euro.

La revisione del Catasto

valore catastale di un immobile

Tra le iniziative in programma del governo Monti c’è la revisione del Catasto, che prevede una nuova classificazione degli immobili da attuarsi in collaborazione con i Comuni e l’Agenzia del Territorio. Mentre allo stato attuale la classificazione delle unità immobiliari tiene conto del numero dei vani, in futuro farà fede la superficie in metri quadri, oltre alla zona dove l’immobile è ubicato e alla qualità del fabbricato. Inoltre, come criterio generale di riferimento, si terrà conto delle statistiche sui valori del mercato immobiliare.

Le rendite catastali e, conseguentemente, il valore catastale di un immobile come seconda casa, subiranno variazioni in base a meccanismi periodici di verifica.

Speriamo che il nostro articolo sull'esempio di rendita catastale vi sia stato utiile.

 




Potrebbe interessarti

Agevolazioni fiscali per il canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Agevolazioni fiscali per il canone concordato

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

tassa di registro

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Fideiussione per affitto: come funziona la garanzia di pagamento?

Fideiussione per affitto

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 Affitto

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Calcolo del valore di un immobile: come si effettua?

Calcolo del valore di un immobile

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi anche...

Cambio di residenza online: scopri come eseguire la procedura

cambio di residenza online

A partire dal mese di maggio 2012 sarà possibile effettuare la denuncia del cambio di residenza online attraverso internet. Sarà compito dei vari comuni dare modo ai cittadini di effettuare tale operazione, attivando una sezione online dedicata a questo tipo di operazioni. Il decreto legge 5/12 vuole infatti armonizzare le disposizioni relative al regolamento anagrafico in vigore, istituendo quindi una normativa apposita relativa al cambio di residenza online in due giorni.

Leggi anche...

Leggere la bolletta: quanto costa l’energia elettrica

La lettura della bolletta dell’energia elettrica è spesso un vero e proprio rompicapo. Se aggiungiamo poi concetti difficili, come ad esempio l’adesione al Mercato Libero o al servizio di maggior tutela voluto dallo Stato, le cose si complicano ulteriormente. Anche perché in teoria il servizio appena citato dovrebbe mantenere basse le bollette, ma spesso non è così. La prima cosa da fare quando si legge la bolletta consiste nello scorporare i vari elementi che ci portano alla cifra finale. 

Go to Top