Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario. Se il precedente intestatario non ha fatto una disdetta del contratto, per il il nuovo sarà facile richiedere una voltura senza interruzione del servizio.
In alcuni casi, la voltura delle utenze non è obbligatoria. In altri, ad esempio nel caso di un affitto, rappresenta una garanzia soprattutto per il proprietario nell’eventualità che l’inquilino non paghi le bollette.

Per richiedere una Voltura del gas presso il gestore Eni, servono alcuni dati e determinati documenti da esibire al fine di ottenerla. La richiesta della voltura può essere inoltrata tramite Call Center, on-line, oppure recandosi direttamente in uno dei punti vendita Eni.

Documenti necessari a richiedere la voltura dell'Eni

La voltura può essere richiesta sia da privati sia da professionisti e PMI. Nel primo caso, i dati da comunicare e i documenti da presentare sono:

  • matricola del contatore del gas, è un numero visualizzabile sulla bolletta;
  • POD e/o PDR, entrambi sono dei codici di 14 caratteri visualizzabili in bolletta;
  • l'autolettura del contatore, in accordo con chi lascia l’immobile;
  • l'indirizzo di recapito della fattura di conguaglio finale di chi lascia l'immobile;
  • tipologia d'uso per la fornitura gas, quindi per cosa serve: cottura e acqua calda oppure cottura e riscaldamento con o senza acqua calda;
  • l'indirizzo del nuovo intestatario al quale dovrà essere recapitata la fattura.

Nel secondo caso (professionisti, PMI), i dati e i documenti utili a richiedere la voltura Eni sono:

  • codice fiscale ed eventuale Partita Iva;
  • potenza e lettura dei contatori; l'indirizzo del precedente intestatario;
  • l'atto costitutivo e/o l'autocertificazione di iscrizione allaCamera di Commercio (C.C.I.A.A.);
  • documento di riconoscimento quale carta d'identità, passaporto ecc.;
  • per i condomini, l'autorizzazione firmata da tutti i condomini e dall'amministratore.

Qualora si richiedessero anche delle agevolazioni sarà necessario esibire, tra i documenti da consegnare per la voltura Eni, anche quelli per ottenere tali privilegi.

La voltura si richiede anche quando si ha la necessità di cambiare la tipologia di utillizzo del gas.
Una volta fatta la richiesta, il fornitore invierà la proposta di contratto che dovrà essere firmata e inviata nuovamente ad Eni. Il servizio viene attivato quando il cliente riceve la “lettera di accettazione” ed è possibile iniziare ad usufruire del gas.
Il cliente che fa una richiesta di voltura dove pagare i costi amministrativi e la prestazione commerciale, così come viene indicato nel contratto. Il pagamento viene effettuato contestualmente alla prima bolletta. Per approfondire ulteriormente ti consigliamo l'articolo di ComparaSemplice.

In caso di subentro

Il subentro si effettua nel caso in cui il contratto sia stato disdetto dal vecchio intestatario del servizio. Infatti, in tal caso, il contatore del gas rimarrà chiuso finchè il nuovo inquilino / proprietario non richieda l’attivazione di un nuovo contratto. Il tempo previsto per l’attivazione della fornitura è di 10 giorni lavorativi. Se nel caso in cui questo tempo fosse superato, il cliente ha diritto ad un indennizzo di 30€.

Nei casi di subentro, servono entrambi i documenti del precedente e del nuovo intestatario, che attestino le dovute modifiche e una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà.

Per il subentro da parte di PMI sarà necessaria anche la comunicazione dei dati catastali legati all'abitazione dove è presente l'utenza; la comunicazione va effettuata compilando "Modulo per la comunicazione dei dati catastali identificativi dell'immobile presso cui è attivata l'utenza gas" già preimpostato.

Il modulo viene spedito a casa con tutti i documenti utili ad ottenere il contratto d'attivazione; andrà compilato in tutte le sue parti e inviato all'indirizzo scritto sul retro dello stesso.

Qualora si delegasse a un altro soggetto la richiesta di voltura o subentro, è infine necessaria la copia del documento d'identità del delegante, quella del delegato, nonché un documento per la voltura Eni che dimostri tale cosa.





Potrebbe interessarti

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Comunicazione in Questura del Contratto di Locazione

Il decreto legislativo 70/2011 ha introdotto numerose novità nel campo degli affitti: con la sua entrata in vigore, dal 7 Aprile è venuto a cadere infatti l’obbligo per gli affittuari di inviare una comunicazione alla Questura sulla locazione, purché quest'ultima sia debitamente registrata e non riguardi l’esercizio di un’attività imprenditoriale. Diverso invece il discorso se la parte interessata sia un cittadino extracomunitario, fuori dai confini dell’Unione Europea.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Verniciare ringhiera: guida passo passo

Il balcone può essere considerato il punto della casa che più da adito ad aspettative nei confronti di chi viene a visitarci. E' infatti la parte che si mostra al pubblico e che serve a dare la prima impressione di quello che poi si trova all'interno.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il bollettino MAV: cos’è e come pagarlo

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Leggi tutto...
Go to Top